19 Maggio 2024

"COVID, VACCINI, NEW GENERATION, UE: IDEE E PROPOSTE" di Giorgio Benvenuto

24-03-2021 - EDITORIALE
“Non più indipendenza ma interdipendenza, questa è la parola nuova in cui si dovrà riassumere in sintesi il nuovo senso di libertà ,…quello da cui potrà nascere da tanto dolore un avvenire diverso dal passato” sono parole di Pietro Calamandrei, uno dei Padri della nostra Costituzione all’indomani della tragedia della seconda guerra mondiale. Il senso è chiaro: per risalire occorre collaborare. Un richiamo che è spesso presente in uno dei protagonisti più vicini ai drammi creati dalla pandemia, Papa Francesco. Per lui “le mani che si stringono non garantiscono solo solidità ed equilibrio, ma trasmettono anche calore umano”. Anche in questo caso il messaggio è inequivocabile: per uscire dalla emergenza è importante la cooperazione degli sforzi, ma ci vuole anche passione etica e, diciamo noi, politica e sociale. Molto meglio di quelle frasi falsamente salvifiche come “tutto andrà bene” oppure “ne usciremo migliori” la cui retorica non ha scalfito la sfiducia, celando solo un tentativo di stabilire una sorta di esperienza di democrazia diretta fra vertice politico e cittadini che è sfociato in un fallimentare immobilismo.

Il governo Draghi sta affrontando una congiuntura che aggiunge continui motivi di preoccupazione con le fasi mutevoli della pandemia ed anche in conseguenza di un’Europa che non ha saputo gestire al meglio la condivisione nella gestione dei vaccini tanto da condurre il governo Draghi, forse il più europeista, a minacciare di “fare da soli”.
Chiamato a dirigere il Paese in un momento cruciale, Draghi era stato scelto soprattutto per guidare il Paese ad ottenere le ingenti risorse del Recovery fund, visto che il suo prestigio in Europa dopo averla “salvata” alla Presidenza della Bce durante la recessione del 2008, poteva essere la migliore garanzia per averle. Invece la sorte del suo Governo si sta giocando sull’esito della vaccinazione che però riporta a galla il grande problema dell’assetto della nostra sanità e del rapporto fra Stato centrale e regioni. Una questione che grazie anche alle future risorse messe a disposizione dall’Europa andrà affrontata alla radice ricostruendo con il contributo anche delle forze sociali tutti i ruoli, come le caratteristiche della sanità territoriale, l’assistenza domiciliare grande assente oggi nelle proporzioni necessarie, un migliore rapporto fra le intelligenze scientifiche in nostro possesso e la produzione.
La pandemia da questo punto di vista ha mostrato limiti e debolezze del nostro sistema sanitario che dipende in gran parte da scelte sbagliate in passato e da politiche costruite sulla gestione invece che sulla programmazione. E se abbiamo retto lo dobbiamo in particolare alla abnegazione del “popolo” sanitario che ha retto allo tzunami del Covid con grande spirito di sacrificio.
Ma le questioni economiche non sono scomparse dalla scena. Sono tutte lì ed implicano la necessità che le forze politiche la smettano con gli slogan ad uso televisivo e si dotino invece di proposte e di una visione dei problemi che vada ben oltre il momento contingente. Il governo Draghi sta mostrando di essere in grado sia pure a fatica di poter modificare comportamenti politici negativi. Si è sottolineato a ragione l’atteggiamento del Presidente del Consiglio che chiama le cose con il suo vero nome. E siamo passati, finalmente, dalla ridicola espressione di pace sociale al termine “condono” per quanto riguarda la sanatoria delle cartelle esattoriali. Ma questo governo non può riformare anche la politica e la società. Non glielo possiamo chiedere. E’ compito invece delle forze politiche e sociali che hanno tutte l’esigenza di ricostruire le loro identità e di creare le condizioni per una reale nuova classe dirigente che non sia ancora una volta il residuo di quelle del passato. Ed è un discorso che dovrebbe valere sia nel centrodestra che nel centrosinistra. Teniamo conto inoltre che Draghi a differenza dei precedenti governi ha a che fare con un consenso di quasi tutti i partiti molto più complicato da governare di quello di formule come il “gialloverde” o il “giallorosso”.
E non c’è molto tempo da perdere. Le economie forti si stanno già riorganizzando. Per gli Stati Uniti si prevede un Pil quest’anno di oltre il 6% grazie anche ai 1900 miliardi di dollari promessi da Biden. La Cina, sfruttando anche il suo mercato interno, si muove su una simile lunghezza d’onda. L’Europa è più lenta, certo, ma non dimentichiamo che prima della pandemia noi eravamo considerati il fanalino di coda e che anche nella emergenza creata dalla diffusione del virus non ci siamo smentiti sul terreno che più doveva essere seguito e reso efficiente: quello assistenziale.
E proprio da questo tema si dovrebbe ricominciare: imprenditori e sindacati hanno garantito una certa continuità produttiva, senza trascurare la indispensabile sicurezza. Un merito che gli va riconosciuto. Ma come deve rispondere ora il governo e il mondo politico se non approntando una riorganizzazione degli ammortizzatori sociali in grado di evitare gli errori del recente passato? Occorrerebbe un grande negoziato fra Governo e parti sociali, ma con il contributo propositivo anche delle forze politiche. Una riedizione, nel metodo, di quei grandi accordi che hanno permesso all’economia reale di tornare a respirare senza gravi conseguenze sociali. Il lavoro deve tornare ad essere il problema centrale della ripresa economica sostenibile.
Cosa vuole dire questa considerazione se non che potremo liberarci dell’emergenza solo ponendo le basi solide di un percorso riformatore nel quale riprogettare i cardini di una crescita non episodica.
Lo si dovrebbe fare sul lavoro, sulla sanità, ed anche sul fisco. Abbiamo assistito alle polemiche accese sulla sanatoria delle cartelle esattoriali. Ma è passato in secondo piano il problema reale: quello di riorganizzare la riscossione nazionale e locale (quante multe si celano in quei mancati introiti?) all’interno di una più ampia riforma fiscale che manca da troppo tempo. Superando anche dei paradossi: ci concentriamo sulle piccole cifre da riscuotere e in Italia ed in Europa non facciamo nulla o quasi nei riguardi dei grandi gruppi multinazionali, pensiamo ad Amazon o ai giganti del web, che accumulano profitti da capogiro, spesso più alti dei bilanci di uno Stato, senza pagare un effettivo pegno fiscale. Quando usciremo da questa contraddizione? Non è forse giunto il momento di farlo?
Le basi per una stagione di riforme vanno poste adesso e probabilmente ridisegneranno anche identità politiche e sociali. Del resto per quanto tempo ancora potremo delegare la politica economica tout court alle Banche centrali, Bce e Fed in testa? Anche in questo caso assistiamo ad un paradosso che sfiora il grottesco: l’Europa e ancor più l’Italia hanno dimenticato cosa vuol dire inflazione. Abbiamo navigato a lungo sulle soglie della deflazione invece. Ora le previsioni ci dicono che potrebbe rialzare la testa mentre ancora non c’è una ripresa economica in avvio. Ebbene il confronto su questo tema si svolge tutto fra le Banche centrali che minimizzano il problema e i mercati finanziari che si preparano ai possibili scenari di una nuova impennata inflazionistica. Una questione di economia reale che sfugge totalmente ai suoi interpreti principali che non dovrebbero trovarsi nella finanza o nel mondo bancario. Perché il silenzio dei partiti ed anche degli attori dell’economia e della produzione è totale. Disattenzione, ignoranza, sottovalutazione? Tutto potrà essere ma nei prossimi mesi potrebbe tramutarsi in un errore che pagheranno le fasce sociali più deboli innanzitutto. Ma qui sorge un altro quesito: possiamo affrontare questa montagna di problemi economici con un’ Europa che ha solo sospeso le sue “regole” già datate prima della pandemia? No di certo, vanno riscritte tutte. In questo senso la scelta su Draghi potrebbe essere un buon viatico per restituire all’Italia una presenza da protagonista nell’Europa da rifare. Ma non può trattarsi solo di un lavoro diplomatico attraversato per giunta da scelte geopolitiche (il nuovo rapporto fra Usa ed Europa…), oppure degli sherpa esperti di economia. Da rilanciare ci deve essere anche l’Europa sociale che chiama in causa l’iniziativa delle forze sindacali. Fra le varie dichiarazioni di questi tempi acquista un interesse che non andrebbe lasciato cadere quella che ha visto il nuovo Segretario del Pd parlare apertamente di partecipazione. E’ un tema nel quale ci sono già esperienze europee che andrebbero però riordinate in un sistema europeo di relazioni industriali capace di far fare passi avanti in tutti i Paesi membri, includendo il nodo dei diritti del lavoro. In Italia per decenni quello della partecipazione è stato un tema divisivo, inutile negarlo. Ma oggi che le suggestioni antisistema non sembrano più andare di moda, si potrebbe affrontare l’intera problematica in modo diverso e più costruttivo. Sempre che si accompagni alla volontà di riconoscere ai sindacati il ruolo che gli è proprio ed il valore di una loro azione unitaria. Non ci sono più problemi facili, ormai. Se si vuole cambiare, si deve…cambiare.



Fonte: di GIORGIO BENVENUTO
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie