17 Giugno 2021

"COVID, VACCINI, NEW GENERATION, UE: IDEE E PROPOSTE" di Giorgio Benvenuto

24-03-2021 - EDITORIALE
“Non più indipendenza ma interdipendenza, questa è la parola nuova in cui si dovrà riassumere in sintesi il nuovo senso di libertà ,…quello da cui potrà nascere da tanto dolore un avvenire diverso dal passato” sono parole di Pietro Calamandrei, uno dei Padri della nostra Costituzione all’indomani della tragedia della seconda guerra mondiale. Il senso è chiaro: per risalire occorre collaborare. Un richiamo che è spesso presente in uno dei protagonisti più vicini ai drammi creati dalla pandemia, Papa Francesco. Per lui “le mani che si stringono non garantiscono solo solidità ed equilibrio, ma trasmettono anche calore umano”. Anche in questo caso il messaggio è inequivocabile: per uscire dalla emergenza è importante la cooperazione degli sforzi, ma ci vuole anche passione etica e, diciamo noi, politica e sociale. Molto meglio di quelle frasi falsamente salvifiche come “tutto andrà bene” oppure “ne usciremo migliori” la cui retorica non ha scalfito la sfiducia, celando solo un tentativo di stabilire una sorta di esperienza di democrazia diretta fra vertice politico e cittadini che è sfociato in un fallimentare immobilismo.

Il governo Draghi sta affrontando una congiuntura che aggiunge continui motivi di preoccupazione con le fasi mutevoli della pandemia ed anche in conseguenza di un’Europa che non ha saputo gestire al meglio la condivisione nella gestione dei vaccini tanto da condurre il governo Draghi, forse il più europeista, a minacciare di “fare da soli”.
Chiamato a dirigere il Paese in un momento cruciale, Draghi era stato scelto soprattutto per guidare il Paese ad ottenere le ingenti risorse del Recovery fund, visto che il suo prestigio in Europa dopo averla “salvata” alla Presidenza della Bce durante la recessione del 2008, poteva essere la migliore garanzia per averle. Invece la sorte del suo Governo si sta giocando sull’esito della vaccinazione che però riporta a galla il grande problema dell’assetto della nostra sanità e del rapporto fra Stato centrale e regioni. Una questione che grazie anche alle future risorse messe a disposizione dall’Europa andrà affrontata alla radice ricostruendo con il contributo anche delle forze sociali tutti i ruoli, come le caratteristiche della sanità territoriale, l’assistenza domiciliare grande assente oggi nelle proporzioni necessarie, un migliore rapporto fra le intelligenze scientifiche in nostro possesso e la produzione.
La pandemia da questo punto di vista ha mostrato limiti e debolezze del nostro sistema sanitario che dipende in gran parte da scelte sbagliate in passato e da politiche costruite sulla gestione invece che sulla programmazione. E se abbiamo retto lo dobbiamo in particolare alla abnegazione del “popolo” sanitario che ha retto allo tzunami del Covid con grande spirito di sacrificio.
Ma le questioni economiche non sono scomparse dalla scena. Sono tutte lì ed implicano la necessità che le forze politiche la smettano con gli slogan ad uso televisivo e si dotino invece di proposte e di una visione dei problemi che vada ben oltre il momento contingente. Il governo Draghi sta mostrando di essere in grado sia pure a fatica di poter modificare comportamenti politici negativi. Si è sottolineato a ragione l’atteggiamento del Presidente del Consiglio che chiama le cose con il suo vero nome. E siamo passati, finalmente, dalla ridicola espressione di pace sociale al termine “condono” per quanto riguarda la sanatoria delle cartelle esattoriali. Ma questo governo non può riformare anche la politica e la società. Non glielo possiamo chiedere. E’ compito invece delle forze politiche e sociali che hanno tutte l’esigenza di ricostruire le loro identità e di creare le condizioni per una reale nuova classe dirigente che non sia ancora una volta il residuo di quelle del passato. Ed è un discorso che dovrebbe valere sia nel centrodestra che nel centrosinistra. Teniamo conto inoltre che Draghi a differenza dei precedenti governi ha a che fare con un consenso di quasi tutti i partiti molto più complicato da governare di quello di formule come il “gialloverde” o il “giallorosso”.
E non c’è molto tempo da perdere. Le economie forti si stanno già riorganizzando. Per gli Stati Uniti si prevede un Pil quest’anno di oltre il 6% grazie anche ai 1900 miliardi di dollari promessi da Biden. La Cina, sfruttando anche il suo mercato interno, si muove su una simile lunghezza d’onda. L’Europa è più lenta, certo, ma non dimentichiamo che prima della pandemia noi eravamo considerati il fanalino di coda e che anche nella emergenza creata dalla diffusione del virus non ci siamo smentiti sul terreno che più doveva essere seguito e reso efficiente: quello assistenziale.
E proprio da questo tema si dovrebbe ricominciare: imprenditori e sindacati hanno garantito una certa continuità produttiva, senza trascurare la indispensabile sicurezza. Un merito che gli va riconosciuto. Ma come deve rispondere ora il governo e il mondo politico se non approntando una riorganizzazione degli ammortizzatori sociali in grado di evitare gli errori del recente passato? Occorrerebbe un grande negoziato fra Governo e parti sociali, ma con il contributo propositivo anche delle forze politiche. Una riedizione, nel metodo, di quei grandi accordi che hanno permesso all’economia reale di tornare a respirare senza gravi conseguenze sociali. Il lavoro deve tornare ad essere il problema centrale della ripresa economica sostenibile.
Cosa vuole dire questa considerazione se non che potremo liberarci dell’emergenza solo ponendo le basi solide di un percorso riformatore nel quale riprogettare i cardini di una crescita non episodica.
Lo si dovrebbe fare sul lavoro, sulla sanità, ed anche sul fisco. Abbiamo assistito alle polemiche accese sulla sanatoria delle cartelle esattoriali. Ma è passato in secondo piano il problema reale: quello di riorganizzare la riscossione nazionale e locale (quante multe si celano in quei mancati introiti?) all’interno di una più ampia riforma fiscale che manca da troppo tempo. Superando anche dei paradossi: ci concentriamo sulle piccole cifre da riscuotere e in Italia ed in Europa non facciamo nulla o quasi nei riguardi dei grandi gruppi multinazionali, pensiamo ad Amazon o ai giganti del web, che accumulano profitti da capogiro, spesso più alti dei bilanci di uno Stato, senza pagare un effettivo pegno fiscale. Quando usciremo da questa contraddizione? Non è forse giunto il momento di farlo?
Le basi per una stagione di riforme vanno poste adesso e probabilmente ridisegneranno anche identità politiche e sociali. Del resto per quanto tempo ancora potremo delegare la politica economica tout court alle Banche centrali, Bce e Fed in testa? Anche in questo caso assistiamo ad un paradosso che sfiora il grottesco: l’Europa e ancor più l’Italia hanno dimenticato cosa vuol dire inflazione. Abbiamo navigato a lungo sulle soglie della deflazione invece. Ora le previsioni ci dicono che potrebbe rialzare la testa mentre ancora non c’è una ripresa economica in avvio. Ebbene il confronto su questo tema si svolge tutto fra le Banche centrali che minimizzano il problema e i mercati finanziari che si preparano ai possibili scenari di una nuova impennata inflazionistica. Una questione di economia reale che sfugge totalmente ai suoi interpreti principali che non dovrebbero trovarsi nella finanza o nel mondo bancario. Perché il silenzio dei partiti ed anche degli attori dell’economia e della produzione è totale. Disattenzione, ignoranza, sottovalutazione? Tutto potrà essere ma nei prossimi mesi potrebbe tramutarsi in un errore che pagheranno le fasce sociali più deboli innanzitutto. Ma qui sorge un altro quesito: possiamo affrontare questa montagna di problemi economici con un’ Europa che ha solo sospeso le sue “regole” già datate prima della pandemia? No di certo, vanno riscritte tutte. In questo senso la scelta su Draghi potrebbe essere un buon viatico per restituire all’Italia una presenza da protagonista nell’Europa da rifare. Ma non può trattarsi solo di un lavoro diplomatico attraversato per giunta da scelte geopolitiche (il nuovo rapporto fra Usa ed Europa…), oppure degli sherpa esperti di economia. Da rilanciare ci deve essere anche l’Europa sociale che chiama in causa l’iniziativa delle forze sindacali. Fra le varie dichiarazioni di questi tempi acquista un interesse che non andrebbe lasciato cadere quella che ha visto il nuovo Segretario del Pd parlare apertamente di partecipazione. E’ un tema nel quale ci sono già esperienze europee che andrebbero però riordinate in un sistema europeo di relazioni industriali capace di far fare passi avanti in tutti i Paesi membri, includendo il nodo dei diritti del lavoro. In Italia per decenni quello della partecipazione è stato un tema divisivo, inutile negarlo. Ma oggi che le suggestioni antisistema non sembrano più andare di moda, si potrebbe affrontare l’intera problematica in modo diverso e più costruttivo. Sempre che si accompagni alla volontà di riconoscere ai sindacati il ruolo che gli è proprio ed il valore di una loro azione unitaria. Non ci sono più problemi facili, ormai. Se si vuole cambiare, si deve…cambiare.



Fonte: di GIORGIO BENVENUTO
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale, la voce del liberalismo progressista in Italia.



Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio