18 Maggio 2022

"BRINDISI COI BICCHIERI COLMI D’ACQUA"

24-04-2022 - DIARIO POLITICO di Giuseppe Butta'
Molti hanno festeggiato la presentazione del disegno di legge governativo per la riforma dell’ordinamento giudiziario e del CSM. A chi si potrebbe negare un bicchiere di vino? ma temo che i festeggianti debbano accontentarsi dell’acqua. Non si può non essere d’accordo con quanti hanno detto, a proposito della riforma Cartabia, che peggio dell’immobilismo è far finta di cambiare; qualche altro ha detto che questa pseudo-riforma è solo il primo passo: spero che non sia anche l’ultimo, che non sia il solito ‘provvisorio’ prezzoliniano, unico ‘definitivo’ della vita italiana.
Di questa cosiddetta riforma, una cosa mi ha colpito soprattutto: che i ministri si siano dovuti lamentare di non aver avuto il testo per tempo in modo da poterlo leggere e valutare. Una riforma che dovrebbe essere epocale non si può discutere in due ore di consiglio dei ministri senza nemmeno avere prima visto le carte.
Una delle ragioni addotta dal governo per giustificare la fretta sarebbe quella di dare un seguito immediato e rispettoso alla sollecitazione fatta dal bispresidente Mattarella, nel suo discorso di reinsediamento al Quirinale.

Bene.

Abbiamo tutti preso atto che, finalmente – dopo sette anni trascorsi al Quirinale senza sentire il bisogno di farlo con un messaggio alle Camere o di farlo nella sua qualità di presidente del CSM nelle numerose occasioni di crisi e di scandali che si sono presentate – Mattarella ha detto quattro parole su questa grave questione: «Nell’inviare un saluto alle nostre Magistrature – elemento fondamentale del sistema costituzionale e della vita della nostra società – mi preme sottolineare che un profondo processo riformatore deve interessare anche il versante della giustizia. Per troppo tempo è divenuta un terreno di scontro che ha sovente fatto perdere di vista gli interessi della collettività… Nella salvaguardia dei principi, irrinunziabili, di autonomia e di indipendenza della Magistratura – uno dei cardini della nostra Costituzione – l’ordinamento giudiziario e il sistema di governo autonomo della Magistratura devono corrispondere alle pressanti esigenze di efficienza e di credibilità, come richiesto a buon titolo dai cittadini … È indispensabile che le riforme annunciate giungano con immediatezza a compimento affinché il Consiglio superiore della Magistratura possa svolgere appieno la funzione che gli è propria, valorizzando le indiscusse alte professionalità su cui la Magistratura può contare, superando logiche di appartenenza che, per dettato costituzionale, devono rimanere estranee all’Ordine giudiziario. Occorre per questo che venga recuperato un profondo rigore».

E, se deve recuperarlo, non significa che l’aveva perduto?

Quattro parole che, tuttavia, sono bastate a condonargli l’omissione settennale e a incoronarlo con l’aureola del defensor fidei. Un po' di aria fritta, tant’è che la riforma – approvata dal consiglio dei ministri per soddisfare il saggio appello del Presidente della Repubblica – è il classico topolino partorito dalla montagna.
Tra le tante parole sibilline che Draghi ci ha fatto sentire nella conferenza stampa di presentazione della riforma, alcune sembrano degne di essere ricordate: «in merito al CSM, come la ministra Cartabia potrà confermare, è stata una discussione ricchissima e molto condivisa … e ha raggiunto alcuni obiettivi importanti. Prima di tutto la condivisione dell'impianto fondamentale della riforma; la delimitazione delle aree dove permangono delle differenze di vedute di opinioni; l'impegno, molto importante, ad adoperarsi con i capigruppo a dare priorità assoluta in Parlamento per l'approvazione della riforma in tempo utile per l'elezione del prossimo Consiglio superiore della magistratura. Un'altra caratteristica condivisa è stata la consapevolezza della necessità di un pieno coinvolgimento delle forze politiche, insieme al rispetto dei tempi. Quindi niente tentativi di porre la fiducia. Ci vuole un accordo, ci vuole condivisione, è un provvedimento di portata tale che necessita di questa apertura, di questo rispetto del Parlamento. Infine c'è stato l'impegno corale, affermato da tutti i ministri, a sostenere con i loro partiti la riforma». Dunque ci sarebbe un impegno corale delle forze politiche che sostengono il governo a portare chiarimenti su ciò che è oscuro nella riforma e a modificare quanto è migliorabile di essa ma, intanto, non c’è che un vuoto quasi ‘pneumatico’. Draghi dice di essersi anche impegnato a non porre la questione di fiducia in Parlamento.

E ci mancherebbe altro!

Tuttavia, non c’è molto da sperare dal dibattito parlamentare: basta vedere i commenti dei vertici dei partiti, soprattutto quello del ‘cervello rimpatriato da Parigi’, il segretario del Pd Enrico Letta, che si dice pienamente soddisfatto e felicemente twitta : «Bene la proposta di riforma del CSM approvata dal Consiglio dei ministri. In linea col programma di governo e con le indicazioni contenute nel discorso del presidente Mattarella applaudito dalle Camere. Ora avanti».
Insomma, non si tocca. E, infatti, ha ragione: il discorso di Mattarella ha tardivamente elencato ‘titoli’, cui si sarebbe dovuto dare svolgimento nella riforma, ma non sono stati riempiti di contenuto: e questo è quanto vuole il PD. Dal quale, infatti, si leva una ‘voce viva’, unanime: Anna Rossomando, Alfredo Bazoli e Walter Verini invitano a sostenere «il punto di equilibrio raggiunto in Cdm». Il loro entusiasmo e, insieme, il loro timore che questo impianto della riforma – a parere di molti, omisssivo – possa essere alterato sono comprensibili poiché è il loro partito ad avere il più forte interesse a non modificare lo status quo del sistema giudiziario. All’opposto, Forza Italia, Lega, Italia Viva ne sottolineano i limiti assai gravi.
Perché il ministro Cartabia – come prima il Presidente Mattarella – si arrocca dietro il paravento della incostituzionalità per impedire qualsiasi riforma intesa a scardinare lo strumento – le ‘correnti’ – attraverso il quale i giudici si sono appropriati, indebitamente, di un potere politico nella gestione del CSM o, anche, qualsiasi riforma delle carriere dei magistrati separando gli inquirenti dai giudicanti? Perché il ministro della giustizia – minacciando il ricorso al voto di fiducia, anzi il ricatto visto che il governo è in atto blindato dalla guerra in Ucraina – vuole commettere l’ingiustizia di impedire una libera discussione parlamentare?
Ora, tralasciando le questioni relative ai codici di procedura nelle quali non entriamo sia perché ancora non si conoscono i testi dei decreti legislativi sia perché troppo tecniche e fuori dalle nostre competenze, vorremmo soffermarci sul versante della struttura della magistratura e del suo organo di autogoverno.

Il sistema elettorale per il CSM previsto dalla Cartabia è un’abominevole messa in scena per lasciare le cose come stanno, cioè per continuare a consentire le cordate politiche nella magistratura, etc.: questa nuova invenzione – cosiddetto ‘binominale’ – è più ‘porcellum’ del ‘porcellum’ ed è tanto dire. Se il Parlamento non avrà la forza per modificare la proposta del governo, si avrà un sistema elettorale piuttosto sui generis, per non dire pasticciato e stravagante: 14 dei 20 magistrati del CSM saranno eletti con un sistema maggioritario in collegi nei quali saranno eletti i due magistrati più votati, su un minimo di sei candidati. Un quindicesimo seggio sarà assegnato a un pubblico ministero sulla base di un calcolo ponderato che individuerà uno tra i terzi più votati. Gli ultimi cinque seggi saranno assegnati invece con un sistema proporzionale nazionale. Non ci saranno liste nazionali, ma ci si potrà candidare individualmente. In extremis, stante il rifiuto Draghi-cantarbiaco di una riforma radicale del sistema elettorale, il genio italico di ideazione di compromessi insensati ha stabilito che, anziché sorteggiare i candidati, vengano sorteggiate le Corti d’appello che formeranno i collegi nei quali le ‘liste’ saranno votate: come se le cordate non si formino dopo!

Un ‘maquillage’, anzi un ‘travestimento’ indecente.

Ad avviso del governo, questo sarebbe un sistema che introdurrebbe una componente di imprevedibilità nell’elezione dei membri ‘togati’ del CSM. Ma è veramente risolutivo dei problemi – logiche clientelari, lottizzazione delle cariche, avanzamenti di carriera legati all’appartenenza politica, divisioni per gruppi, faziosità, lotte fratricide, accaparramento di voti, mercato delle nomine e dei favori – che hanno trasformato il CSM in un terreno di scontro, spartizione e clientelismo?
L’aver lasciato cadere l’ipotesi del sorteggio per la nomina dei membri del CSM significa aver ceduto alle pressioni delle parti più politicizzate della magistratura la quale, sostenendo che il sorteggio sarebbe incostituzionale, ha minacciato di mandare tutto al diavolo.
Ma, oltre al sistema di elezione o nomina dei membri del CSM, bisognerebbe definire – il più possibile nei dettagli per evitare i consueti abusi interpretativi cui ci hanno abituato i magistrati – i poteri del CSM e i loro limiti e le modalità del loro esercizio, per esempio se esso abbia o non il potere di non eseguire una sentenza del Consiglio di stato.
Bisognerebbe altresì porre mano ai criteri seguiti per l’avanzamento di carriera dei magistrati che, mentre godono dei privilegi della carriera aperta, di avanzamento per anzianità e senza alcun sistema di selezione e valutazione, per cui anche il pretore di roccacannuccia può avere il grado, e lo stipendio, di Presidente di sezione della Cassazione pur non avendone la funzione – insomma, tutti generali – sono affidati all’imperscrutabile saggezza dell’organo di autogoverno quanto al loro posizionamento nelle cariche e nelle sedi.
Per non parlare delle porte girevoli tra magistratura e università: un magistrato che passa nell’università continua a percepire lo stipendio che aveva da magistrato mentre il suo collega universitario, magari con il doppio di anzianità di servizio, ha uno stipendio inferiore almeno della metà (succede anche l’inverso con i luminari universitari nominati all’improvviso tra i giudici di Cassazione).
Per non parlare degl’incarichi fuori-ruolo (ministeri e dintorni) che non solo sottraggono un’infinità di magistrati alla loro propria funzione ma li espongono anche alla tentazione politica; per non parlare degli arbitrati privati, molto lucrosi, cui molti magistrati sono chiamati e cui essi accorrono volentieri sottraendo tempo alla loro funzione giurisdizionale pubblica.
Per non parlare, infine, delle luminose carriere politiche costruite sulle spoglie della giustizia. Ora, per essere obiettivi, sulle porte girevoli tra politica e magistratura la riforma ha messo qualche granello di sabbia. Speriamo che basti!
Ma la polemica rovente già in corso fa temere che – a fronte di un fenomeno che inquina alle radici la terzietà del magistrato – la proposta del Governo sia abbastanza blanda: se il magistrato che ha partecipato ad una consultazione politica o amministrativa è stato eletto, deve aspettare cinque anni prima di rimettere la toga, mentre ne deve aspettare solo tre se non è stato eletto. Addirittura potrebbe tornare subito ad indossare la toga il magistrato che ha ricoperto incarichi di governo nazionale (ministro, sottosegretario) o territoriale (assessore) per nomina diretta. E qui già infuria il sospetto che questa sia una norma ad personam, per salvare un sottosegretario in carica.
Nulla poi si prevede sulla separazione delle carriere tra magistrati inquirenti e magistrati giudicanti; nulla sulla responsabilità civile dei giudici non solo verso i cittadini – spesso vittime di ingiusta detenzione, di lunga durata dei processi, di decisioni giudiziarie errate colposamente (e, talvolta, dolosamente) – e anche verso lo stato, spesso dissanguato finanziariamente a causa di indagini lunghe, costose e infondate nonché dei risarcimenti (sia pure irrisori) che lo stato deve sborsare ai cittadini danneggiati.
Qualcuno dice che le riforme si fanno in Parlamento: è vero. Ma quando le fa.
Non mi stancherò mai di ripetere che il non aver proceduto al chiarimento politico con nuove elezioni, dopo quelle del 2018, è la causa della palude in cui si trova oggi la politica italiana. Il governo, diviso tra posizioni quasi inconciliabili, per quanto sia guidato da un uomo di valore e capacità qual è Draghi oggi non può fare altro che declinare solo i titoli delle riforme da fare.
I referendum sono stati promossi proprio a causa dell’inerzia del Parlamento e comunque nessuno può togliere al popolo il diritto di fare sentire la sua voce né è democratico sollecitare l’astensione per fare mancare il quorum.
La Corte Costituzionale ne ha ammessi 5 su 6 escludendo quello sulla responsabilità civile personale dei giudici, forse a ragione perché pare che configuri un referendum sostanzialmente propositivo vietato dalla Costituzione. Ma non ci illudiamo; anche se i referendum approvassero i quesiti proposti, non nutriamo grandi speranze che il Parlamento provveda poi sollecitamente a dare esecuzione alla volontà popolare.





Fonte: di Giuseppe Butta'
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Facebook, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://www.facebook.com/about/privacy/update)
Cookie utilizzati (https://www.facebook.com/about/privacy/cookies)
Aderente al Privacy Shield

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per protezione da spam
Questi servizi acquisiscono dati dagli utenti e tramite varie logiche distinguono il traffico di utenti reali da quello di potenziali minacce di spam.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google reCAPTCHA
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di protezione da spam
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Cookie utilizzati (https://policies.google.com/technologies/types?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Analytics
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di analisi web fornito. Questo servizio raccoglie i dati personali dell'utente per monitorare e analizzare l'utilizzo del sito web www.rivoluzionedemocratica.it, generare report e utilizzarli anche per gli altri servizi di Google. Google può usare i dati raccolti per personalizzare i propri annunci pubblicitari.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Opt-Out (https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Fonts
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare caratteri (fonts) esterni sul proprio sito web
Dati personali raccolti: tipologie di dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 14/12/2021 12:28
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it  obbligatorio