25 Febbraio 2024

"ATTUALITA' DELL'ANTIFASCISMO E DEL MERIDIONALISMO DI TOMMASO FIORE (a mezzo secolo dalla sua scomparsa)"

26-06-2023 - CRONACHE SOCIALISTE
Il 4 giugno scorso cadeva il 50.o anniversario della scomparsa di Tommaso Fiore, autorevole intellettuale e politico meridionalista e antifascista pugliese, amico e allievo di Salvemini. L'anniversario può essere l'occasione per ripercorrere il suo pensiero e il suo contributo alla lotta antifascista nel e per il Sud che, per certi aspetti, presenta sorprendenti tratti di originalità e di attualità. Allievo di Salvemini - si è detto - e del suo maestro il nostro conservò e sviluppò l'analisi originale del fenomeno fascista nel Meridione, collocandolo in continuità con il cd. giolittismo, ossia con i fenomeni di familismo amorale, di corruzione e di complessivo degrado della società civile, con l'aggiunta della sistematica aggressione violenta contro gli oppositori, tutti elementi che – Fiore e Salvemini lo hanno sempre sottolineato – nel Meridione preesistevano al Fascismo.

Il contributo di Fiore alla lotta antifascista e meridionalista appare però peculiare anche rispetto a quello di Salvemini. Quest'ultimo, infatti, si allontanò ben presto fisicamente dal Sud, dapprima seguendo i suoi studi e la sua carriera accademica e successivamente in forzato esilio in Inghilterra e negli USA; Fiore rimase invece sempre pienamente inserito nel contesto socio-politico della sua Puglia natia e fu testimone diretto (e vittima) di tutti i tumultuosi eventi socio-politici del Novecento che la attraversarono. La sua testimonianza e la sua analisi risultano pertanto preziose per comprendere come si manifestarono e come incisero nella specifica realtà meridionale quei complessi fenomeni. In particolare, la sua testimonianza risulta preziosa per comprendere in quale humus affondarono le radici del fascismo in Puglia, quale substrato culturale ne costituì il brodo di coltura.

Il contributo originale offerto da Tommaso Fiore al movimento antifascista e al pensiero meridionalistico è ormai unanimemente riconosciuto, come ha evidenziato Ferdinando Pappalardo in un bell'articolo articolo apparso qualche mese fa su Repubblica Bari dove ha opportunamente sottolineato che “i due piani vanno strettamente coniugati, perché in lui la ribellione alla dittatura s'intreccia inestricabilmente con la battaglia per il riscatto del Mezzogiorno” [1] .

Il presupposto da cui parte Fiore, lo stesso sostanzialmente di Salvemini, è che “la tragedia del Mezzogiorno (ecco che la storia di ieri si colora dei problemi di oggi) è di non aver potuto mai spezzare il cerchio di corruttela che lo soffoca”[2]. E, nel 1963, egli scriveva ancora: “Si sa che il Fascismo è nato nel Nord e uomini del Nord lo hanno portato nel Parlamento. Da noi quello che vige è il secolare borbonismo, un disinteresse alla cosa pubblica, un adattarsi ed accettar tutto, per ragioni di tranquillità”. E aggiungeva amaramente: “anche oggi questo stato di cose è tutt'altro che debellato.”[3]

In un saggio del 1962 pubblicato da Mondoperaio, egli affronta specificamente il tema delle origini del Fascismo in Puglia. “Noi in Puglia non possiamo dimenticare che questa tradizione di levar di mezzo i propri avversari politici era antica almeno quanto le elezioni nel Mezzogiorno, dal 1860 in poi, …. Se ne ricordò il Salvemini, entrando in Parlamento, allorché il 16 dicembre 1920 ebbe a interpellare i suoi ex compagni: ‘O amici del gruppo socialista, tra il 1902 e il 1913, quando io cercavo – ero solo allora – di richiamare l'attenzione di uomini d'onore e di fede dell'Italia Settentrionale e Centrale sulle infamie che avvenivano fra di noi, io sentivo molte volte rispondermi: - Queste cose non avvengono da noi! – E io replicavo: - Badate, che se voi lasciate consolidare questo sistema fra noi, esso si estenderà anche fra voi. I fatti mi hanno dato ragione'.” [4]

In un articolo del 1923, Fiore aveva ancor più chiaramente denunciato: (erano) “travestiti da fascisti, gli stessi ceti, gli stessi uomini che nell'età giolittiana avevano fatte le elezioni coi mazzieri, rapinati i comuni, sfruttati i contadini; gli stessi tipi sociali e umani, spesso le stesse persone fisiche, che Salvemini per un ventennio aveva bollato d'infamia”[5].

In un altro articolo, sempre dello stesso anno, il suo giudizio sullo stato della società civile meridionale, così come destabilizzata da secoli di “borbonismo” e decenni di giolittismo, è davvero impietoso: “nel Mezzogiorno non è possibile vita politica né costituzione di partiti perché vi manca l'organizzazione di grandi interessi collettivi: i pochi individui che in ogni cittadina fanno la politica si occupano degl'interessi personali di poche famiglie dominanti, dei capi parte, dei vari elettori, ne aiutano i figli negli studi e nelle carriere amministrative, danno loro i posti nel Comune e nelle poche aziende pubbliche, diminuiscono loro le tasse, li aiutano negli appalti dei servizi pubblici, e sono impossibilitati, anche volendo, a fare una politica di idee e d'interessi generali, chè parlerebbero a sordi.”[6]

È questo forse il contributo principale di Fiore (e di Salvemini) all'analisi del fenomeno fascista. Egli parla di “pre-fascismo”[7], intendendo quel clima di corruzione, clientelismo e violenza che talvolta si afferma prepotentemente nelle società occidentali e che favorisce inevitabilmente (o quasi) l'avvento di fenomeni autoritari. Nei suoi scritti successivi, Fiore sottolinea con forza che la mala pianta del pre-fascismo in Italia non è mai stata davvero divelta. Una mala pianta che, secondo Fiore non ha radici solo in Italia bensì, in misura e con caratteristiche diverse, in tutta Europa. Dopo la caduta del Fascismo egli vedeva la malapianta rinverdirsi nei metodi repressivi di Scelba e nella persecuzione dei comunisti nel mondo. Ma egli, nel descriverla, non pone mai solo l'accento sulla violenza o sulla sopraffazione, ma anche sulla corruzione che, in fondo, è una forma più sottile di violenza perché colpisce le coscienze.

Ed è qui l'assoluta attualità del messaggio di Fiore. Sotto questo profilo, durissimo è il suo giudizio sulla borghesia intellettuale del Sud quando prende a prestito le parole di Salvemini: “I piccoli borghesi intellettuali del Sud sono quasi tutti scemi e ladri … Fonda una lega di contadini e subito avrai un avvocato, che diventa segretario, e che si mangia i soldi, e ripete a pappagallo tutte le corbellerie che legge nei giornali del Nord, purché siano giornali di partito, cioè che portino quella data testata che è per essi legge indiscutibile”[8] , ed aggiunge di suo: “Questo è il problema che ci sta dinanzi. Che valore ha dunque la nostra cultura dagl'inizi del secolo alla caduta del Fascismo? … Anche oggi questo stato di cose è tutt'altro che debellato”[9].

Un altro rilevante aspetto della straordinaria attualità dell'antifascismo di Fiore si esprime nella sua costante sottolineatura della necessità di costruire, contro il Fascismo, un'alleanza fra operai, contadini e piccola borghesia, il cd. blocco storico allargato [10] per arginare la marea montante dello squadrismo.

Un'opzione che trovò riscontro anche nella sua breve esperienza di politica attiva, tutta intrisa del suo originario “combattentismo democratico”, quale sindaco della natia Altamura, alla guida di una giunta che comprendeva anche esponenti della borghesia agraria [11]. Di qui anche l'idea del “partito di popolo” e non di classe, agente delle forze sociali in un blocco alternativo nell'ambito di un progetto di “rivoluzione democratica” in chiave autonomista e regionalista [12].

Carlo Rosselli nel 1926 scriveva che Fiore era “forse il solo, fra noi, a conoscere bene il problema meridionale e quindi i problemi agrari del Sud” e lo invitava a collaborare con “Quarto Stato”, rivista fondata dallo stesso Rosselli e da Pietro Nenni, affidandogli la direzione della tematica meridionalista [13].

Tommaso Fiore fu tra i pochi intellettuali a non “prendere la tessera” senza peraltro allontanarsi dal suo territorio; il suo fu un antifascismo vissuto e patito sulla propria pelle, con pesanti ripercussioni sulla sua professione e sul suo tenore di vita (la sospensione dall'insegnamento per attività sovversiva all'indomani dell'assassinio di Matteotti; poi, durante la seconda guerra mondiale, la condanna al confino e successivamente, alla reclusione). Subì anche gravi lutti: in una straziante coincidenza, proprio nel giorno stesso della sua scarcerazione (il 28 luglio 1943), il figlio Graziano cadeva sotto il fuoco delle truppe badogliane a Bari.

Il suo percorso politico, si sviluppò partendo dal combattentismo democratico, passando per il liberalismo rivoluzionario di Gobetti, continuando sulla via del socialismo liberale di Carlo Rosselli, cui seguirà l'adesione a Giustizia e Libertà e al Partito d'Azione; infine, l'iscrizione al Partito Socialista Italiano: un percorso contrastato ma coerente. “Per Fiore il partito politico non era una chiesa e neppure una caserma, ma lo strumento attraverso cui realizzare i valori in cui fermamente credeva. Il suo spirito libertario, la sua autonomia intellettuale erano radicalmente incompatibili con qualsiasi forma di dogmatismo”; cosi ha, ancora, mirabilmente, scritto di lui Pappalardo [14]. E, in precedenza, altri aveva altrettanto efficacemente sottolineato: “Le asprezze dialettiche che dividono socialisti e comunisti … non lo sfiorano … Fiore è tutto immerso nei problemi del popolo tradito, la società debole del Sud, fuori dall'ottica classista. Vede uomini e donne che patiscono ingiustizie e sogna il riscatto più che la conquista del potere” [15]

Fu comunque fra i teorici del Liberalsocialismo e il leader indiscusso degli antifascisti baresi, svolgendo un ruolo rilevante nel Congresso dei Comitati di Liberazione Nazionale tenutosi a Bari nel gennaio 1944.

In tutto l'arco della sua vita, non mancò di far sentire la propria voce ogni volta che intravide tendenze involutive e rigurgiti reazionari che potevano mettere in pericolo la democrazia; continuò anche ad analizzare lucidamente le trasformazioni della società meridionale e pugliese in particolare, denunciandone instancabilmente le ataviche piaghe.

È stato efficacemente definito uno “storico sociale”. C'era infatti in lui “un'apertura spregiudicata ai caratteri della realtà pugliese, alla documentazione minuta che appare frutto dell'interesse specifico che ha per la concretezza dei particolari un uomo politico continuamente spinto ad analizzare le condizioni presenti per costruire ipotesi eventuali di intervento” [16]. In particolare, il ricco epistolario del periodo 1910-1931 [17] testimonia l'ampiezza di vedute e il metodo storiografico con cui intraprese tante ricerche, sempre allo scopo di indagare con maggiore profondità gli ancestrali problemi irrisolti della società pugliese e meridionale [18] . Alludendo al suo rientro dalla guerra e alla sua professione di insegnante, scrisse il 25 settembre del 1923 ad Augusto Monti: “Qualunque altro si sarebbe buttato nella pratica dello scrivere, per imparare il mestiere: io, invece, imparai a parlare il dialetto, mi feci cafone fra i cafoni” [19].

Significativo e incisivo fu anche il suo contributo alla rivalutazione delle tradizioni popolari e folkloristiche pugliesi e all'adeguamento dei programmi didattici della scuola statale per ancorarla alle variegate realtà del territorio che fu al centro di un convegno che si svolse a Bari nel 1921 su iniziativa della sezione barese della Società Umanitaria di Milano [20].

Infine, la sua fiducia nella capacità della cultura di farsi impegno civile e di incidere sui processi di trasformazione della società meridionale e di emancipazione dei suoi cafoni, viene espresso con particolare efficacia nella terza opera della sua trilogia nella quale impegno culturale, ricostruzione storica e impegno sociale appaiono indissolubilmente connessi. Ne sono ammirevole testimonianza le calorose parole che egli, in quell'opera, dedica all'amico leader sindacale, simbolo del destarsi del proletariato agricolo pugliese: “Colui che più di tutti operò per ridurre a cittadini i selvaggi di Puglia, fu Peppino Di Vittorio che, con piena coscienza, ha fatto, per la redenzione del proletariato italiano e mondiale e per l'avanzamento di tutto il vivere civile” [21]

Di questo meridionalismo e antifascismo (in Fiore sempre indissolubilmente legati) oggi sia il nostro Sud che l'intera Italia avrebbero estremo bisogno; in un'epoca in cui l'unità nazionale è messa a repentaglio da improvvidi tentativi di depauperare ancora di più le competenze dello Stato centrale in funzione di un regionalismo che mira a favorire e valorizzare solo le ragioni di un nord già ricco ed evoluto a tutto discapito di un sud condannato a essere ancor più negletto. Un regionalismo però lontanissimo, opposto a quello propugnato da Tommaso Fiore, che ne teorizzava una forma “solidale”, diretta discendenza del pensiero di Carlo Cattaneo. Un tentativo di secessione tacita verso il quale il Sud oggi non sembra essere in grado di reagire, poiché la crisi dei partiti di massa e della loro azione rigeneratrice, sta facendo prepotentemente riemergere i vecchi fantasmi della corruzione e del familismo amorale di cui si nutrirono il borbonismo, il giolittismo e il fascismo; fantasmi che oltre settant'anni di dialettica democratica non sono evidentemente riusciti ad estirpare e che ne indeboliscono la coscienza civile.



[1] F. PAPPALARDO, Tommaso Fiore, Il suo antifascismo fu dettato dall'etica, Repubblica Bari 20 gennaio 2023

[2] T. FIORE (a cura di), Relazioni sull'Italia meridionale, col. 150, 1952, p.216, ripreso da ID., Formiconi di Puglia, (1990-1945), Piero Lacaita Editore, 2013, p. 31.

[3] T. FIORE, Formiconi di Puglia, cit., p. 34, la cui prima edizione vide la luce, appunto, nel 1963.

[4] T. FIORE, Il fascismo in Puglia, in Mondo Operaio, 1962, nn. 11-12, pp. 64 ss.

[5] Le parole di Fiore sono riportate da G. ARFÈ, Prefazione, in T. FIORE, Incendio al Municipio, Lacaita Editore, 1967, p. 11, che le riprende da un articolo di Fiore apparso su “Critica Politica”, rivista repubblicana diretta da Oliviero Zuccarini,

[6] L'articolo, intitolato “Subito dopo la marcia su Roma. Il fascismo ed il nazionalismo nella Puglia”, apparso su “Critica politica” nel 1923, è stato ripubblicato in T. FIORE, Incendio al Municipio, cit., p. 38 ss.

[7] T. FIORE, Il fascismo in Puglia, cit., p. 66

[8] T. Fiore, Formiconi di Puglia. Vita e cultura in Puglia (1900-1945), Piero Lacaita Editore, 2013, p. 33

[9] T. FIORE, Formiconi di Puglia, cit., p. 34 (la prima edizione del libro è del 1962 che è quindi l'epoca di cui Fiore parla).

[10] C. NASSISI, Introduzione, in C. Nassisi (a cura di), Tommaso Fiore e i suoi corrispondenti (1910-1931), Piero Lacaita Editore, 1999, p. XCI. Cfr. anche V.A. Leuzzi, voce “Fiore Tommaso”, in Dizionario biografico degli italiani, Treccani, vol. 48, 1997: “Le possibilità di lotta al fascismo e di costruzione di una prospettiva democratico-socialista erano legate alla formazione di un nuovo blocco sociale, non limitato all'alleanza ‘contadini-operai', ma comprendente fasce di piccoli produttori della campagna e della città”.

[11] Sulla quale v. T. FIORE, Incendio al Municipio, nell‘edizione curata dal figlio Vittore del 1967, cit. Sulla breve esperienza di Fiore sindaco si veda anche il prezioso materiale pubblicato nel sito www.tommaso fiore.it e, in particolare, le pagine espressamente dedicate alla mostra organizzata in Altamura nel 2007 dall'Associazione Culturale Il Circolo delle Formiche in collaborazione con l'IPSAIC (Istituto per la Storia dell'Antifascismo e dell'Italia Contemporanea), https://www.tommasofiore.it/tommaso-fiore-la-mostra

[12] C. NASSISI, Introduzione, cit., p. XCII.

[13] C. NASSISI, Introduzione, cit., p. XCVIII

[14] Ferdinando Pappalardo, Tommaso Fiore. Il suo antifascismo fu dettato dall'etica, Repubblica Bari 20 gennaio 2023

[15] G.GIACOVAZZO, Un inviato molto speciale, Prefazione a T. FIORE, Un popolo di formiche, Palomar, 2020., p. 12.

[16] NASSISI, op. cit., p. LXXXVII

[17] Ora raccolto nel citato curato da Nassisi

[18] L'appassionata attenzione di Fiore a tutto il territorio pugliese emerge dai tre i testi della sua nota trilogia (Un popolo di formiche, Un Cafone all'inferno e Formiconi di Puglia); il particolare legame con la città di Taranto emerge in G.L. CONVERTINO, Tommaso Fiore nella patria di Archita, Scorpione editrice, 2012.

[19] C. NASSINI, Tommaso Fiore, Il formicone di Altamura, Schena Editore, 2001, p. 40.

[20] C. NASSINI, Tommaso Fiore, Il formicone di Altamura, cit., p. 50-51.

[21] T. FIORE, Formiconi di Puglia, cit., p. 60-61, passo opportunamente sottolineato nella bella Postfazione di avito Antonio Leuzzi.





Fonte: di Liliana Cazzato
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie