25 Febbraio 2024

"ANNO 2024 SEGNATO DALLE ELEZIONI"

Il 2024 è un anno elettorale da record. Decine di paesi andranno al voto, interessando la metà della popolazione globale. Dalle nazioni ricche a quelle in via di sviluppo, in pochi mesi si deciderà il destino del prossimo decennio.
Il Guardian ha efficacemente definito il “Super Bowl della democrazia”. Un numero record di elezioni, che alla fine potrebbero determinare un mondo più libero o al contrario un peggioramento delle democrazie globali.
Il 7 gennaio 2024 ci sono già state le elezioni generali in Bangladesh, dove non è cambiato nulla. Hasina è stata rieletta con elezioni truccate secondo i partiti di opposizione. Il dato ufficiale riporta una partecipazione al voto del 40 per cento circa.
Il 13 gennaio 2024 si è votato a Taiwan per le elezioni presidenziali e per il cambio del Parlamento. Un voto che condiziona inevitabilmente i rapporti con la Cina rimasti invariati dopo la riconferma del partito democratico che ha ottenuto la maggioranza relativa in una situazione politicamente difficile per la formazione di un nuovo governo ed il rischio di nuove elezioni anticipate.
Il 4 febbraio 2024, a El Salvador si voterà per il cambio del presidente e del Parlamento.
Il giorno 8 febbraio si voterà in Pakistan.
Il 14 febbraio 2024, in Indonesia si voterà per le elezioni presidenziali e per il cambio del Parlamento.
Il 24 febbraio 2024, si voterà anche in Bielorussia per le elezioni presidenziali, ma è quasi certa la rielezione di Aleksander Lukashenko.
Il primo marzo 2024, in Iran si voterà per il cambio del Parlamento, ma anche in questo caso non si aspettano grossi cambiamenti.
Il 10 marzo si vota in Portogallo con i socialisti in difficoltà.
Il 17 marzo 2024, anche la Russia va al voto, con esito praticamente scontato.
In primavera si voterà in India, la più grande democrazia del mondo. L'attuale presidente Narendra Modi punta alla sua rielezione.
Il 2 giugno 2024, il Messico andrà al voto per le elezioni presidenziali e per il cambio del Parlamento.
Il 9 giugno in Belgio si voterà in concomitanza con le elezioni del Parlamento europeo.
Tra il 6 e il 9 giugno 2024, ci saranno le tanto attese Elezioni Europee. Si dovranno nominare 720 rappresentanti, 15 in più rispetto all’ultima elezione europea.
Il 5 novembre 2024, gli Stati Uniti sono chiamati ad eleggere il nuovo Presidente e rinnovare il Congresso.
Non ancora decise le date per le elezioni in Austria (previste in autunno) e quelle in Gran Bretagna (entro l’anno) dove i laburisti potrebbero tornare al governo.
Sono questi gli appuntamenti più attesi per il 2024 in cui due miliardi di persone dovrebbero recarsi alle urne per decidere le sorti di oltre 75 paesi in cui vivono più di quattro miliardi di persone: la metà della popolazione mondiale. È difficile far finta che l’altra metà del mondo non sarà influenzata dai risultati elettorali che emergeranno e che plasmeranno almeno la fine del decennio, se non l’intera metà del secolo.
Ci sono elezioni ed elezioni. Circa 40 paesi, che rappresentano il 42 per cento della popolazione, terranno quelle nazionali, mentre negli altri sono previste tornate locali come in Italia. Ci sono anche quelle transnazionali, come le europee. Paesi ricchi o in via di sviluppo, democratici e non. Perché è vero che si andrà a votare, ma in alcuni contesti le competizioni elettorali saranno tutt‘altro che libere.
Secondo quanto riporta l’Economist, infatti, elezioni veramente eque si svolgeranno solo in 43 dei 76 paesi, pari al 55 per cento. Una percentuale che suffraga la narrazione di un mondo diviso tra democrazie e autocrazie o, in alcuni casi, regimi.
Nel caso dell’Iran, dove sarà rinnovato il parlamento, non sono previste svolte significative in un paese in cui negli ultimi anni la repressione feroce si è confermata contro opposizioni e spinte innovative, tuttavia rimane la possibilità di intravedere qualche segnale lanciato nei confronti delle autorità politiche e religiose, con il boicottaggio e l’astensionismo.
Sempre a marzo, andrà al voto pure la Federazione Russa di Vladimir Putin, che ha annunciato a dicembre la sua scontata rielezione in una scontata competizione. Le figure che hanno sfidato Putin sono fuori dai giochi, i candidati in lizza che si discostano da lui sono deboli e il sospetto che siano in corsa solo per dare una parvenza di competizione seria è reale.
Per l’attuale presidente il dubbio è solamente la percentuale che riuscirà a ottenere, lecitamente o meno. Anche in questo caso, difficile pensare a un miglioramento delle condizioni democratiche della Russia, con la guerra in Ucraina che continuerà e con Putin pronto a rimanere al potere fino al 2036.
Un discorso simile può valere anche per la Bielorussia, le cui elezioni parlamentari sono a febbraio del 2024 mentre le presidenziali l’anno successivo. Aleksander Lukashenko, da 30 anni alla guida del paese, continuerà a governare reprimendo le opposizioni, con queste ultime che hanno già deciso di boicottare le urne a febbraio, motivo per cui non si attendono cambi di scenario.
In Ucraina ancora non è chiaro se si svolgeranno le elezioni a causa della guerra. Il presidente Volodymyr Zelensky ha allontanato al momento l’ipotesi. Ma le pressioni interne ed esterne non saranno facili da gestire per molto, e con tutte le criticità del caso, si potrebbe aprire la possibilità di vedere gli ucraini in fila a votare sotto le bombe russe, trionfo plastico della democrazia.
Rimanendo nel territorio europeo andranno al voto Portogallo, Romania, Austria, Belgio, Croazia, Lituania. La Finlandia per le presidenziali, così come la Slovacchia. Discorso a parte per il Regno Unito dove la data delle elezioni non è fissata ma il premier, Rishi Sunak, ha confermato la sua intenzione di chiamare i cittadini a votare nel 2024. Dopo 14 anni di governo conservatore, i britannici sarebbero pronti a voltar pagina scegliendo i laburisti.
Per tutti i paesi dove le fondamenta della democrazia non sono in pericolo, l’ipotesi forse peggiore è quella di un generale spostamento del baricentro verso l’estrema destra, per esempio in Portogallo o Austria. Nulla però che non possa essere istituzionalizzato, come già visto in altre parti, Italia compresa.
Spostamento a destra previsto anche alle elezioni europee, con i 400 milioni di elettori in tutta l’Unione che andranno al voto per rimodellare le istituzioni di Bruxelles. I risultati di questa elezione transnazionale avranno un peso specifico notevole perché dallo scontro tra sovranisti ed europeisti probabilmente nasceranno riforme strutturali che plasmeranno la prossima Unione europea.
Se il 2024 sarà un anno record per le urne, però, molto è dovuto all’India e ai suoi 900 milioni di elettori che tra aprile e maggio voteranno. Nel paese asiatico, potenza in via di sviluppo per fattori demografici ed economici, il grande consenso attorno a Narendra Modi fa prevedere un successo del suo partito, Bharatiya Janata Party (Bjp), e un rafforzamento di quel nazionalismo indù che nel primo mandato ha premiato Modi, nonostante le accuse di repressione dei dissidenti politici e di minoranze musulmane. Le opposizioni, per la prima volta unite dietro la sigla ‘India’, rincorrono ma scontano la mancanza di una leadership credibile e l’ampia eterogeneità.
Che l’India sia a un punto di svolta, come ha detto Modi stesso, è fuor di dubbio, vista la sua ascesa tra le grandi nazioni e il suo possibile ruolo nella competizione tra Stati Uniti d’America e Cina. Ma il punto di svolta è rappresentato anche dalle tentazioni che spingono l’attuale primo ministro verso un autoritarismo più marcato. La direzione che il paese prenderà dopo le elezioni chiarirà se l’India potrà ancora essere soprannominata la “democrazia più grande del mondo”. Le elezioni generali nella nazione più popolosa e nella più grande democrazia del mondo (Il Paese conta 1,4 miliardi di persone e ha 950 milioni di votanti registrati) si svolgeranno nell'arco di diverse settimane tra aprile e maggio. Il primo ministro Narendra Modi e il suo Bharatiya Janata Party (BJP) cercheranno di ottenere il terzo mandato quinquennale consecutivo. Il premier, 73 anni, continua a godere di un'ampia popolarità, in forza malgrado il crescente nazionalismo indù e i successi economici, mentre l'opposizione fatica a conquistare spazio. Nel tentativo di lanciare una sfida efficace al BJP, una ventina di partiti hanno formato un'alleanza chiamata INDIA, acronimo di Indian National Developmental Inclusive Alliance. Il cartello include il Congresso Nazionale Indiano, il partito dei Gandhi, che spera di tornare al suo periodo di massimo splendore. Tuttavia, i recenti segnali non sono stati incoraggianti per gli sfidanti di Modi.
A febbraio andrà alle urne anche il Pakistan. L’ex premier Imran Khan è in prigione, accusato di corruzione, ha ancora peso nel partito e ha deciso di correre nonostante la detenzione. Al voto in Asia, dove si voterà anche in Indonesia.
In Africa le elezioni si svolgeranno in Algeria, Tunisia, Ghana, Ruanda, Namibia, Mozambico, Senegal, Togo, Sud Sudan e Sud Africa, in alcuni casi con ombre importanti su libertà e imparzialità.
Nel continente americano, invece, le urne saranno aperte in Messico, dove a contendersi il potere sono due donne: Claudia Sheinbaum Pardo e Xóchitl Gálvez. Fino ad arrivare agli Stati Uniti, in bilico tra la conferma di un Joe Biden in difficoltà interna e il pericoloso ritorno di Donald Trump alla Casa Bianca.
Nel 2022, secondo Freedom House, la libertà nel mondo è calata per il 17° anno consecutivo, 35 paesi hanno registrato una riduzione nelle libertà civili e nei diritti politici, mentre 34 hanno visto dei miglioramenti. Ecco perché il 2024 sarà un anno cruciale, un “turning point” che potrebbe cambiare sensibilmente l’indice delle democrazie nel mondo.
Le urne dell’isola di Smeraldo, Taiwan, sono ancora bollenti, con un elettorato in flessione, vedono comunque una riconferma della democrazia filo statunitense anche se con segnali di indebolimento.
Già da gennaio si intravede la piega di un indebolimento della democrazia nel mondo, ma anche di una insofferenza dei popoli che subiscono governi autoritari con elezioni finte ed alti astensionismi.
Se si considerano anche le consultazioni amministrative e locali, gli Stati salgono a 76. Purtroppo, non sempre le procedure elettorali sono democratiche ma i risultati avranno comunque importanti ripercussioni non solo nei singoli Stati, ma anche sul proscenio della geopolitica.
Più di 200 milioni di persone hanno diritto a votare per le elezioni indonesiane del 14 febbraio, il più grande voto presidenziale diretto al mondo, nel più popoloso Paese musulmano, in cui la tradizionale tolleranza religiosa e culturale, inserita nella Costituzione, ha subito recenti colpi. Tre candidati, il ministro della Difesa Prabowo Subianto, l'ex governatore di Giava Centrale Ganjar Pranowo e l'ex governatore di Giacarta Anies Baswedan, sono in lizza per sostituire il presidente per due mandati Joko Widodo. Secondo molti osservatori, le elezioni riguarderanno il futuro della democrazia e della cultura politica in Indonesia. Ad esempio, avranno influenza sul modo in cui il potere viene conquistato, sui diritti umani e sulla libertà di espressione.
Tra il 15 e il 17 marzo Vladimir Putin tenterà di allungare il suo mandato al 2030. Lo Zar siede al Cremlino come presidente della Russia dal 31 dicembre 1999, con una pausa di 4 anni dal 2008 al 2012, quando è stato “solo” primo ministro. La Costituzione non gli vieterebbe poi di ricandidarsi fino al 2036. Rivali credibili all’orizzonte, ovviamente, non se ne vedono. Sulla scheda ci saranno una trentina di nomi, per dare una parvenza di democrazia alla procedura. Anche tra costoro, comunque, chi può infastidire viene preventivamente escluso. È il caso della pacifista Ekaterina Duntsova, ex giornalista e consigliera comunale, attivista per la democrazia e la fine dell'offensiva in Ucraina, che è stata bocciata dalla Commissione elettorale centrale, per "errori nei documenti presentati”. Ma si sa che l’unico reale sfidante potenziale, il dissidente Alexei Navalny, è rinchiuso da anni con accuse inconsistenti: da poco è stato trasferito in una colonia penale oltre il Circolo polare artico, da dove non può infastidire.
Due donne, Claudia Sheinbaum e Xóchitl Gálvez, saranno in lizza in Messico il prossimo 2 giugno per succedere al presidente Andrés Manuel López Obrador. Il candidato della coalizione Morena di López Obrador, Continuiamo a fare la storia (Seguimos Haciendo Historia), è l'ex sindaco di Città del Messico Sheinbaum (in vantaggio nei sondaggi). Dovrà vedersela con la senatrice Gálvez, candidato del Fronte Ampio per il Messico (Frente Amplio por México/FAM), la principale alleanza di opposizione, composta dal Partito d'Azione Nazionale (PAN), dal Partito Rivoluzionario Istituzionale (PRI) e dal Partito della Rivoluzione Democratica (PRD). Quasi 100 milioni di elettori sono chiamati a conferire un mandato di sei anni a una leader che dovrà affrontare i principali problemi del Paese, legati alla violenza dei cartelli del narcotraffico, alla corruzione e ai flussi migratori verso gli Stati Uniti.
Tra il 6 e il 9 giugno saranno 400 milioni gli europei chiamati alle urne per eleggere il nuovo Parlamento di Strasburgo. È l’unico caso in cui non si vota per gli organi di una nazione, ma di un’Unione di Stati (27, in attesa di un prossimo allargamento). La prima forza uscente è il Partito popolare, alleato con i socialisti, e i liberali nella cosiddetta (in Italia) maggioranza Ursula, che ha portato alla presidenza della Commissione la popolare tedesca Von der Leyen. Le previsioni danno una crescita di forze euroscettiche o sovraniste, ma i risultati recenti in Spagna, Polonia e Olanda hanno fornito indicazioni contrastanti sulle tendenze generali. C’è inoltre la possibilità che vi sia un rimescolamento nella composizione delle famiglie politiche, compresi gli scenari che vedono lo spostamento del partito Fidesz dell’ungherese Viktor Orbán, uscito dal Ppe. Non è nemmeno esclusa una nuova maggioranza tra popolari e conservatori, dove Fratelli d’Italia svolgerebbe un ruolo chiave. Riflettori puntati anche sui risultati in singoli Paesi, come la Germania e la Francia, con test importanti per i rispettivi governi, insidiati dalle opposizioni di centro-destra.
In Italia: Abruzzo, Basilicata, Piemonte, Sardegna e Umbria sono le regioni che andranno al voto il prossimo anno. In Italia si svolgeranno anche le amministrative che coinvolgeranno circa 3.700 comuni. Tra i capoluoghi in cui verranno eletti sindaco e consiglio comunale ci sono Bari, Cagliari, Campobasso, Firenze, Perugia e Potenza. Si profila un successo di Fratelli d’Italia con il Centro Destra e di una sonora sconfitta del PD e del M5S con incertezze di tenuta per Italia Viva e Azione.
Il 5 novembre si svolgerà il 60esimo voto della storia degli Stati Uniti per eleggere il presidente, che resterà in carica alla Casa Bianca per quattro anni, dal gennaio 2025. Si annuncia come una delle elezioni più infuocate e dagli esiti imprevedibili della storia americana, nelle quali l’affluenza (solitamente bassa) avrà un peso rilevante. L’incognita non è tanto per la scelta tra i due candidati, il leader uscente, il democratico Joe Biden, e lo sfidante repubblicano Donald Trump, quanto per gli effetti di una vittoria di quest’ultimo. Il tycoon, plurinquisito e processato, potrebbe assumere decisioni dirompenti sia sul piano interno sia a livello internazionale, creando una frattura domestica e rimescolamenti degli equilibri globali. La guerra in Ucraina, il conflitto in Medio Oriente, il braccio di ferro su Taiwan, i rapporti con l’Unione europea, le politiche climatiche sono i fronti caldi sui quali l’elezione di Trump avrebbe effetti importanti e forse anche rivoluzionari, come la ventilata uscita degli Usa dalla Nato.
I sondaggi al momento premiano quest’ultimo sia alle primarie repubblicane sia nella corsa contro il presidente democratico, nonostante le possibili condanne dopo i fatti di Capitol Hill. Come afferma lo studioso Mario Del Pero, la recente decisione della Corte suprema del Colorado sembra un tentativo della democrazia americana di proteggere sé stessa: “Una forma di legittima difesa contro un soggetto che nelle settimane successive al voto del 2020 ha promosso un’azione eversiva finalizzata a impedire la transizione pacifica dei poteri e il riconoscimento del risultato elettorale”.
L’ipotesi al momento concreta di un’elezione di Trump, con possibili derive autoritarie, avrebbe ripercussioni ad oggi imprevedibili sulla democrazia americana, che appare stanca e mai così fragile. Poi, le ripercussioni sulla geopolitica non sono da sottovalutare in una dimensione peggiorativa per le libertà e la giustizia sociale dell’umanità.
Secondo il Financial Times, ormai sono diversi gli esempi in cui le immagini sono generate usando un tool di intelligenza artificiale che permette di creare filmati con avatar artificiali a soli 24 dollari al mese per influenzare i risultati elettorali. È stato anche citato il caso di video deepfake contro l’opposizione pubblicati su Facebook, compreso uno in cui il leader in esilio di un partito suggerirebbe di “restare in silenzio” su Gaza per non irritare gli Stati Uniti, un tema particolarmente sentito nel Paese dove sono forti le simpatie a favore della Palestina. Il contenuto sarebbe poi stato rimosso da Meta.
Secondo il Financial Times, nel Bangladesh si sarebbe già verificato quello che i policy-makers in tutto il mondo temono: la disinformazione creata con l’intelligenza artificiale messa in campo per ingannare gli elettori ed esacerbare le divisioni in vista di elezioni molto importanti nel prossimo futuro.
Il caso del Bangladesh ha aumentato l’attenzione sui potenziali pericoli posti dall’uso dell’intelligenza artificiale per generare e diffondere disinformazione. Ancora secondo il Financial Times, sta crescendo la pressione sulle grandi aziende tech in vista di importanti elezioni del 2024 tra cui il voto per il Parlamento europeo a giugno e le presidenziali negli Stati Uniti a novembre. Google e Meta, le società che controllano Instagram e Facebook, hanno già annunciato che imporranno alle campagne elettorali di specificare se i contenuti sono stati generati o modificati dall’IA. Importante, dunque, la legge sull’intelligenza artificiale prodotta dall’Unione europea per prima in tutto il mondo.
Quando si hanno a disposizione tecnologie e strumenti come l’intelligenza artificiale, che permettono di produrre disinformazione in grande quantità, si può immaginare quale minaccia questo possa rappresentare.
Uno dei problemi principali in questo campo è la mancanza di strumenti affidabili per identificare la disinformazione prodotta con l’intelligenza artificiale. I prodotti già disponibili non sarebbero infatti particolarmente efficaci nell’individuare contenuti non in inglese. E c’è poi un’altra possibile minaccia causata dalla diffusione di questo tipo di contenuti, che i politici e altri personaggi influenti possano bollare come ‘deepfake’, e così screditare, informazioni reali che li metterebbero in cattive luce. E’ facile per un politico dire è un deepfake, è stato creato con l’intelligenza artificiale, e alimentare la confusione.
Gli Stati Uniti hanno persino preso la decisione di imporre restrizioni sui visti a coloro che hanno dimostrato di aver interferito e minato il processo democratico. Queste mosse denunciano giustamente qualsiasi alternativa alle elezioni democratiche ma non sono abbastanza efficaci per fermarle.
Ecco perchè c’è bisogno strutturare la democrazia economica che attraverso la distribuzione dei poteri possa controllare alle origini il corretto uso delle nuove tecnologie senza mettere in crisi i principi democratici. In tal senso, la via del socialismo liberale è la strada maestra per la libertà, la giustizia sociale e la dignità dell’umanità intera.






Fonte: di Salvatore Rondello
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie