23 Aprile 2024

"ANNA LINDH"

Il socialismo, inteso sia come corrente di pensiero, sia come gruppo poltico organizzato, è stato variamente definito, in base alle posizioni teoriche dei molti pensatori che vi si sono richiamati e alle diverse situazioni storiche e geopolitiche in cui esso si è trovato ad operare. Il tutto comunque unificato però dalla comune volontà di perseguire la massima democrazia, che altro non è che la socializzazione del potere.
Ciò, accentuato dallo spirito libertario che ovunque aleggia nel movimento socialista, ha dato vita a diverse scuole di pensiero e quindi a diversi “modelli“ di socialismo; modelli comunque intesi come strade diverse per raggiungere la meta comune: il socialismo, come connubio indissolubile di libertà e di giustizia.
Possiamo quindi storicamente annoverare il modello cileno di Salvador Allende, quello di Lula in Brasile, quello di Dubcek in Cecoslovacchia, quello jugoslavo dell'autogestione, quello israeliano dei kibbuz.
Ma quello che qui ci interessa è il “modello svedese“ (o scandinavo, in quanto adottato anche da altri paesi del Nord Europa), così ben riassunto dall'autorevole esponente del socialismo svedese e mondiale, Olov Palme [1]:

Per noi la democrazia è una questione di dignità umana. Ciò include le libertà politiche, il diritto di esprimere liberamente le nostre opinioni, il diritto di criticare e influenzare l'opinione pubblica. Abbraccia il diritto alla salute e al lavoro, all'istruzione e alla sicurezza sociale.

Il “modello svedese“, realizzato gradualmente attraverso i governi socialisti, è riuscito ad ottenere la piena occupazione, un sistema di servizi e di assicurazioni sociali che assiste il cittadino “dalla culla alla bara“, una costante redistribuzione della ricchezza, mediante una giusta fiscalità, nel rispetto delle regole democratiche e con una politica estera di neutralità [2], che ha assicurato alla nazione scandinava un secolo di pace e di prosperità [3].

Questa originale costruzione del socialismo, alternativa al capitalismo e al comunismo di stampo sovietico, è dovuta essenzialmente al Partito Socialdemocratico dei Lavoratori di Svezia (SAP).
Esso, fondato il 23 aprile 1889 [4], pose fra le prime rivendicazioni il diritto di voto, ottenuto nel 1918 per tutti, e le otto ore di lavoro (1919).
Il SAP ottenne il suo primo seggio [5] nel Riksdag (parlamento) nelle elezioni legislative del 1896. Nel 1917 subì la scissione che diede vita al partito comunista. A partire da quell'anno è stato spesso al governo, con qualche interruzione, sia in coalizione con altri partiti che da solo. Esso ha costruito un sistema del benessere fra i più avanzati del mondo ed ha espresso grandi leader come Albin Hansson [6], Tage Erlander [7] ed Olov Palme.
Le prime donne socialiste elette al Riksdag furono, nel 1921, la sarta Agdag Ostlund e la fotografa Nelly Thuring.
Dal 2021 leader del SAP è una donna: Magdalena Andersson.

Nei tempi moderni è presente nel socialismo svedese una forte istanza femminista, un perseguimento dell'uguaglianza in tutte le sue forme e una forte opposizione a tutte le forme di discriminazione, a cominciare da quella razziale.
Molte cose sono successe da quando si sono formati i socialdemocratici nel 1889. Il lavoro dei socialdemocratici ha portato la Svezia a diventare una democrazia e una delle nazioni del benessere più importanti del mondo. Per oltre cento anni, i socialdemocratici hanno difeso la libertà, l'uguaglianza, la solidarietà e la democrazia in Svezia e nel resto del mondo. (dal sito del SAP).

Ylva Anna Maria Lindh nacque a Enskede-Arsta (Svezia) il 9 giugno 1957 dal noto pittore Staffan Lindh (1931-2017), attivo socialdemocratico, e dalla maestra elementare Nancy Westman (1932-2005), ma visse a Enkoping, una cittadina nella contea di Uppsala, di cui il padre fu anche consigliere comunale.
Cresciuta dunque in un ambiente politicamente orientato, caratterizzato da creatività, impegno sociale e culturale, Anna entrò in politica ad appena 12 anni, nel 1969, iscrivendosi alla locale sezione della Lega Giovanile Socialdemocratica svedese (SSU) e partecipando alle manifestazioni di protesta contro la guerra del Vietnam.
Terminati gli studi medi nel 1976, si iscrisse alla facoltà di Giurisprudenza dell'università di Upssala e nel 1982 conseguí la laurea, dopo la quale, per circa un anno, lavorò come cancelliere presso un Tribunale distrettuale di Stoccolma.

Il 19 settembre 1982 si tennero le elezioni per il rinnovo del Riksdag [8], che registrarono una grande affermazione dei socialisti (166/349 seggi) e portarono Olov Palme, leader del SAP dal 1969, per la seconda volta alla guida del governo, che manterrà fino alla morte, col sostegno esterno del Partito della Sinistra[9] (20/349 seggi). In quell'occasione Anna Lindh entrò per la prima volta in Parlamento, a soli 25 anni [10].

Nel 1984, in occasione del congresso giovanile, fu eletta segretaria della SSU, prima donna a ricoprire questo incarico in Svezia. Tale carica le consentì di allargare il suo orizzonte internazionale.
Nel corso del suo mandato, durato sei anni, fu molto attiva nella lotta contro la corsa al riarmo e si adoperò per affrontare le problematiche internazionali della questione palestinese, del Sudafrica, del Nicaragua e del Vietnam.
Pose anche le questioni ambientali all'interno dell'organizzazione, anche per l'impatto che esse potevano avere, ed avevano, sullo sviluppo della società e dell'economia in particolare.
Nel 1990 fu eletta nel Comitato Esecutivo del Partito. Nello stesso anno lasciò la segreteria giovanile, per trascorrere più tempo col suo primogenito David.
L'anno dopo sposò il padre del bambino, il politico socialdemocratico Bo Holberg [11], da cui nel 1994 ebbe il secondo figlio Filip.
Nello stesso 1991 e fino al 1994 Anna Lindh fu Commissaria per la Cultura e l'Ambiente, nonché vicesindaco di Stoccolma. Nello stesso periodo fu anche Presidente del Consiglio di Amministrazione del teatro di Stoccolma.
Si batté molto perché Stoccolma fosse scelta come capitale della cultura europea. Cosa poi realizzatasi nel 1998.

Tuttavia il suo impegno nella politica municipale di Stoccolma non durò a lungo.
Infatti, in seguito alla vittoria socialista [12] nelle elezioni del 18 settembre 1994, il Primo Ministro Ingvar Carlsson [13], la chiamò a dirigere il Ministero dell'Ambiente. In tale veste la Lindh si prodigò per ottenere leggi più severe a tutela dell'ambiente e maggiore impegno da parte delle aziende per ridurre gli scarichi e limitare l'uso di sostanze chimiche pericolose e additivi per gli alimenti. In Europa si batté per una comune strategia contro le piogge acide.
Quando Goran Persson [14], subentrato al dimissionario Carlsson, sia come Premier che come leader del SAP, lanciò il progetto di “stato sociale verde“, toccò alla Lindh metterlo in pratica.

Persson vinse anche le elezioni del 20 settembre 1998 e fu perciò riconfermato Premier [15]. Nel nuovo governo svedese che si venne a formare, Anna Lindh, che era stata eletta per la seconda volta al Riksdag, fu chiamata a ricoprire la prestigiosa carica di Ministro degli Esteri, in sostituendo della compagna di partito Lena Hjelm Wallen, rimasta nel governo come Vice Primo Ministro.
Questa carica consentì ad Anna di sviluppare appieno le sue capacità politiche e di valorizzare il suo carisma personale, tanto da divenire un attore importante della scena politica internazionale e da essere da molti indicata come il probabile futuro leader del partito socialdemocratico.
La sua intensa azione in sostegno del disarmo, dei diritti umani, della risoluzione pacifica dei conflitti aumentò l'ammirazione e il prestigio della Svezia neutrale [16] nel mondo.

L'autorevolezza della Lindh crebbe in particolare nel 2001, durante il semestre di presidenza svedese del Consiglio dell'Unione Europea [17], durante il quale rappresentó ufficialmente le posizioni dell'UE in politica estera. In tale veste si impegnò attivamente, assieme all'Alto Rappresentante per la politica estera e la sicurezza comune dell'UE, il socialista spagnolo Javier Solana, per la stipulazione degli “Accordi di Ohrid“ [18].

L'esito delle elezioni del 15 settembre 2002 [19] assicurò continuità al governo Persson, per cui Anna Lindh, riconfermata anche come parlamentare, restò alla guida del Ministero degli Esteri.
Nel 2003 si schierò decisamente contro l'invasione dell'Iraq: Una guerra combattuta senza supporto negli statuti delle Nazioni Unite costituisce un grave fallimento.
Nello stesso 2003 era programmato in Svezia un referendum sull'adesione all'Euro, da tenersi il 14 settembre di quell'anno [20].
Lindh, da fervente europeista qual era, si schierò decisamente per il si e il 10 settembre si stava preparando a partecipare a un dibattito televisivo sul tema.

Ma non riuscì a partecipare né al dibattito, né al voto, perché una mano assassina le troncò la vita a soli 46 anni. Quel giorno si era recata, assieme alla sua amica e sua ex addetta stampa, la giornalista socialdemocratica Eva Franchell, ai grandi magazzini Nordiska Kompaniel di Stoccolma, pare per acquistare un vestito. Ma non fece in tempo perché fu aggredita e brutalmente accoltellata. Al petto, all'addome, alle braccia [21].
Trasportata d'urgenza all'ospedale universitario di Karolinska, dove subì due interventi chirurgici, non riuscì a sopravvivere.
A causa delle gravi emorragie interne e dei danni al fegato morì il giorno dopo, 11 settembre 2003 [22].
Ancora una volta la Svezia e il socialismo erano stati colpiti a morte, dopo il tragico attentato in cui aveva perso la vita Olof Palme, diciassette anni prima [23].
Il 19 settembre il Comune di Stoccolma organizzò una commemorazione ufficiale, a cui partecipò un'immensa folla, davanti a cui parlarono varie personalità, fra cui il Re Carlo Gustavo XVI, il Primo Ministro e leader socialista svedese Goran Persson, la Commissaria europea per l'Ambiente, la socialdemocratica svedese Margot Wallstrom e George Papandreu, allora esponente di primo piano del Movimento Socialista Panellenico (PASOK).
Il giorno dopo Anna Lindh fu sepolta presso la chiesa di Katarina a Stoccolma.
Nello stesso mese di settembre 2003 fu costituita una fondazione intitolata a Anna Lindh, l'Anna Lindh Memorial Fund, finanziata da privati. Essa sostiene individui e organizzazioni che, nello spirito di Anna Lindh, hanno il coraggio di combattere l'indifferenza, il pregiudizio, l'oppressione e l'ingiustizia, affinché le persone possano vivere in un ambiente in cui i diritti umani siano rispettati.

Nel 2021 il premio è stato assegnato alla politologa svedese Olga Persson, in quanto presidente di Unizon, un'associazione nazionale di centri di accoglienza per ragazze e giovani donne vittime di violenze e persecuzioni.
Olga ha così commentato: Per me, Anna Lindh è coraggio, calore, gioia e duro lavoro. Era, ed è, una grande fonte di ispirazione per me e per molti altri. È un grande onore ricevere il suo premio commemorativo.

In seguito alla morte di Anna Lindh, il ministero fu affidato provvisoriamente al ministro per la Cooperazione Internazionale, Jan Olov Karlsson, che lo tenne per un mese. Il 10 ottobre 2003 si insediò la nuova ministra degli Esteri, la socialdemocratica Laila Freivalds.

Nell'aprile dell'anno dopo fu assegnato ad Anna, “alla memoria“, dall'Istituto EastWest (EWI) [24] il “Premio allo Statista dell'anno“, il cui lavoro nell'arena pubblica ha dato un contributo significativo per influenzare positivamente la qualità della vita dei cittadini in ambiti quali i diritti umani, la risoluzione dei conflitti e la sicurezza globale.

Nello stesso 2004 fu costituita la Fondazione Anna Lindh, un'organizzazione internazionale, il cui scopo è avvicinare persone, organizzazioni e società civili di entrambe le sponde del Mediterraneo.

Anna Lindh è stata un'icona per noi giovani donne socialdemocratiche. Irradiava calma e forza. Ci sono molte altre persone di talento all'interno del partito oggi. Ma nessuno con la stessa luminosità. (Louise Asenfors, consigliere regionale SAP).

“Eccezionale“ era la parola giusta per Anna. Eccezionale come madre, eccezionale come leader politico, perché era coraggiosa e schietta. Ed era onesta. (Margot Wallstroem, commissaria europea SAP).




  1. Olov Palme (1927-1986), a lungo leader del Partito Socialdemocratico dei Lavoratori di Svezia (SAP) e Primo Ministro, fu uno dei leader più prestigiosi del socialismo. Morì assassinato la sera del 28-2-1986. Per questo la sua figura può essere accostata a quelle di Giacomo Matteotti e di Salvador Allende.
  2. Il SAP, in seguito alla guerra russo-ucraina, ha deciso di abbandonare la politica di neutralità. Nel maggio 2022 la Svezia ha presentato domanda di adesione alla Nato.
  3. La Monarchia é rimasta, ma con un ruolo di pura rappresentanza, poiché il re non nomina più il Capo del Governo e non è il Capo delle forze armate.
  4. Il congresso inaugurale del SAP si svolse dal 19 al 22 aprile 1889 con l'unificazione di 70 organizzazioni locali, al congresso rappresentate soprattutto da sindacalisti. Da ciò lo stretto legame tra il partito SAP e il sindacato LO (Confederazione dei Sindacati Svedesi), ufficialmente costituitosi nel 1898.
  5. Fu eletto Hjalmar Branting, che nel 1908 il congresso eleggerà presidente del partito e che nel 1920 diventerà il primo Capo di governo socialista.
  6. Albin Hansson (1885-1946) fu leader del SAP e due volte primo Ministro, nel 1932-46, con un piccolo intervallo. Fu lui a gettare le basi della “società del benessere”.
  7. Tage Erlander (1901-1985) fu leader del SAP e Primo Ministro dopo la morte di Albin Hansson (1946), fino al 1969. Durante i suoi governi fu ampliata la costruzione dello stato sociale.
  8. Il Riksdag viene eletto ogni 4 anni col sistema proporzionale e lo sbarramento al 4 %, esercita il potere legislativo e può sfiduciare i ministri. Il Presidente del Riksdag (non più il Re) nomina il Primo Ministro.
  9. Il Partito della Sinistra, nato nel 1917 da una scissione della sinistra socialdemocratica favorevole all'adesione all'Internazionale Comunista, attraverso varie scissioni ed evoluzioni, è oggi diventata un partito socialista di sinistra, ambientalista, femminista e repubblicano.
  10. Fu eletta nella Contea di Sodermanland.
  11. Bo Holberg (1942-2010), dopo aver ricoperto cariche nella sua contea, dal 1982 era stato ministro degli Affari Municipali e poi degli Affari Sociali nel governo Palme. Fu membro del Riksdag dal 1988 al 1996, quando fu nominato governatore del Sodermanland (1996-2005).
  12. Il Partito Socialdemocratico dei Lavoratori (SAP) ottenne 161/349 seggi e il Partito della Sinistra 22/349. I Verdi entrarono per la prima volta nel parlamento svedese con 18/349 seggi.
  13. Ingvar Carlsson (n. 1934) era stato il vice di Olov Palme, di cui condivideva la filosofia politica. È stato due volte primo Ministro: dal 13-3-1986 al 4-10-1991 e dal 7-10-1994 al 22-3-1996. Il suo governo promosse l'adesione all'Unione Europea. Gli successe Goran Persson.
  14. Goran Persson (n. 1949), subentrò a Carlsson il 22-3-1996. Lascerà la carica di Primo Ministro il 6-10-2006, in seguito a una sconfitta elettorale. Rimase alla guida del SAP fino al marzo 2007, in occasione del congresso del partito.
  15. Il SAP era sceso a 131/349 seggi, ma poté continuare a governare grazie alla presenza nel Rikstag dei 43 deputati del Partito della Sinistra e dei 16 dei Verdi, che toglievano alla destra la possibilità di sfiduciare il governo coi soli suoi voti.
  16. In seguito alla guerra russo-ucraina, la Svezia – Primo ministro e leader del SAP Magdalena Andersson – il 18-5-2022 ha formalmente presentato domanda di adesione alla NATO.
  17. La Svezia aderisce all'UE dal 1°- 1-1995.
  18. Accordi di pace del 13-8-2001 tra il governo della Macedonia settentrionale e i rappresentanti della minoranza albanese.
  19. Il SAP conquistò 144/349 seggi, il Partito della Sinistra 30/349 e i Verdi 17/349. Il resto andò a varie formazioni di centro e di destra.
  20. Vincerà il NO col 57,09 % dei voti.
  21. Stupisce come, dopo quello accaduto a Palme, non sia stata assegnata a un politico di primo piano come la Lindh una guardia del corpo dai servizi di sicurezza.
  22. L'assassino, un venticinquenne di nome Mijailo Mijaliovič, subito dopo il misfatto, era fuggito, ma sarà arrestato il 24-09-2003. Reo confesso, il 2-12-2004 è stato condannato all'ergastolo, in via definitiva, dalla Corte Suprema svedese, per l'omicidio di Anna Lindh.
  23. L'elenco dei socialisti assassinati è assai lungo: Giacomo Matteotti, Giuseppe Di Vagno, Carlo Rosselli, Jean Jaurés, Jo Cox, Rosa Luxemburg, Olov Palme, Yitzhak Rabin, Inejiro Asanuma, Salvador Allende, Bruno Buozzi.
  24. Istituto fondato nel 1980 per la risoluzione pacifica dei conflitti internazionali.






Fonte: di Ferdinando Leonzio
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie