10 Agosto 2022

"ABORTO:
PERCHÉ LA U.S. SUPREME COURT HA RAGIONE"

25-07-2022 - DIARIO POLITICO di Giuseppe Butta'
Senza entrare nel famoso dilemma morale posto da William Blake – «Val meglio soffocare un bambino nella sua culla che conservare in sé un desiderio non soddisfatto». – né nella concezione dell'incesto o dell'aborto come forma legittima di ricerca della ‘felicità sessuale' proposta dal ‘divin marchese', cercherò di spiegare la sostanza giuridico-costituzionale della decisione della Corte Suprema americana nel caso Dobbs, v. Jackson Women's Health Organization.

Questa sentenza ha ribaltato la storica decisione sull'aborto in Roe v. Wade dichiarando la costituzionalità del ‘Gestational Age Act' dello stato del Mississippi che prevede che, "salvo che in caso di emergenza medica o in caso di grave anomalia fetale, una persona non può intenzionalmente o consapevolmente eseguire ... o indurre un aborto di un essere umano non ancora nato, se la probabile età gestazionale del nascituro è superiore alle quindici settimane".

Dai quattro angoli del mondo, si leva l'urlo di rabbia di centinaia di migliaia di persone scese in strada per difendere i cosiddetti diritti delle donne sulla vita e sulla morte del concepito e per ridicolizzare la cultura pro life. Ma non basta: oltre alla protesta si leva anche la minaccia terroristica contro i giudici responsabili di un tale ‘sacrilegio': il dipartimento per la Sicurezza Interna Usa, in un rapporto reso noto da Abc News, riferisce di un aumento di episodi di violenza verificatosi già a maggio, dopo la fuga di notizie sulla ancora non emessa decisione dei giudici della Supreme Court sull'aborto, per esempio con minacce al giudice Brett Kavanaugh, in odore di conservatorismo. Adesso l'allarme, come avverte il dipartimento, potrebbe durare «settimane»: nel mirino degli «estremisti interni» ci sono giudici, funzionari governativi e statali e sostenitori del movimento pro life.

Possiamo però affermare che questa sentenza, dando il giusto rilievo al principio – già riconosciuto in Roe – secondo il quale lo Stato (intendendo i singoli stati dell'Unione) ha il legittimo interesse alla protezione del ‘feto che può divenire un bambino', ha posto su nuove basi l'equilibrio tra i diversi diritti e interessi coinvolti e, in certa misura ha effettivamente ribaltato la giurisprudenza costituzionale che, dal 1973, aveva ‘espropriato' questi stati del loro potere di legiferare in materie, come quelle penali, non attribuite dalla Costituzione al governo federale.

Da questo punto di vista, non v'è dubbio che l'odierna decisione in Dobbs sia molto più fondata dal punto di vista costituzionale di quanto lo fossero le decisioni precedenti che avevano dato la copertura federale all'aborto e smantellato ogni legge statale che tentasse di porre limiti alla esecuzione dell'aborto: anche quelle che lo vietavano, se non a fini terapeutici, in fasi avanzate della gravidanza (settimo/ottavo mese).

Un po' di storia ci aiuterà a capire meglio la questione.

Nel gennaio 1973 – in un clima di grande mobilitazione dell'opinione pubblica e della politica in nome dello slogan l'utero è mio e lo gestisco io e della ‘felicità sessuale' teorizzata prima da Sade e poi da Wilhelm Reich come condizione necessaria per la realizzazione della ‘rivoluzione totale' – la Supreme Court decise il caso Roe v. Wade (410 U.S. 113, 1973) confermando la sentenza della Corte federale distrettuale texana che aveva dichiarato incostituzionale una legge penale dello Stato del Texas – che proibiva l'aborto, tranne che, a parere medico, non fosse necessario per la vita della madre – perché, non distingueva le varie fasi della gravidanza e non teneva conto di altri interessi coinvolti così violando il diritto della donna alla privacy, ‘diritto non enumerato' nel ‘Bill of rights' ma costituzionalmente protetto in quanto rientrante nelle «penombre emanate dal Bill of Rights» e ascrivibile a quella riserva di diritti, conservati dal popolo, consacrata nel IX Emendamento.

La Supreme Court – con una maggioranza formata da Blackmun, Powell, Burger, noti come giudici ‘conservatori', più i progressisti Douglas, Brennan, Stewart, Marshall e con il dissenso di Rehnquist e White – confermò questa sentenza texana specificando però che il diritto alla privacy e la libertà di decisione della donna sono protetti dal IV Emendamento (che tutela il diritto alla sicurezza e alla privacy delle persone e dei loro beni) e dalla clausola del due process del XIV Emendamento piuttosto che dal IX emendamento invocato dalla Corte texana. Tuttavia la Corte stabilì anche 1) che l'esercizio di un tale diritto ha un limite, segnato dalla vitalità del feto (in pratica, il criterio antico di common law, cioè del quickening, i movimenti del ‘feto' che ne segnalano la vitalità) per cui, durante i primi tre mesi di gravidanza, «come suggerito dalle attuali cognizioni mediche… il medico curante, d'accordo con la sua paziente, può decidere l'aborto senza interferenza alcuna dello Stato»; e 2) che, dopo il terzo mese di gravidanza, lo Stato ha un interesse legittimo, progressivamente prevalente – «compelling» – a proteggere sia la salute della donna gravida sia la vita umana potenziale… anche se il feto non è una ‘persona' come definita dal XIV Emendamento».


Tale decisione, estesa dal giudice Blackmun, riconduceva dunque il diritto di aborto a una nuova area di applicazione del diritto alla privacy – «abbastanza ampia da comprendere il diritto qualificato della donna a porre temine alla propria gravidanza» – come diritto personale ‘fondamentale' a richiedere ed ottenere cure mediche; inoltre, anche se si riconosceva come «non fosse chiara la relazione tra il diritto di aborto e il diritto, illimitato, a usare liberamente del proprio corpo», la sentenza dichiarava illegittima ogni restrizione ingiustificata all'esercizio di un tale diritto.

La decisione della Supreme Court nel caso Roe v. Wade – considerata come «una vittoria dei giudici pragmatici sugli ideologi conservatori della Corte» – aveva suscitato un largo ed acceso dibattito soprattutto perché, costituzionalizzando il diritto di aborto come diritto personale della donna derivante dalla sua capacità esclusiva di generare un figlio, ne allargava l'esercizio consentendolo per generici motivi di salute della donna: ciò che più fece discutere, dentro e fuori dalla Corte, fu l'affermazione, in Roe, che «il termine persona, come usato nel XIV Emendamento, non include il ‘non nato'»; il dibattito, procedurale e sostanziale, si aprì sulla rilevanza dei diritti da contrapporre al diritto alla vita potenziale e sull'equilibrio che si deve stabilire tra essi e andò facendosi sempre più aspro: un ‘clash of absolutes'. Il diritto di aborto veniva ritenuto necessario per garantire alla donna il controllo del proprio destino riproduttivo gestendo il ‘prodotto del concepimento' (termine medico usato dagli abortisti come se avesse un significato di ‘prodotto residuale', quasi di ‘sottoprodotto') e quindi perseguire le ‘missions' sue proprie, diverse da quella tradizionale di madre e di casalinga; il Pro-life movement invece lo negava in nome del diritto alla vita del concepito sostenendo che – quale che fosse la risposta alla questione teologica o metafisica se il feto sia un ‘essere umano' o all'altra questione se sia una ‘persona' in senso giuridico – si dovesse almeno riconoscere che il feto, avendo nelle sue cellule tutte le informazioni genetiche che lo distinguono come appartenente alla specie umana e come individuo, può anche non ‘esistere' un giorno ma esiste certamente il giorno dopo senza che ciò implichi una qualsiasi modificazione della sua essenza.

Più tardi, il giudice Antonin Scalia, in una delle sue molte e famose dissenting opinion in casi riguardanti l'aborto avrebbe scritto: «la Corte deve sapere che, se stabilisce che la legge deve prevedere anche l'eccezione, generica, della salute della madre, scioglie le briglia all'aborto».

In effetti, quella decisione – anche se ammetteva che «la donna gravida non può essere considerata esclusivamente nella sua privatezza e individualità» e che questo diritto della donna non è assoluto ma da bilanciare con gl'interessi contrapposti dello Stato – fu interpretata come una liberalizzazione dell'aborto e ciò inasprì anche l'opposizione all'aborto inteso come metodo di pianificazione delle nascite.

William H. Rehnquist, che sarebbe divenuto Chief Justice nel 1986, dissentì sia nel primo caso che nel secondo affermando invece che l'aborto non configura un comportamento strettamente privato, riconducibile alla categoria della privacy – definita da Louis Brandeis come «diritto di essere lasciati soli [to be let alone] nelle decisioni che riguardano la nostra propria vita» – e che «i costituenti non intesero sottrarre agli Stati il potere di statuire limitazioni all'aborto».

Rehnquist avrebbe più tardi aggiunto che il significato del termine privacy esclude dalla protezione costituzionale tutto ciò che, pur appartenendo a qualcuno, è esposto al pubblico o coinvolge una relazione tra più soggetti: «la Corte, definendo in Roe la garanzia del diritto alla privacy come comprensiva di un diritto ‘fondamentale' della donna ad abortire, ha interpretato erroneamente i precedenti riguardanti diritti relativi a comportamenti diversi, strettamente personali e privati come quello di scegliere o no il matrimonio, la procreazione, la contraccezione, etc.: infatti l'aborto implica la fine di una vita umana potenziale… la distruzione di un feto e, dunque, coinvolge un rapporto tra più persone – il feto, la madre, il padre ma anche il medico al quale è richiesto l'atto chirurgico – il che giustifica la sua regolamentazione per legge».

L'obiezione di Rehnquist non riguardava l'estensione della garanzia costituzionale al diritto alla ‘privacy', in quanto comprendente comportamenti individuali non riconducibili ai cosiddetti ‘diritti enumerati' nel Bill of rights – egli, infatti, sapeva bene come fosse necessario interpretare la storia per interpretare correttamente la Costituzione – bensì la qualificazione del diritto di aborto come diritto alla ‘privacy': a suo avviso, questi diritti della persona hanno pieno titolo alla garanzia costituzionale solo se sono «essenziali al benessere dell'individuo, alla sua libertà e al progresso della società» ma, nel caso dell'aborto, non si era ancora pervenuti a quell'equilibrio necessario tra gli opposti interessi e valori dell'individuo e quelli della società, nella contrapposizione classica tra libertà e ordine.

L'intransigenza e la radicalizzazione dell'opinione pubblica in favore dell'aborto ha avuto ricadute anche nella Supreme Court che ha successivamente esteso la portata della sentenza in Roe v. Wade con varie sentenze che via via hanno eliminato ogni limite temporale relativo alla gestazione facendo leva sulla incertezza della data di effettiva vitalità del feto o come quella nel caso Stenberg v. Carhart, nel quale è stata dichiarata incostituzionale una legge del Nebraska che proibiva, se non necessario per la vita della madre, il cosiddetto partial birth abortion – estrazione a ‘pezzi' del feto vivo, praticata in una fase avanzata di gestazione – che il giudice Antonin Scalia, nella sua dissenting opinion, definisce una metodica medica brutale e raccapricciante: «è assurdo pensare che la nostra Costituzione possa proibire agli Stati di bandire un mezzo così brutale di eliminazione di una vita».

Solo nell'aprile 2007, nel caso Gonzales v. Carhart (550 U. S. 124, 2007), la Corte ha dato inizio a una revisione di questa linea dichiarando la incostituzionalità del ‘Partial-Birth Abortion Ban Act' ma il giudice Ruth Bader Ginsburg, vedendo in questo esito un vero e proprio rovesciamento di Roe, oppose il suo dissenso: «la decisione odierna della Corte, per la prima volta dopo Roe, benedice una legge che non prevede eccezioni per la salvaguardia della salute della madre».

Il che non era vero perché l'eccezione era prevista: la Ginsburg esprimeva chiaramente una posizione ideologica intollerante di qualsiasi regolamentazione dell'aborto.

Infatti, successivamente, nel 2016, la Supreme Court, nel caso Whole Woman's Health v. Hellerstedt, annullò una legge del Texas la quale, tra i requisiti di sicurezza sanitaria necessari prevedeva per esempio che il luogo in cui viene eseguito l'aborto non distasse più di 30 miglia da un ospedale: la Corte, considerando un undue burden ogni regolamentazione anche se finalizzata a garantire condizioni di piena sicurezza sanitarie per l'esecuzione dell'atto chirurgico dell'aborto, ha riaffermato la concezione del diritto di aborto come diritto della donna to be let alone e ha addirittura disconosciuto l'interesse dello stato, fino ad allora ritenuto legittimo, a regolamentare le pratiche mediche.

Una tale decisione della Corte fece esultare l'allora Presidente Barack Obama e Hillary Clinton, la quale ne parlò come di una vittoria delle donne: «la Corte, annullando restrizioni politicamente motivate, che rendevano alle donne quasi impossibile l'esercizio pieno dei propri diritti sulla riproduzione, ha difeso e confermato il diritto di aborto che ogni donna possiede a prescindere dal luogo in cui abita». Dunque, permaneva ancora forte il ‘crescendo' di radicalismo ideologico libertario che, insoddisfatto e nevroticamente disposto a spostare il bersaglio sempre più in avanti, non vuole porsi la domanda sui limiti del diritto di aborto e ha finanche spinto il Senate Judiciary Committee – insofferente delle dissenting opinions di quei giudici che, come Clarence Thomas, premevano per una revisione della sentenza in Roe – a «minacciare ritorsioni di natura non specificata nei riguardi della Supreme Court»: forse un nuovo Court Packing?

Il presidente Biden – per racimolare voti per le prossime elezioni di ‘mid term' nelle quali pare che si profili una sconfitta del suo partito – ha ora infatti in programma una legge federale che finanzierebbe il turismo abortistico e ha minacciato esplicitamente il ‘court packing', cioè l'alterazione della composizione della Supreme Court per assoggettarla all'opinione abortista. Se il suo partito riuscirà a vincere le prossime elezioni di ‘mid term', la minaccia sarà messa in atto.

Avremo così veramente una grave crisi del sistema costituzionale americano, come quando, negli anni '30 dello scorso secolo, il ‘court packing' fu minacciato da Franklin D. Roosevelt. Ma, allora, il grande Presidente fu fermato in tempo e, così, si risparmiò l'onta di aver violato la Costituzione.






Fonte: di Giuseppe Butta'
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Facebook, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://www.facebook.com/about/privacy/update)
Cookie utilizzati (https://www.facebook.com/about/privacy/cookies)
Aderente al Privacy Shield

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per protezione da spam
Questi servizi acquisiscono dati dagli utenti e tramite varie logiche distinguono il traffico di utenti reali da quello di potenziali minacce di spam.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google reCAPTCHA
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di protezione da spam
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Cookie utilizzati (https://policies.google.com/technologies/types?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Analytics
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di analisi web fornito. Questo servizio raccoglie i dati personali dell'utente per monitorare e analizzare l'utilizzo del sito web www.rivoluzionedemocratica.it, generare report e utilizzarli anche per gli altri servizi di Google. Google può usare i dati raccolti per personalizzare i propri annunci pubblicitari.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Opt-Out (https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Fonts
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare caratteri (fonts) esterni sul proprio sito web
Dati personali raccolti: tipologie di dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 14/12/2021 12:28
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it  obbligatorio