19 Ottobre 2018
[]

"SULLA SCISSIONE SOCIALDEMOCRATICA DEL 1947"

26-04-2018 - STORIE & STORIE
La storiografia politica é ormai compattamente schierata nel giudicare validi, anche perché - cosí si dice - confermati dalla storia, i motivi che, nel gennaio 1947, portarono alla scissione detta „di Palazzo Barberini", che l´11 gennaio di quell´anno diede vita alla socialdemocrazia italiana.
Il PSIUP (1), che era riuscito a riunire nello stesso partito tutte le "anime" del socialismo italiano, si spacco´ allora in due tronconi: il PSI di Nenni e il PSDI (2) di Saragat.
I due leader, nel corso del precedente congresso di Firenze dell´ 11-17 aprile1946, avevano pronunciato due discorsi che, per elevatezza ideologica e per tensione ideale, sono degni di figurare nella storia del socialismo, e non solo di quello italiano.
Il primo, Nenni, aveva marcato l´accento sulla necessitá di salvaguardare l´unitá della classe lavoratrice, in un momento storico in cui i tentativi di restaurazione capitalista erano ormai evidenti; il secondo aveva messo l´accento sulla necessitá di tutelare l´autonomia socialista, l´unica capace di costruire il socialismo nella democrazia, in un momento in cui l´ombra dello stalinismo si stendeva su tutta l´Europa centrale e orientale.
Pochi mesi dopo, si diceva, la drammatica scissione tra „massimalisti" e „riformisti" (3), che la storia, o meglio, gli storici, avrebbero poi giudicato necessaria e lungimirante, persino provvidenziale.
Essi, infatti, hanno dovuto registrare il trionfo del riformismo, ormai predicato anche dai nipotini di Togliatti e dagli italoforzuti. „Il termine riformista é oggi talmente logorato dall´uso, dall´abuso e dal cattivo uso, che ha perso ogni significato" (4).
Saragat é unanimente considerato una specie di veggente, che, con la sua scissione, seppe guardare lontano, mentre Nenni (5) é benevolmente visto come una specie di reprobo dai molti errori, che si ravvide, e molto lentamente, solo dieci anni dopo.
Ebbene, proprio questa unitá (uniformitá) di giudizi mi solletica oggi, a spendere, con donchisciottesca audacia – me ne rendo conto – due parole critiche su quella scissione.
Lo faro´ con due soli argomenti.
Il primo. I due socialismi, uniti, avevano conquistato, alle elezioni per la Costituente del 2 giugno 1946, il 20,7 % piazzandosi al secondo posto, dopo la DC e superando il superorganizzato PCI. Se fossero rimasti uniti, avrebbero conservato al socialismo italiano lo stesso ruolo dominante che vari partiti fratelli assunsero in Inghilterra, Francia, Scandinavia. E avrebbero goduto anche di una larga autonomia. Infatti, se i „saragattiani" avessero aspettato un po´, avrebbero visto che, sommando i loro voti a quelli dei futuri scissionisti, a quelli , cioé, di Ivan Matteo Lombardo (1947) (6) e di Giuseppe Romita (1949) (7) e, perché no? a quelli „centristi" di Jacometti e Lombardi, avrebbero avuto la meglio sulla „sinistra".
La quale ultima, con la sua forte presenza, avrebbe salvaguardato l´unitá del movimento operaio, ma con guida socialista, come avverrá, anni dopo, con Olof Palme in Svezia,. con Francois Mitterrand in Francia e con Salvador Allende in Cile.
Senza scissione i fratelli-coltelli avrebbero anche evitato di scannarsi a vicenda per molti anni, dandosi dei „comunisti nenniani" gli uni e dei „socialisti del dollaro" gli altri, e ingrassando per anni il PCI e la DC.
La scissione, invece, serví solo a proiettare il PSI nell´orbita comunista e perfino stalinista e il PSDI nell´area centrista, dentro cui muto´ completamente pelle, perdendo per strada gli ideali che inizialmente l´avevano mosso ed anche ogni seguito popolare.
E veniamo al secondo punto.
Se, come si dice, il tempo é galantuomo, perché alla fine diede ragione a Saragat, allora qualcuno spieghi perché i principali esponenti della secessione man mano lasciarono la loro creatura, sempre piú preda di clientele senza ideali, e ritornarono nella casa madre socialista (8).
Virgilio Dagnino (1906-1997), giornalista (9), scrittore ed economista, antifascista e partigiano nelle brigate „Matteotti", fu tra i protagonisti della fondazione del PSLI, di cui redasse il manifesto fondativo, divenendo membro della prima Direzione del partito. A seguito della decisione del PSLI di entrare nel governo centrista di De Gasperi, assieme a un gruppo di tesserati, prevalentemente giovani, che fondarono il MSUP (Movimento Socialista di Unitá Proletaria), lascio´ il PSLI ed aderí al Fronte Democratico Popolare. Dopo le elezioni del 18 aprile 1948, rientro´ nel PSI.
Gaetano Arfé (1925-2007), il futuro grande storico del socialismo italiano (10), nonché direttore dell´Avanti, fu tra i giovani che parteciparono alla miniscissione di Dagnino, rientrando poi nel PSI.
Lucio Libertini (1922-1993) , che aveva contribuito alla ricostituzione clandestina della FGSI (Federazione Giovanile Socialista Italiana), partecipo´alla scissione del PSLI, della cui Direzione fu chiamato a far parte dal convegno del 13-15 settembre 1947. Nel 1951 aderi´ all´USI (Unione Socialista Indipendente) (11), del cui organo Risorgimmento Socialista divenne direttore. Assieme a quella formazione politica nel 1957 conflui´ nel PSI.
Vera Lombardi (12) (1904-1995), donna impegnata nella politica, nella scuola e nel sociale, partecipo´ a Palazzo Barberini, entrando anche nella Direzione del PSLI. Dopo l´ingresso del PSLI nel governo lascio´ il partito. Piú tardi aderí all´USI, assieme alla quale nel 1957 entro´ nel PSI.
Tristano Codignola (1913-1981), intellettuale antifascista della scuola liberalsocialista (13) fu trai primi aderenti al Partito d´Azione, di cui divenne vicesegretario. Quando il partito, nell´ottobre 1947, decise di confluire nel PSI, egli non condivise quella scelta e formo´ un nuovo raggruppamento denominato Movimento d´Azione Socialista Giustizia e Libertá. Quest´ultimo, il 7-8 febbraio 1948 si fuse con gli autonomisti usciti dal PSI al seguito di Ivan Matteo Lombardo, dando vita all´UdS (Unione dei Socialisti); la quale, in occasione delle elezioni politiche dello stesso anno, si alleo´col PSLI, assieme al quale formo´ la lista di "Unitá Socialista", che ottenne, nelle votazioni per la Camera, il 7,07 % dei voti e 33 deputati.
A sua volta l´UdS, col congresso di unificazione, si fuse con l´ MSA (Movimento Socialista Autonomista) (14) e con il centrosinistra socialdemocratico (15) uscito dal PSLI, dando origine al PSU (Partito Socialista Unitario).
Il 1° maggio 1951 PSU e PSLI si fusero, dando vita al PS-SIIS, poi rinominato PSDI, alla cui sinistra interna Codignola si colloco´.
Quando il PSDI, al congresso di Genova dell´ottobre 1952, capovolgendo le precedenti posizioni, si schiero´ per l´approvazione della cosiddetta „legge-truffa", Codignola reagí duramente e fu espulso dal partito.
Costituí, pertanto, il MAS (Movimento di Autonomia Socialista) che, unendosi a un raggruppamento di sinistra repubblicana (16), diede vita ad UP (Unitá Popolare), che ebbe un ruolo importante nelle elezioni politiche del 1953.
Nel 1957 la grande maggioranza di UP, con Codignola in testa, confluí nel PSI.
Paolo Vittorelli (1915-2003), giornalista e scrittore, seguí un percorso analogo (fino al rientro nel PSI) di Codignola: Pd´Azione- Movimento di Azione Socialista Giustizia e Libertá – Unione dei Socialisti – Partito Socialista Unitario (17) - PSDI – Unitá Popolare – PSI.
Antonio Greppi (1894-1982), avvocato e scrittore, aderente al PSI fin dal 1919, partigiano nelle brigate „Matteotti" (18), fu il primo sindaco di Milano dopo la Liberazione. Lascio´ il PSI nel 1949 per aderire al PSU, il quale nel 1951 si fuse col PSLI, dando vita al PSDI.
Per la sua opposizione alla „legge-truffa" fu espulso dal PSDI e partecipo´ alla costituzione di Unitá Popolare. Successivamente rientro´ nel PSI.
Umberto Calosso (1895-1959), giornalista e docente di letteratura italiana (19), socialista fin dalla giovinezza, combattente nella Resistenza spagnola contro Franco, deputato del PSIUP alla Costituente, collaboratore dell´Avanti! e della rivista Socialismo, nel 1947 aderí alla scissione capeggiata da Giuseppe Saragat e divenne direttore dell´organo del PSLI L´Umanitá. Nel 1953 rientro´nel PSI.
Ugoberto Alfassio Grimaldi (1915-1986), saggista e storico (20), partigiano combattente, nel 1945 si iscrisse al PSIUP e nel 1947 aderí al PSLI, poi PSDI, della cui Direzione fece parte.
Entrato in dissenso con la linea politica, si dimise dal PSDI e poi rientro´ nel PSI.
Giuliano Vassalli (1915-2009), illustre giurista, durante la guerra maturo´ una coscienza antifascista che lo porto´ ad aderire ad Unione Proletaria che, nell´agosto 1943, si fuse col PSI e con il MUP, dando vita al PSIUP, della cui direzione fece parte, mentre cresceva d´importanza il suo ruolo nella Resistenza (21), per il quale otterrá la Medaglia d´Argento al Valo Militare.
Nel dopoguera, divenuto esponente di primo piano della corrente di Iniziativa Socialista, fu tra i promotori della scissione del 1947, da cui sorse il PSLI, entrando anche nella Segreteria collegiale di quel partito (22) . Nel 1949 lascio´ il partito assieme alla sinistra di Ugo Guido Mondolfo, la quale, confluendo con l´UdS e col MSA di Romita diede vita al PSU, in cui rimase fino alla fusione del partito col PSLI, a cui Vassalli non aderí.
Nel 1959 rientro´nel PSI.

Nel 1956, il „Rapporto segreto" di Kruscev che denunciava fatti e misfatti dello stalinismo, e poi gli avvenimenti di Polonia e d´Ungheria, portarono alla fine del Patto d´unitá d´azione tra PCI e PSI e al riavvicinamento tra socialisti e socialdemocratici, fra i quali comincio´ un intenso dialogo che sembro´ aprire tra i due tronconi del socialismo italiano una prospettiva unitaria (23).
Ma le resistenze frapposte dalla sinistra socialista e, piú ancora, dalla destra socialdemocratica (24), fecero saltare il progetto.
In conseguenza di cio´, il 19 gennaio 1959, la sinistra socialdemocratica decise di lasciare il partito, seguita da cinque deputati (Corrado Bonfantini (25), Orlando Lucchi, Pasquale Schiano, Matteo Matteotti ed Ezio Vigorelli), da 22 componenti del Comitato Centrale e da migliaia di iscritti. L´8 febbraio 1959 essa si organizzo´ nel MUIS (Movimento Unitario di Iniziativa Socialista), che nel convegno del 24 maggio dello stesso anno decise di confluire nel PSI. Dei suoi esponenti che rientrarono nel PSI, citiamo solo i seguenti:
Giuseppe Faravelli (1896-1974), socialista autonomista fin da studente, attivo antifascista perseguitato dal regime (26), dirigente del partito in esilio, organizzatore del Centro Interno Socialista, fu uno dei piú tenaci assertori della scissione, da cui nel 1947 scaturí il PSLI, della cui segreteria collegiale fece parte. Nel 1949 aderí al PSU e quindi al PSDI. Collocandosi all´ala sinistra del partito. Nel 1959 aderí al MUIS e con esso rientro´nel PSI, rimanendovi fino alla morte
Matteo Matteotti (1921-2000), figlio del martire socialista, partigiano, giornalista (27), presidente dell´Internazionale della gioventú socialista dal 1945 al 1946, fu un protagonista di primo piano della scissione di Palazzo Barberini (28). Fu segretario nazionale del PSDI dal febbraio 1954 all´aprile 1957. Nel 1959 fu tra i fondatori del MUIS, con cui rientro´ nel PSI.
Mario Zagari (1913-1996) uno dei principali esponenti di Unione Proletaria (29), poi confluita nel PSIUP, giornalista (30), fu uno dei principali leader della corrente di Iniziativa Socialista, con la quale partecipo´ alla scissione del PSLI. Nel 1949 aderí al PSU e quindi al PSDI, collocandosi sempre nell´ala sinistra della socialdemocrazia. Nel 1959 fu il principale promotore della costituzione del MUIS, assieme al quale, lo stesso anno, rientro´ nel PSI..
Ezio Vigorelli (1892-1964), socialista dal 1921, avvocato, invalido di guerra, antifascista vigilato speciale e due volte incarcerato, membro della Resistenza (31), nel 1947 aderí alla scissione del PSLI, per il quale fu eletto deputato e nominato sottosegretario. Nel 1949 aderí al PSU, poi unificatosi con il PSLI, con cui formo´ il PSDI. Membro della sinistra del partito aderí al MUIS, col quale, nel 1959, rientro´ nel PSI.

A quelli sopra elencati si potrebbero forse aggiungere altre eminenti personalitá provenienti dal PSDI, le quali, di fronte alla seconda scissione socialdemoratica messa in atto da Mario Tanassi nel 1969, scelsero di rimanere nel PSI, come i famosi sindacalisti Italo Viglianesi e Giorgio Benvenuto; e poi Pier Luigi Romita, giá segretario nazionale del PSDI nel 1976-78, il quale nel 1989, alla testa dell´UDS (32), aderí al PSI.

La risposta al quesito iniziale (come mai tanti socialdemocratici lasciarono il loro partito e rientrarono nel PSI?), é alquanto prevedibile: „Rientrarono perché il PSI si era intanto incamminato sulla strada che essi, con acutezza di analisi e notevole intuito politico, avevano per primi indicato".
Ma allora – ed ecco saltar fuori un´altra impertinenza! – é seriamente pensabile che, se gli scissionisti fossero rimasti al loro posto, il processo di autonomia, per giunta sostenuto da una forte presenza nella classe lavoratrice, si sarebbe compiuto in tempi assai piú brevi e con risultati assai piú importanti.

Il dibattito é ancora aperto, dopo tanti anni. Ma, al di lá di quello che poteva essere e non fu (un movimento socialista unito) non si puo´ che restare ammirati di fronte a tanta vivacitá intellettuale, a tanto amore per la libertá e la democrazia, a tanta dedizione alla causa socialista.


Testi consigliati:

Paolo Moretti I due socialismi Mursia, 1975
Paola Caridi La scissione di Palazzo Barberini Edizioni Scientifiche Italiane, 1990
Gaetano Arfé Mai cosí attuale la riflessione sulla scissione di Palazzo Barberini (Conferenza)
Gianni Corbi Quel giorno che Saragat spezzo´ il socialismo („la Repubblica", 11-1-1957)
Mauro Del Bue La scissione di Palazzo Barberini (Avanti! online 2016-2017)
Daniele Pipitone Il socialismo democratico italiano fra la Liberazione e la legge truffa
Ledizioni, 2013


(1) Il Partito Socialista Italiano di Unitá Proletaria era sorto dalla fusione (22-24 agosto 1943) tra PSI, MUP (Movimento di Unitá Proletaria) e UP (Unitá Proletaria).
(2) Inizialmente si chiamo´ PSLI (Partito Socialista dei Lavoratori Italiani ); successivamente , dopo la fusione con il PSU (Partito Socialista Unitario) di Romita, assunse la denominazione di PS-SIIS (Partito Socialista-Sezione Italiana dell´Internazionale Socialista) e infine quella di PSDI (Partito Socialista Democratico Italiano).
(3) In realtá i veri massimalisti erano allora i cosiddetti giovani turchi di Iniziativa Socialista, i piú decisi nel volere la scissione (assieme a Saragat); con loro anche la vecchia Angelica Balabanoff, irriducibile leader della pattuglia massimalista degli anni dell´esilio, ostile alla fusione del 1930 tra PSI e PSU, fortemente voluta, e poi realizzata a Parigi, proprio da Nenni e Saragat. D´altra parte riformisti turatiani come Sandro Pertini e Fernando Santi rimasero nel PSI.
(4) La frase é di Gaetano Arfé.
(5) La vocazione autonomistica di Nenni é invece di assai piú vecchia data. Fu lui, assieme ad Arturo Vella, nel 1923, a costituire il „Comitato di Difesa Socialista" che impedí la fusione (leggi confluenza) del PSI col PCdI, com´era stato deciso a Mosca. Fu ancora lui a proporre alla Direzione del PSI di aprire le porte del partito ai compagni del PSU turatiano, dopo lo scioglimento del loro partito da parte del governo fascista, poco dopo il fallito attentato di Tito Zaniboni a Mussolini.
(6) Al XXVI congresso (Roma, 19-22/1/1948) la „destra" di Ivan Matteo Lombardo raggiunse lo 0,55 %.
(7) La „destra" socialista di Romita (ex massimalista), nonostante le precedenti scissioni, al XXVIII congresso (Firenze 11-16/5/1949) ottenne il 9,50 %.
(8) Per alcuni di questi personaggi il PSI non sará il punto d´approdo finale della loro riflessione politica, sicché in seguito percorreranno altre strade, tuttavia rimanendo sempre nell´ambito del movimento operaio. A noi qui interessa solo sottolineare che essi lasciarono il PSLI/PSDI, in cui avevano avuto ruoli importanti, rientrando poi nel PSI.
(9) Fu tra i fondatori della rivista Pietre e della rivista clandestina Edificazione socialista, collaboratore di Critica Sociale e dell´Avanti!, condirettore de L´Umanitá, organo del PSLI.
(10) Fra le sue opere piú note Storia dell´Avanti! (Edizioni Avanti!, 1956-58) e Storia del socialismo italiano 1892-1926 (Einaudi, 1965).
(11) L´USI, fondata dai deputati ex comunisto Valdo Magnani e Aldo Cucchi, era inizialmente denominata MLI (Movimento Lavoratori Italiani).
(12) Per una biografia di Vera Lombardi si puo´vedere di Ferdinando Leonzio, Donne del socialismo, rieditato nel 2017 in e-book da ZeroBook.
(13) Codignola si era formato sulle opere di Guido Calogero, Aldo Capitini, Gaetano Salvemini, Carlo Rosselli.
(14) Raggruppamento di socialisti autonomisti, usciti dal PSI nel giugno 1949, con leader Giuseppe Romita.
(15) Esso era guidato da Ugo Guido Mondolfo, direttore di Critica Sociale, che era stato tra i protagonisti della scissione di Palazzo Barberini.
(16) Unione di Rinascita Repubblicana, guidata da Ferruccio Parri.
(17) Vittorelli ne fu vicesegretario
(18) Il figlio Mario, partigiano, fu ucciso disarmato dalla milizia fascista, a Milano il 23-8-1944.
(19) Fra le sue opere L´anarchia di Vittorio Alfieri e Colloqui con Manzoni.
(20) La sua opera piú nota: Il socialismo in Europa.
(21) Il 24-1-1944, al comando di un gruppo di partigiani delle brigate „Matteotti", con uno stratagemma (ordini di scarcerazione falsi) riuscí a liberare da Regina Coeli, in cui erano prigionieri dei nazisti, i futuri presidenti della Repubblica Giuseppe Saragat e Sandro Pertini e altri detenuti socialisti. Nell´aprile 1944 fu catturato e torturato dalle SS.
(22) Gli altri due componenti erano Giuseppe Faravelli e Alberto Simonini.
(23) Famoso l´incontro di Pralognan (Savoia) del 25-8-1956, tra Nenni e Saragat. Il processo di unificazione cosí innescato indusse l´Internazionale Socialista ad inviare in Italia, come mediatore, un proprio rappresentante, il socialista francese Pierre Commin.
(24) Il PSDI,guidato dalla maggioranza di centro-destra Saragat-Simonini arrivo´ a pretendere, da parte del PSI, la rottura coi comunisti nella CGIL, nelle amministrazioni locali e nelle organizzazioni di massa, mettendo cosí sull´unificazione, come disse Nenni, una „pietra tombale".
(25) Corrado Bonfantini (1909-1989), valoroso comandante partigiano delle Brigate Matteotti, non aderí al MUIS,
Ma il 24-7-1959 si iscrisse al gruppo parlamentare del PSI.
(26) Per la sua attivitá antifascista fu condannato a 30 anni di carcere, ma riuscí ad evadere.
(27) Direttore di Rivoluzione Socialista , organo della Federazione Giovanile Socialista, e collaboratore di Critica Sociale.
(28) Fu lui a leggere, il 9-1-1947 al XXV congresso socialista un Memoriale con cui le minoranze chiedevano di "invalidare in blocco" il congresso stesso, ritenendo che i precongressi locali si fossero svolti in un clima non democratico
(29) Altri esponenti erano Achille Corona, Ezio Crisafulli, Tullio Vecchietti e Giuliano Vassalli.
(30) Diresse vari giornali: Iniziativa Socialista (organo dell´omonima corrente), L´Italia Socialista, Autonomia Socialista, Unitá Socialista, Iniziativa Europea, Sinistra Europea.
(31) Durante la Resistenza, nel giugno 1944, due suoi figli, Bruno e Adolfo, caddero in combattimento.
(32) L´UDS (Unione Democratica Socialista) fu fondata, nel febbraio 1989, dalla corrente di sinistra del PSDI, capeggiata da P.L. Romita, che ne divenne segretario. Nell´ottobre successivo il movimento confluí nel PSI.



Fonte: di FERDINANDO LEONZIO

Link

[]
http://www.avvenirelavoratori.eu
Periodico socialista fondato 1897.
[]
www.ilponterivista.com
Rivista mensile di politica economica e cultura
fondata da Piero Calamandrei.
[]
www.biblionedizioni.it
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
www.criticaliberale.it
"NON MOLLARE" - Quindicinale on line di Critica Liberale,da più di quarant´anni la voce del liberalismo progressista in Italia.
Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio