20 Ottobre 2020

"SPRAZZI DI ‘TRASFORMISMO’ E PRESSAPOCHISMO:
‘referendum’, ‘trionfi’, ‘proroghe’, ‘verbali segreti’, ‘banchi singoli’,
Open Arms’, ‘alleanze strategiche’.

22-09-2020 - DIARIO POLITICO di Giuseppe Butta'
In questa estate dell'era Covid si è rappresentato un nuovo atto del dramma farsesco il cui prologo si era avuto con l'incestuosa alleanza salvifica PD-5S. Un incesto reso evidentissimo dal fatto che il PD – dopo non aver votato nelle prime tre letture parlamentari la riforma costituzionale di riduzione del numero dei deputati e dei senatori, proposta e approvata da 5S e Lega –in quarta lettura la votò dimenticando le ragioni serie e gravi con le quali l'aveva osteggiato fortemente per favorire, come affermato dai suoi massimi dirigenti, l'accordo di governo con i 5S: Parigi val bene una Messa!
Nessuna meraviglia: le costituzioni sono state sempre modificate (e violentate) da chi vuole andare al governo e consolidare il proprio potere.
A cose fatte, nel PD si è aperto, alla fine di agosto, un dibattito surreale e tardivo sulla posizione da prendere nel referendum del 20 settembre: il segretario Zingaretti ha avuto il suo bel da fare per motivare, davanti alla Direzione del suo partito del 7 settembre, la sua proposta, ‘sofferta', di votare si alla riforma e non ha trovato nulla di meglio che lanciare ai 5S un ultimatum sul MES e uno slogan trito e ritrito: Avanti con le riforme!
Gianni Cuperlo – e qualche altro – ha annunciato il suo voto contrario: però non è bastato a impedire la vittoria dei riduzionisti nel referendum.
Ma perché, in Parlamento, Cuperlo approvò quella riforma? La sua giustificazione, nonostante i sofisticati arzigogoli, è aria fritta che puzza di strumentalizzazione della costituzione, puzza di trasformismo sia pure di sinistra: «Secondo molti, andare nel 2019 alle urne avrebbe consegnato il paese a una destra reazionaria ... Un incubo. Si è scelta così la via della difesa della democrazia e il 5 settembre un altro esecutivo giurava ... L'accordo muoveva da una premessa giudicata dai 5 Stelle pregiudiziale, il varo della riforma costituzionale ... senza quel presupposto ogni ipotesi di alleanza si spegneva prima di nascere. Da lì, con una scelta responsabile, il nostro disco verde a un cambio di posizione».
Insomma, il PD naufragato nelle elezioni del marzo 2018 si imbarcò su una sorta di nave ONG dei 5S – mandata in soccorso da alte e sagge strategie – la quale, più che salvare il paese dal naufragio, sbarcò il povero naufrago nel porto sicuro del potere.
Quest'estate s'è vista una nuova scena di questa ‘pièce': il trionfo tributato dalla Camera dei Deputati al capo del governo, il ‘proattivo' Conte, al ritorno da Bruxelles il 22 di Luglio; un trionfo senza eguali nella storia repubblicana: i suoi ministri l'hanno lasciato solo, sugli scranni del governo, per poterlo applaudire dall'aula insieme con gli esagitati della maggioranza e con qualcuno dell'opposizione. Sono immagini da non dimenticare; immagini ‘d'altri tempi', non lontanissimi: naturalmente nella dovuta proporzione.
Bisogna dare atto, comunque, che l'UE – forse anche per merito di Conte: o della Merkel? – ha messo in movimento ingenti capitali e che, date le remore italiane ad avvalersi del MES per le note, temute, ‘condizionalità' – non si capisce perché non si dica ‘condizioni' – ha voluto largheggiare con il nostro paese per addolcirci la pillola delle ‘condizionalità' ancora più stringenti che ci saranno poste sia per il ‘fondo perduto' che per il prestito. Diciamo la verità, sono ‘condizionalità' benvenute perché la linea in atto seguita dal nostro governo è, soprattutto quella dell'aumento esponenziale della spesa improduttiva e del debito crescente – anche se in certa misura giustificata dall' emergenza (ma fino a che punto, fino a quando e come?) per la necessaria assistenza a lavoratori e imprese danneggiati dal ‘lockdown' – mentre non si vede alcun disegno strategico se non lo statalismo.
La seconda scena è stata la proroga fino al 15 ottobre dello stato d'emergenza, proclamato a causa della pandemia nel gennaio scorso, con il fine, s'è detto, di predisporsi a fronteggiare eventuali aggravamenti della situazione sanitaria; ora, non v'è dubbio che il governo abbia forzato l'attuale situazione per altri scopi, uno dei quali, forse, è stato quello di esercitare una certa pressione sull'opinione pubblica in vista delle elezioni e del referendum del 20 settembre. Infatti, dal momento che, qualora ve ne fosse bisogno, lo stato d'emergenza si può decretare in un minuto, non si spiegano diversamente questo attaccamento ai dpcm e il ricorso che il governo – sostenendo che «la conoscenza dei verbali del C.T.S. … comporterebbe danno concreto all'ordine pubblico e alla sicurezza in relazione sia alle decisioni che agl'indirizzi generali dell'organo tecnico» – ha fatto d'urgenza al Consiglio di Stato contro la decisione del TAR di rendere pubblici i documenti del Comitato tecnico scientifico, che furono secretati come se si trattasse di piani militari; eppure, dopo aver firmato il ricorso al CdS, Conte ha avuto la faccia tosta di negare, ancora il 9 settembre, che il governo abbia secretato o reso inaccessibili – che è la stessa cosa – quegli atti: forse pensa che abbiamo memoria corta o l'anello al naso!
Cosa ci potesse essere di segreto in tali verbali non è dato sapere. Forse possiamo pensare – ora che ne abbiamo appreso il contenuto dopo che il governo ha fatto marcia indietro rispetto al ricorso al Consiglio di Stato – che si volesse mantenere nell'ombra l'inazione del governo che, decretato a gennaio lo stato d'emergenza, non fece più nulla per farvi fronte e aspettò che scoppiasse l'epidemia per cominciare a ordinare le ‘mascherine': un'inazione da ‘stato confusionale' visto che il governo non fece nulla ad Alzano Lombardo e a Nembro, anzi ignorò lo studio presentato da Merler il 12 febbraio, e ora rivelato da ‘Repubblica', che prevedeva i probabili e imminenti scenari epidemici e suggeriva le misure necessarie.
A proposito dei verbali secretati e della mancata ‘zona rossa' di Alzano Lombardo: il presidente Conte, dopo aver detto di aver conosciuto solo il 5 marzo i verbali della seduta tenuta dal CTS il 3 marzo – ma dov'era Conte? Anche se fosse stato in Siberia, non avrebbe dovuto seguire, minuto per minuto, le valutazioni del suo ‘stato maggiore' che, del resto, egli ha detto di avere preso come base di tutti i suoi dpcm di marzo e aprile? – ha orgogliosamente aggiunto di assumersi ‘tutta la responsabilità politica' di quanto deciso e accaduto.
Certo, un'assunzione di responsabilità oltre che doverosa anche inevitabile ma temo che non significhi ammissione di errore e delle conseguenze che dovrebbero essere tratte; piuttosto ricorda un'altra assunzione di responsabilità politica, morale, storica, davanti alla Camera dei Deputati, il 3 gennaio 1925.
Aggiungo che, chiuse le scuole a marzo – si ricordi che il governo impugnò la delibera della Regione Marche che aveva chiuso le scuole la settimana prima – e deciso ad aprile che si sarebbero riaperte solo a settembre per poterlo fare in piena sicurezza, il governo (non la sola, ‘povera', ‘ministra' Azzolina né il solo, ‘grigio', Commissario Arcuri) ha atteso fino a metà luglio per bandire la gara per la fornitura, entro il 31 agosto, di 3 milioni di banchi singoli che dovrebbero garantire tale sicurezza: si è sentito rispondere che l'industria nazionale non è in grado di fornire questo materiale se non in 5 anni. Scaduto il bando, il governo ha messo le mani avanti spostando il termine di consegna al 31 ottobre e suggerendo di utilizzare i vecchi banchi (doppi) come singoli: insomma, come per le camere d'albero, ‘doppia uso singola'.
E le aule? A parte l'appropriazione di quelle delle scuole paritarie, adombrata dalla Azzolina, il governo e il Cts, di fronte all'anelasticità di esse, hanno salomonicamente statuito che, “se non c'è spazio, il metro di distanza non sia obbligatorio per i primi mesi” e che si usi sempre la mascherina, anche nelle lunghe ore in cui gl'insegnanti dovrebbero farsi sentire dagli alunni distanziati opportunamente. La stessa cosa può dirsi dei trasporti: anziché provvedere per tempo ad aumentarne la capacità, si è deciso, sempre con la benedizione del Cts, di diminuire la distanza di sicurezza tra i passeggeri, che non sarà più di 1 metro bensì di 75 centimetri sì da stiparne non più al 50% della capacità dei bus e dei treni bensì all'80%. Anche qui Salomone insegna.
Ma, ancora il 9 settembre, abbiamo sentito il presidente Conte dire che «il governo ha fatto il massimo per garantire la sicurezza dei nostri ragazzi e ragazze»: si deve dedurre che egli ha una concezione minimalista sia del ‘massimo' che della ‘sicurezza'. Dunque, non bastava che il governo dicesse ogni giorno che la riapertura delle scuole è una ‘priorità; bisognava che esso risolvesse, ‘prioritariamente', tutti i problemi e le possibili incognite che gli erano davanti: c'era tutto il tempo.
Appena approvata la proroga dello stato d'emergenza, il Parlamento ha placato la sua sete di giustizia autorizzando il rinvio a giudizio di Matteo Salvini, reo di aver lasciato in mare, per due settimane, la nave della ‘Open Arms' e di aver sequestrato i migranti da essa raccolti e poi fatti sbarcare in Sicilia su ordine del solito Patronaggio, P.M di Agrigento, per imporre all'Italia di accettarli sul proprio territorio.
La richiesta della magistratura di processare il solo Salvini e non anche i suoi complici è, ancora questa volta, assai sospetta: ma ancor più lo è il voto della maggioranza giustizialista del Senato – grillini, pdini, renziani, uniti da un oscuro dna quasi ‘peronista' – che ha fatto strame del precedente della nave ‘Diciotti' e ha replicato il voto sulla nave ‘Gregoretti' decretando l'assoluta estraneità degli altri membri del governo: certo, gl'ineffabili Conte e Di Maio non ne sapevano nulla. Sono stati lasciati fuori anche gli esecutori materiali del sequestro, dal capo della polizia fino al comandante della nave e al nostromo: ma Norimberga ha insegnato che chi esegue un ordine illegittimo si rende complice del delitto conseguente, in questo caso del sequestro di così tante persone, di una vera Auschwitz! Quasi quasi c'è da rivalutare Carola che, per non eseguire un ordine illegittimo, è entrata nel porto di Lampedusa speronando l'imbarcazione della Guardia di Finanza!
Il nemico del popolo è stato individuato e, nella speranza di quella maggioranza, fatto fuori nello stile dei ‘descamisados' per farne, giusta legge Severino, un ‘desaparecido': e Zingaretti, leader del PD, nella foga elettorale ha aggiunto un'altra grave accusa – sebbene del tutto ipotetica, fantapolitica, vyšinskijana – dicendo che «se Salvini fosse stato al governo avrebbe provocato un'ecatombe col Covid». Purtroppo, hanno dovuto rinviare il tutto dal 4 luglio al 3 ottobre: infatti, hanno pensato che convenisse fare rinviare la prima udienza del processo a dopo le elezioni regionali. La stessa convenienza il governo cerca di lucrare rinviando a dopo le elezioni la decisione sul MES e sui decreti ‘sicurezza': ‘passata la festa, gabbatu lu santu'.
A proposito di migranti, il ministro Boccia (PD) ha conquistato la palma dell'impudenza accusando il presidente della Regione siciliana, che aveva ordinato la chiusura degli hotspot, divenuti veri e propri focolai della pandemia in corso, di essere antitaliano perché la competenza in materia è dello stato: ‘zitto e mosca'! La palma va però, a pari merito, anche a Faraone, italiano vivo, il quale ha presentato – guarda caso proprio alla Procura di Agrigento – un esposto contro Musumeci accusandolo, con argomentazioni misere e miserabili, di diffamazione e procurato allarme.
L'ultima scena, ancora sul palcoscenico, è quella della riforma della legge elettorale: PD e 5S hanno abbandonato la vocazione maggioritaria veltroniana-renziana-grillina: ciò però non sembra segno di un maggiore rispetto per la democrazia e per le minoranze perché temo che, se fossero sicuri di vincere, non esiterebbero ad approvare anche la legge Acerbo. Il loro scopo, infatti, è unicamente quello di usare il grimaldello della proporzionale per impedire la vittoria dell'opposizione; peccato che ad essere impedito sarà – se non il buon governo, che dipende da mille altri fattori – un governo stabile e responsabile: purtroppo, la nostra Costituzione – spesso retoricamente e arrogantemente definita come la ‘più bella del mondo' – non vieta che, ogni volta che vogliano, i partiti manipolino la legge elettorale per piegarla ai propri interessi.
Timoroso di perdere le elezioni regionali e, prima o poi anche quelle politiche, il PD – fra l'altro pretendendo l'appoggio a candidati scelti da esso senza nemmeno consultare prima i possibili alleati (v. Giani in Toscana, De Luca in Campania e Emiliano in Puglia) – si è affannato a ricercare un'alleanza con i 5S strategica e stabile (stabile nel senso del dpcm che consentì a maggio scorso di rendere visita agli affetti stabili) accampando come ragione dell'alleanza il fatto che chi sta insieme al governo nazionale lo deve essere anche a livello regionale e locale.
Il che non è necessariamente vero: per esempio, quando nel 2018 si votò in Trentino e in Basilicata, Lega e 5S – allora voluttuosamente uniti nel governo nazionale – non pensarono affatto di doversi alleare per le elezioni regionali: anzi la Lega confermò l'alleanza di centro-destra contrapponendosi ai 5S oltre che al PD. Inoltre, c'è da dire che la paura di perdere, spingendo il PD a ricercare l'alleanza con i 5S, lo costringe a contraddire le ragioni da esso stesso accampate per sostenere il ritorno al proporzionalismo.
Come si è visto, il timore del PD era in parte fondato anche se può dire di averla scampata bella almeno in Toscana e Puglia anche grazie al soccorso prestatogli dalla Von der Lyen che, a pochi giorni dal voto, ha annunciato lo stretto contatto della Commissione UE con il governo italiano per l'elaborazione del ‘Recovery Plan', la futura abolizione del regolamento di Dublino e il vertice sanitario in Italia nel 2021; ma, in cuor suo, il PD sapeva di non aver nulla da temere per la sopravvivenza del governo, che è assicurata da un ‘vecchio collante' ora rafforzato dalla bella torta del ‘Recovery Fund'.
È questa ricerca parossistica del potere e dell'annessione dei 5S – alla stregua del partito contadino polacco o del nostro vecchio ‘blocco del popolo', espressione massima del ‘populismo' – il vero sintomo del ‘trasformismo', sia pure di sinistra, del PD, che troverebbe realizzazione piena se i 5S cadessero nella trappola tesa da Zingaretti e Bettini, l'ex-comunista veltroniano accreditato di alte capacità strategico-ideologiche, che definisce i grillini come populisti buoni, addomesticabili, e il ‘risparmio privato' come una rendita inerme e improduttiva, una manomorta da volgere a impieghi produttivi (‘Il Foglio', 21 agosto): certo secondo il piano di un qualche ‘grande fratello'. Nonostante i cedimenti di Grillo, Conte, Fico nonché del ‘doroteo' Di Maio, che nulla esclude rinviando però la scelta al 2021, e, infine, della ‘piattaforma Rousseau', i 5S hanno finora evitato di cadervi nella speranza di conservare, pur se a ranghi ridotti, qualche traccia di quella loro identità che era stata definita in contrasto con l'establishment, soprattutto con il PD che – ai tempi di Prodi, Bersani, Renzi – Grillo & c. consideravano come il male assoluto.
Altro cercatore di potere è il ‘proattivo' Conte che, da Cernobbio, ha esorcizzato la caduta del suo governo anche in caso di sconfitta alle regionali e si è fatto dispensatore demiurgico di cariche di alto livello: a Mattarella il bis; la presidenza della Commissione UE a Draghi, al quale egli l'avrebbe offerta ricevendo un rifiuto perché questi si sarebbe detto ‘stanco'. In realtà, Conte, da spregiudicato manovratore, ha tentato di silurare lo ‘stanco' Draghi e ha messo in imbarazzo Mattarella, il quale dovrà dimostrare, da qui in poi, di non pensare alla rielezione e di esercitare la sua carica in modo disinteressato e imparziale: compito assai difficile soprattutto davanti al dilemma se sciogliere o no le Camere dopo il referendum costituzionale che ne ha modificato la composizione.


Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio