08 Luglio 2020

"PER UN LINGUAGGIO POLITICAMENTE PRECISO"

21-07-2017 - STORIE & STORIE
Non ho molta simpatia per Nanni Moretti, anzi a dire il vero non ne ho alcuna, ma mi piacque una frase pronunciata dal suo alter ego Michele Apicella in un film ormai vecchiotto, Palombella rossa del 1989, che resta probabilmente uno dei suoi migliori. Dice a un certo punto Michele: "chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti". E´ evidente che in questo caso al parlar male non si contrappone il parlar bene inteso come linguaggio forbito ed elegante e ancor meno come ars rhetorica, quanto piuttosto il linguaggio chiaro, preciso, non banale e non modaiolo. Quello che mi sembra sia andato perduto da tempo e di cui personalmente avverto la mancanza e il bisogno. E poiché nonostante le tante delusioni e arrabbiature continuo ostinatamente a interessarmi di politica, voglio dedicare qualche pensiero al degrado del lessico politico che ci tocca subire quotidianamente. Una cosa desidero chiarire subito: rivendico un linguaggio politicamente preciso e non politicamente corretto, perché del cosiddetto politically correct dei radical chic di Manhattan e dintorni ne ho da tempo piene le tasche. Intendiamoci, questo non è l´elogio di Donald Trump e delle sue volgarità espressive anche se, a dire il vero, con Berlusconi e ancor più con Bossi potremmo rivendicare il copyright. Al contrario, come sono nostalgico di tanti altri aspetti della Prima Repubblica, così rimpiango i tempi in cui anche le più aspre polemiche mai degeneravano nell´insulto e nel dileggio degli avversari, salvo qualche ovvia eccezione che si svolgeva però solo in privata sede. Il fatto è che il politicamente corretto, nato come giusta rivendicazione di una terminologia non offensiva e non sprezzante nei confronti di alcuni soggetti sociali, si è trasformato in una sorta di liturgia rigorista, triste e settaria, per cui, come ho letto tempo fa, un´università degli USA ha messo al bando i libri di Mark Twain, che fu antischiavista e durante la Guerra Civile si schierò con l´Unione, perché contengono la parola "nigger", che però ai tempi dell´autore era di uso comune e non recava in sé alcuna connotazione razzista. Detto e chiarito questo, riprendo il filo del discorso. Avverto il desiderio e il bisogno di un linguaggio politicamente preciso perché da tempo termini che definivano e dovrebbero tuttora definire elementi dell´agire politico sono usati in modo improprio e sbagliato. In questo deragliamento hanno giocato sicuramente una parte rilevante la malafede e l´inganno, ma su questi si è costruita una vulgata grossolana e ignorante divenuta progressivamente senso comune, banale come lo è sempre il senso comune che è cosa assai diversa, in negativo, rispetto al buon senso. Noi socialisti siamo o dovremmo essere particolarmente esperti e sensibili al riguardo, anche se purtroppo non sono mancati fra noi coloro che hanno contribuito a questa degenerazione. Una degenerazione che ha dato vita ad un rapporto biunivoco fra cattiva politica e cattivo lessico politico tale da rimandare al vecchio detto circa la primogenitura fra l´uovo e la gallina ed a cui è molto difficile anche solo cercare di porre rimedio. Sappiamo bene come termini quali riformismo e massimalismo, che si comprendono correttamente ed hanno senso compiuto solo all´interno della storia del socialismo, in particolar modo di quello italiano, risultino ormai del tutto privati del loro autentico significato e contenuto e siano invece utilizzati per indicare idee e pratiche assai lontane, e spesso in aperto conflitto, con l´espressione originaria. E´ vero, come ama ricordare Paolo Bagnoli, che colui che è considerato il padre del socialismo riformista italiano, mi riferisco ovviamente a Filippo Turati, rifiutò sempre di definirsi tale, ma di fatto con il termine riformismo ci si è tradizionalmente riferiti al filone socialista che intendeva procedere con gradualismo e con gli strumenti della democrazia verso una società più giusta. Questa però era e restava quella socialista e da Turati e Treves a Saragat e Lombardi la società socialista rimase sempre connotata dal superamento del capitalismo, per quanto lontano questo potesse essere pensato. Di conseguenza è un falso storico e ideologico parlare di riforme quando ci si riferisce a provvedimenti finalizzati a deregolamentare il mercato del lavoro, a incentivare il precariato e i mini jobs, a ridurre i diritti dei lavoratori e in generale gli spazi di democrazia, a favorire i poteri forti dell´economia e della finanza. I socialisti vollero la nazionalizzazione dell´energia elettrica e la scuola media unica, lottarono per la riforma urbanistica e la programmazione economica (lo dico pensando a Giovanni Pieraccini, recentemente scomparso), posero le basi della riforma sanitaria e riuscirono a far approvare lo Statuto dei Lavoratori. Invece in tempi recenti sono state definite riforme la cosiddetta Buona Scuola, in realtà pessima, il Jobs Act e i tentativi per fortuna falliti di dar vita a una vergognosa legge elettorale (ma con un´altra, pure dichiarata in larga parte incostituzionale, abbiamo votato per ben tre volte) e a una revisione della Costituzione di stampo autoritario. Le stesse considerazioni valgono per l´opposto del riformismo, cioè il massimalismo, termine con cui si indicava l´intransigentismo di coloro che intendevano realizzare quello che era definito il programma massimo, cioè il socialismo in tutta la sua compiutezza, senza mediazioni e rifiutando ogni forma di gradualismo. Il sostantivo e l´aggettivo che ne deriva ricorrono oggi quasi esclusivamente nelle polemiche dei socialisti di rito blairiano nei confronti di chi non ha dimenticato, pur aggiornandolo, il significato di fondo del pensiero e della cultura socialista. Non parliamo poi dei tanti voluti fraintendimenti del Socialismo liberale di Carlo Rosselli, di cui troppo spesso è stata fatta una sorta di caricatura finalizzata a darne un´immagine moderata, quasi che in esso vi fosse un´anticipazione della Terza Via e del New Labour. Sarebbe veramente ora di smetterla di giocare con carte truccate e di ridare alle parole della politica il loro significato autentico. Questo però richiederebbe innanzi tutto cultura ed onestà intellettuale, caratteristiche che purtroppo appaiono in via di estinzione. Concludo con due parole ormai molto usate ed anche abusate: populismo e sovranismo. So di addentrarmi in un terreno scivoloso che richiederebbe molte distinzioni e precisazioni. Si può però affermare che quando oggi parliamo di populismo non ci riferiamo certo al comunitarismo rurale socialisteggiante diffuso in Russia nella seconda metà dell´Ottocento e nemmeno al Partito del Popolo fondato negli USA a fine Ottocento e durato pochi anni. Il termine richiama invece fenomeni quali il poujadismo in Francia, l´Uomo Qualunque in Italia e soprattutto il peronismo argentino, anche se quest´ultimo veniva indicato all´epoca come giustizialismo, parola che in Italia, dopo Tangentopoli, ha assunto tutt´altro significato. Ma tant´è, purché sia chiaro che cosa intendiamo qui ed ora. Ma se questo fosse veramente chiaro non dovevano essere definiti populisti, come è avvenuto, due coerenti socialisti come Sanders e Corbyn, la cui cifra non è sicuramente l´appello confuso e demagogico al popolo in nome di un´antipolitica rozza, insofferente di ogni mediazione e tendenzialmente autoritaria proprio perché fondata sul rapporto diretto fra il leader carismatico e il popolo stesso, idealizzato fino alla mitizzazione. Sul concetto di sovranismo ritengo opportuna una precisazione, anche perché lo utilizzai in un precedente articolo su La Rivoluzione Democratica. Nell´uso comune indica l´esaltazione della sovranità nazionale e il rifiuto di ogni forma di accordo sovranazionale e comunitario. Così inteso non differisce granché dal vecchio nazionalismo e il nazionalismo va sempre respinto. Ma sovranismo può anche significare la piena sovranità economica e monetaria dello stato e di conseguenza, almeno a mio giudizio, può essere diversamente declinato, non escludendo a priori la possibilità di cedere elementi di sovranità ad organismi sovranazionali purché questo si realizzi nell´ambito di un quadro istituzionale democratico e non tecnocratico, come invece è avvenuto in Europa con la moneta unica. Ma questa è una riflessione del tutto personale sulla quale mi piacerebbe ritornare in futuro.


Fonte: di MAURIZIO GIANCOLA

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account