15 Dicembre 2018
[]

"PSI, QUESTIONE EBRAICA, STATO D´ISRAELE"

24-09-2018 - IL SOCIALISMO NEL MONDO
L´atteggiamento assunto verso la questione ebraica e, per certi aspetti conseguentemente, quello verso lo Stato d´Israele possono essere considerati aspetti rilevanti nella definizione della politica di un partito italiano e, in particolare, del Psi? Questa è la domanda preliminare alla quale si deve rispondere. La risposta, positiva, si appoggia a quattro ordini di riflessioni.


La prima riguarda la politica internazionale, e in particolare l´equilibrio nel Mediterraneo. Anche dopo la sconfitta nella II guerra mondiale e l´adesione al Patto Atlantico, l´Italia non poteva, e non ha potuto, rinunciare del tutto, se non altro per la sua peculiare posizione geografica, ad una politica estera che, sia pure all´interno di una linea definita in sede atlantica, avesse alcuni tratti spiccatamente nazionali. Il campo dove esprimere questa che, prima di essere una vocazione, era una necessità, era ovviamente il Mediterraneo. Il Psi doveva perciò esprimersi sulla definizione di una politica mediterranea dell´Italia, e in effetti lo fece, in maniera più flebile, o addirittura quasi muta, quando la sua autonomia era ridotta al lumicino. Lo fece invece in maniera visibile, e in certi casi addirittura ostentata, quando la sua posizione politica nel quadro nazionale, recuperata una piena autonomia, glielo consentiva.

Come si vede, già la prima riflessione rimanda alla seconda. Il grado di autonomia - perduta, riconquistata o parzialmente praticata - è una variabile decisiva sia nel consentire al Psi di produrre una propria politica estera nei confronti del Mediterraneo, e quindi sia verso i paesi arabi sia verso lo Stato d´Israele, sia, al contrario, per misurare in che misura tale autonomia era effettivamente consentita e praticata. Naturalmente quando si parla di autonomia ci si riferisce innanzi tutto a quella nei confronti del Pci, ma non può essere del tutto trascurata quella nei confronti del quadro delle alleanze all´interno del quale si muoveva l´Italia, il Patto Atlantico, e quindi in primo luogo gli Stati Uniti, e, sul piano interno, la Dc, e in particolare alcune sue correnti, soprattutto quelle di sinistra, e perfino anche i partiti laici.

Se questi sono i due principali temi di riflessione, altri due riguardano problematiche che hanno avuto un ruolo tutt´altro che secondario. Una riguarda l´identità culturale o, se si preferisce, ideologica, del partito. L´atteggiamento da tenere nei confronti della questione ebraica, e di riflesso, verso lo Stato d´Israele, non è mai stato qualcosa di eticamente neutro, riconducibile ad un mero calcolo di convenienze, di equilibri geopolitici o di schemi di alleanze internazionali. La vicenda storica dell´antisemitismo e, dopo la II guerra mondiale, quella della Shoah hanno fatto sì che ogni presa di posizione nei confronti degli ebrei e dell´ebraismo, e anche, dopo la sua nascita, nei confronti dello Stato d´Israele, fosse intrisa di connotazioni etiche, tali da impegnare, sul piano morale, gli Stati, gli individui e anche i partiti.
Per il Psi, partito per il quale, almeno nella sua vocazione originaria e per buona parte della sua storia, la proclamazione e la pratica di un sistema di valori hanno costituito la sua stessa ragione d´essere, questa dimensione era particolarmente rilevante. E tuttavia ha pesato nell´atteggiamento del Psi verso lo Stato d´Israele – anche se in misura non così pesante come lo è stato per il Pci - un pregiudizio ideologico nei confronti del sionismo, derivante dalla dimensione di rinascita nazionale di quel movimento. Si tratta di un pregiudizio di lungo periodo, che risaliva ai primi del ´900 e che prese corpo, fuori d´Italia, nella polemica tra il Bund - il partito socialdemocratico che si rivolgeva ai lavoratori ebrei che vivevano entro i confini dell´Impero zarista – e il nascente movimento sionista. L´accusa rivolta al sionismo era quella di mettere in secondo piano il tema della lotta di classe rispetto a quello della nazionalità. Un´accusa di nazionalismo che poi fu raccolta e amplificata dal movimento comunista e che ebbe il suo peso anche nelle posizioni ideologiche del Psi, soprattutto nei periodi maggiore subalternità verso il Pci.

Infine, come risultante delle prime tre dimensioni che abbiamo individuato, ne esiste una quarta, che si riferisce precipuamente alla collocazione del Psi nel quadro politico nazionale. Soprattutto a partire dagli anni ´60, cioè da quando il Psi entrò a far parte in forma organica dell´alleanza di centro-sinistra, e poi, con vigore ancora maggiore, da quando, dopo la crisi di questa formula e il periodo della cosiddetta unità nazionale, con l´assunzione della guida del partito da parte di Bettino Craxi, e, più tardi, con la nascita del cosiddetto "pentapartito" a guida laico-socialista, la linea da tenere nei confronti dei paesi arabi, e conseguentemente dello Stato d´Israele, divenne una delle variabili fondamentali, trascinando con sé una serie di altre questioni rilevanti, come la politica da praticare nei confronti del terrorismo interno e internazionale, il grado di spregiudicatezza da impiegare in tema di finanziamento del partito, e altre questioni ancora.

Se questi quattro ordini di riflessioni corrispondono effettivamente ad alcune delle problematiche di fronte alle quali si trovò il Psi nella sua vicenda dalla fine della guerra fino alla sua scomparsa nel 1994, si comprende allora che quella dell´atteggiamento da tenere nei confronti della questione ebraica e dello Stato d´Israele sia stata una delle variabili fondamentali di cui i dirigenti socialisti, nel corso di un non breve periodo storico che va dal 1945 al 1994, hanno dovuto tener conto nel definire la politica del partito.

Poiché quello di cui parliamo è un arco di tempo assai lungo, circa un cinquantennio – nel corso del quale si modificarono non solo le condizioni interne e quelle internazionali, ma mutarono largamente anche la composizione e le caratteristiche del gruppo dirigente del Psi (e perfino quelle dei militanti e degli stessi elettori) – l´individuazione di una corretta periodizzazione è una condizione essenziale per una piena comprensione sia delle costanti sia delle variazioni della politica del Psi nei confronti della tematica individuata.
Una corretta periodizzatone deve incrociare due variabili: una riguarda la politica complessiva del Psi come partito "di frontiera", come è stato talvolta definito, particolarmente sensibile alle variazioni sia del quadro internazionale che di quello interno. L´altra riguarda l´oggetto di questa riflessione, nella sua duplice eppur intersecante definizione, la questione ebraica e lo Stato d´Israele, a sua volta condizionata da una pluralità di quadri di riferimento, quello dei paesi arabi (e in una certa misura di quelli islamici non arabi), quello del Mediterraneo, quello globale del confronto Usa-Urss (o, se si preferisce, Patto Atlantico-Patto di Varsavia), senza trascurare, anzi, altri quadri di riferimento come quelli determinati dall´emersione dei paesi del cosiddetto Terzo Mondo, soprattutto a partire dalla conferenza di Bandung, dalla decolonizzazione, dall´indipendenza africana, dal panarabismo, da una serie di conflitti solo apparentemente settoriali ma che hanno finito per condizionare l´intero quadro internazionale, come la guerra d´Algeria e soprattutto quella del Vietnam, dalla crescita del fondamentalismo islamico, e infine, a partire da un certo momento, dalla questione palestinese.

Prima di procedere occorre tuttavia fare chiarezza su una questione di fondo, quella del rapporto fra questione ebraica e Stato d´Israele. Che le due problematiche non coincidano, è ovvio. La questione ebraica è esistita per circa duemila anni prima che nascesse lo Stato d´Israele e anche prima che venisse formulata la proposta sionistica. Tuttavia non è vero il contrario, cioè che nel nostro tempo, dopo la nascita dello Stato d´Israele, si possa parlare della questione ebraica senza tener conto dell´esistenza e della politica dello Stato d´Israele; ma anche che si possa parlare dello Stato d´Israele senza parlare di una questione ebraica. E questo non solo per quanto riguarda la Diaspora, ma nello stesso Medio Oriente, dove i paesi islamici non perdono occasione per ricordare che il loro rifiuto riguarda gli ebrei come tali, come anche episodi del passato e del presente confermano. Dobbiamo perciò, sia pure ricordando la non coincidenza dei due termini, tener sempre presente che essi procedono insieme e si condizionano reciprocamente.

Tenendo conto di tutte queste variabili, una periodizzazione che ci appare corretta è la seguente. Una prima fase copre un periodo abbastanza breve ma decisivo, che va dalla fine della guerra al 1948. Il termine ad quem appare rilevante da più punti di vista: nel 1948 si consumò definitivamente, con il colpo di Stato di Praga e il tentato blocco sovietico di Berlino, la rottura della cosiddetta alleanza antifascista e la divisione del mondo in due blocchi, che riguardava soprattutto l´Europa ma che aveva anche una rilevante proiezione asiatica: la definitiva vittoria comunista, nel 1949, nella guerra civile cinese, e lo scoppio della guerra di Corea nel 1950 non furono che le appendici, anche se caratterizzate da una forte autonomia, della formazione di due blocchi contrapposti. In Italia, le elezioni del 18 aprile sancirono la definitiva appartenenza del Paese allo schieramento occidentale – formalizzata l´anno successivo dall´adesione al Patto Atlantico – e al tempo stesso la scomparsa, o, se si vuole essere meno drastici, l´affievolimento, almeno per un certo numero di anni, del Psi come partito autonomo. Ovviamente ciò ebbe un´influenza decisiva nella definizione della politica socialista nei confronti dello Stato d´Israele, anche se in questo specifico campo gli effetti si manifestarono pienamente solo a partire dal 1950.
Nel Medio Oriente, si compì l´atto irreversibile della proclamazione dello Stato d´Israele, conseguenza del voto dell´Onu del novembre 1947, favorito dall´erroneo calcolo di Stalin di poter contrastare, con la nascita dello Stato ebraico, l´egemonia britannica nei paesi mediorientali; non solo, ma il neonato Stato ebraico riuscì a sopravvivere all´attacco contemporaneo ma non coordinato di sei Stati arabi e a consolidare la sua esistenza: gli armistizi di Rodi dell´anno successivo non saranno che la formalizzazione di ciò che era già avvenuto sul campo. L´effimero ma decisivo appoggio dell´Unione Sovietica e dei Paesi ad essa legati nella votazione sulla Risoluzione n. 181 dell´Assemblea generale dell´ONU del 27 novembre 1947 – che dette base legale alla proclamazione dello Stato d´Israele il 14 maggio 1948 – si rivelò in un tempo abbastanza breve un mero espediente tattico piuttosto che una convinta adesione alle ragioni che portarono alla nascita dello Stato ebraico. La guerra di Corea, con la sua necessità di schierarsi senza margini per posizioni intermedie, fu decisiva nel segnare il declino del breve periodo di sostegno sovietico a Israele; ma al tempo stesso fu decisivo anche l´emergere (o il riemergere) delle posizioni antisemite che caratterizzarono gli ultimi anni di vita di Stalin. Il processo ai medici ebrei in URSS costituì certamente un segnale molto forte ma forse lo furono ancor più i processi politici che si tennero in Ungheria e in Cecoslovacchia - e di cui le figure più emblematiche furono quelle di Rajk e di Slansky – perché in questi processi uno dei capi di accusa fu quello di sionismo.

Il secondo periodo va dal 1948-1949 al 1956. E´ una periodizzazione che si impone, qualunque sia il quadro a cui ci si riferisce: nel 1956 la rivolta ungherese e la contemporanea crisi di Suez misero in evidenza da un lato una grave crisi del sistema bipolare, destinato peraltro a ricomporsi rapidamente, ma soprattutto fecero emergere altre crisi di sistema, prima fra tutte quella del neocolonialismo franco-inglese, sconfitto a Suez non certo dall´armata egiziana ma dalla volontà americana di non rischiare la guerra atomica e di mantenere intatto l´assetto bipolare del mondo. Ma la crisi di Suez mise altresì, e forse soprattutto, in evidenza la crescita impetuosa - economica, civile e militare - dello Stato d´Israele, che in otto anni era passato da un´esistenza fragile e precaria ad un´indiscussa capacità autonoma di reggere all´urto dell´intero mondo arabo e anzi, se messo in condizione di agire senza remore, di espandersi ben al di là dei confini del 1949. In Italia, i fatti d´Ungheria provocarono la prima vera crisi del Pci, anche se rapidamente rimarginata, e conseguentemente il primo vero tentativo di recupero della propria autonomia da parte del Psi. Anche se occorreranno molti più anni di quelli inizialmente previsti perché questo processo sia portato a conclusione, - e ciò sia per quanto riguarda la politica complessiva del partito che l´atteggiamento verso lo Stato d´Israele – tuttavia anche da questo punto di vista il 1956 rappresenta un punto di svolta irreversibile.

La successiva periodizzazione ci porta al 1967. Il 1967 è l´anno della guerra dei Sei giorni, e questo punto di frattura fa aggio su qualunque altro sistema periodizzante. Certo, durante il periodo 1956-1967 si succedettero vicende che incisero fortemente sull´argomento della nostra riflessione. Al di là dell´affermarsi, e poi della sua crisi, della distensione internazionale, simboleggiata dalle figure di Kennedy e di Krusciov, alle quali l´iconografia popolare aveva aggiunto quella di Giovanni XXIII, dal punto di vista della nostra riflessione due altri eventi ebbero un´importanza decisiva. Nella politica italiana, la formazione, nel 1963, dopo alcuni anni di contrastati tentativi, di un´alleanza di centro-sinistra organica con la partecipazione al governo del Psi, e la conseguente scissione a sinistra e la formazione del Psiup, liberò il partito, anche se in maniera meno definitiva e completa da quella che si credette allora, dal condizionamento comunista, e consentì un atteggiamento assai diverso che nel passato verso la questione ebraica e lo Stato d´Israele.
D´altra parte mai come in questa fase i due termini – questione ebraica e Stato d´Israele – apparvero così congiunti. Decisivo, nel determinare un diverso orientamento dell´opinione pubblica, europea prima ancora che italiana, fu l´esplosione, appunto a livello europeo e con la successiva diffusione in Italia, di forme inattese di un aggressivo antisemitismo, che provocò una salutare reazione della pubblica opinione e anche dei governi. La reazione contro il diffondersi dell´antisemitismo in Europa ebbe il suo momento più alto l´anno successivo, il 1962: la cattura e poi il processo ad Adolf Eichmann, ebbero un impatto enorme sulla pubblica opinione in tutti i paesi, costituirono il vero punto di svolta che mise in assoluta evidenza, fra l´altro, che la questione ebraica non era in alcun modo separabile dall´esistenza dello Stato d´Israele. In Italia, l´uscita dal Psi della componente più decisamente filocomunista, l´alleanza di centro-sinistra, le conseguenze sull´opinione pubblica dell´ondata di antisemitismo e poi del processo Eichmann, e infine, sia pure per un periodo più limitato di tempo (dal 1966 al 1968) l´effimera unificazione fra Psi e Psdi, tutti questi fattori si sommarono e furono alla base di una accentuata vicinanza del Psi nei confronti dello Stato d´Israele, la più pronunciata nella storia del cinquantennio di cui stiamo parlando.
Occorre sottolineare che, per quanto riguarda la vicenda del Psi, l´unificazione socialista, anche se effimera, ebbe una rilevante importanza, perché è in questo periodo che avvenne la guerra dei Sei giorni, che si è col tempo rilevata decisiva nella vicenda di lungo periodo del Medio Oriente. In quella occasione le posizioni del Psi e del Pci si divaricarono come mai era avvenuto in precedenza e come non si verificò più in seguito: all´allineamento del Pci alla durissima condanna di Israele pronunciata dall´Urss si contrappose un deciso sostegno socialista alle ragioni di Israele. Va sottolineato l´apporto dei dirigenti di provenienza socialdemocratica alla definizione di questa politica, soprattutto per quanto riguarda l´esposizione esterna e la battaglia mediatica.

Il periodo successivo, dal 1967 al 1973, fu più breve e il suo inizio e la sua conclusione furono segnati da due guerre, quella dei Sei giorni e quella dello Yom Kippur. Se questa periodizzazione non può essere elusa, tuttavia va considerata in maniera non meccanica. Se la guerra dello Yom Kippur non alterò, in definitiva, i rapporti di forza fra Israele e i paesi arabi confinanti che si erano sensibilmente modificati, a favore di Israele, con la guerra del 1967, tuttavia aprì la strada ai sostanziali, anche se non decisivi, mutamenti che si verificheranno negli anni successivi, e cioè la pace fra Egitto e Israele, il ritiro dell´esercito israeliano dal Sinai, la successiva pace con la Giordania, l´avvio faticoso e contraddittorio di colloqui fra lo stato ebraico e l´Olp. Si tratta di eventi che appartengono a un periodo successivo e che tuttavia presero origine dalla ritrovata dignità egiziana conseguente all´effimera avanzata nel Sinai nel 1973, e al tempo stesso furono resi possibili dalla scomparsa di Nasser nel 1970 e dall´emergere di un gruppo dirigente egiziano più duttile e ormai convinto della necessità di rinunciare al sogno panarabista che aveva caratterizzato gli anni dal 1956 al 1970.
Ma, quasi paradossalmente, ciò che caratterizzò la breve stagione che va dal 1967 al 1973, non furono le vicende mediorientali. Ben altri furono gli scenari che furono alla base di un brusco cambiamento degli indirizzi dell´opinione pubblica europea, e italiana in particolare, che in occasione della guerra dei Sei giorni si era mostrata così vicina alle vicende e alle sorti dello Stato d´Israele. Fu la guerra del Vietnam che dominò lo scenario internazionale, ma soprattutto influì sulle coscienze e sui sentimenti di milioni di giovani in Occidente, negli Stati Uniti e in Europa. Ma la grande ondata di antiamericanismo e di antimperialismo non si nutrì soltanto delle cronache delle vicende vietnamite: accanto a queste si impose il modello del castrismo cubano e soprattutto il sogno romantico del guevarismo, si diffuse un´interpretazione ideologica dei movimenti di liberazione nazionale – o presunti tali - che dilagarono in Asia e in Africa, si impose perfino una singolare interpretazione libertaria della rivoluzione culturale cinese – che solo molti anni dopo verrà conosciuta nel suo vero volto di violenza e di barbarie. Fu da questo ribollire di sensazioni, di emozioni e di sentimenti, soprattutto giovanili e giovanilistici - che dal suo anno di punta prenderà per antonomasia il nome di «´68», anche se si protrarrà ben al di là di quell´anno - che emergerà una nuova immagine della realtà mediorientale.
Nel 1969, senza che l´opinione pubblica occidentale ne avesse praticamente conoscenza, la direzione dell´Olp venne assunta da Yasser Arafat; ma accanto alla nuova e più combattiva leadership dell´organizzazione ufficiale palestinese, si moltiplicarono i gruppi e i gruppuscoli che stabilirono contatti e rapporti con i gruppetti minoritari che si erano formati in Occidente in base a una rilettura volontaristica del marxismo-leninismo. Dilagò il terrorismo, nei cieli e all´interno dello Stato di Israele. E l´opinione pubblica giovanile – e dietro a quella anche buona parte di quella adulta – non fu respinta dall´uso della violenza, anzi quest´ultima venne assunta come unica arma da usare, in Italia e nel mondo, contro il dominio capitalistico e imperialistico. Il movimento palestinese, nelle sue varie forme, che non erano nemmeno pienamente conosciute, nel loro continuo cangiare, in Occidente e in Italia, diventò addirittura la bandiera di tutte le lotte antimperialistiche. Non solo il pensiero (o il sentimento) ma anche il linguaggio e il costume ne furono fortemente influenzati: la nuova bandiera antimperialistica diventò la kefiah che si affiancò e poi sostituì l´eskimo come simbolo di appartenenza politica. In questo quadro, lo Stato d´Israele divenne, accanto agli Stati Uniti, e in un certo senso ancora di più, perché direttamente impegnato sul campo, l´odiato bersaglio di tutti i "movimenti", anche in Italia.
Il partito socialista, chiusa, dopo le elezioni del 1968, la breve stagione dell´unificazione con il Psdi, prese anch´esso le distanze dallo Stato ebraico, anche in conseguenza di un nuovo calo della tensione autonomistica, in parte dovuto all´egemonia che su di esso finirono per avere, almeno in parte, i movimenti sessantottini, in parte per l´emergere di una nuova subalternità nei confronti del Pci, favorita sia dalla debole direzione di De Martino sia dai deludenti risultati elettorali.

Fino a questo momento le periodizzazioni si sono imposte con la forza degli eventi, non solo, ma i momenti periodizzanti hanno avuto la caratteristica di veder coincidere eventi internazionali, mediorientali, nazionali e di partito. Viceversa, trovare un momento periodizzante che interrompa la lunga fase 1973-1994 non è agevole. Il momento conclusivo, visto il nostro assunto, è di agevole individuazione. Se non coincisero, per lo meno furono molto ravvicinati gli anni del crollo del muro di Berlino (novembre 1989), la fine dell´Unione Sovietica (dicembre 1991), la scomparsa del Psi. Furono tutti momenti negativi, nel senso che segnarono la scomparsa di soggetti intorno ai quali, a vari livelli (internazionale e nazionale), si era articolata la vicenda oggetto di cui stiamo parlando. Ma un momento che abbia interrotto significativamente la fase iniziata con il 1973 non emerge, rispetto al passato, in maniera evidente.
Certamente il 1977-1978, per diverse ragioni, ebbe la sua importanza. Nel 1977 per la prima volta, nelle elezioni israeliane, la coalizione che aveva retto lo Stato fin dal suo sorgere (in realtà fin dalla nascita del movimento sionista) venne sconfitta e andò al potere una coalizione di destra capeggiata dal Likud, erede del sionismo revisionista di Jabotinskij. Sarà il governo Begin che tuttavia, di lì a poco, farà la pace con l´Egitto di Sadat e aprirà una stagione per il Medio Oriente almeno in parte nuova. Nel 1978 nel Psi diventò segretario, e ben presto leader indiscusso, Bettino Craxi, che, nei confronti del Medio Oriente, del movimento palestinese e dello Stato d´Israele, mise fine a una fase, durata una decina d´anni, di incertezze e di ambiguità, schierandosi decisamente dalla parte dei palestinesi. Ma anche la decisione dell´Onu, nel 1975, di condannare il sionismo come una forma di razzismo ebbe la sua importanza, non tanto per il contenuto della decisione, in sé assurda - che infatti la stessa Assemblea generale dell´Onu dovrà cancellare nel 1991 quando saranno maturate condizioni diverse - ma perché indicativa di come la stagione dei movimenti di liberazione nazionale, dell´antiamericanismo e dell´antimperialismo avesse lasciato cascami ideologici che si esprimevano anche in una decisione del genere. Il 1979 segnò un altro punto di svolta con la rivoluzione khomeinista in Iran e la creazione di una repubblica islamica che in seguito si porrà esplicitamente l´obiettivo della distruzione dello Stato d´Israele.
Anche il 1982 fu un anno significativo, a causa dell´invasione israeliana del Libano e delle conseguenze, a livello di opinione pubblica internazionale, dei fatti di Sabra e Chatila. Ma a livello nazionale nello stesso 1982 ci sarà l´attentato alla Sinagoga di Roma, che lascerà il Psi del tutto scoperto di fronte all´opinione ebraica italiana; mentre il 1985 segnerà il punto più basso, senza che ci sia stata poi la possibilità di una risalita, nei rapporti fra il Psi, l´ebraismo italiano e lo Stato d´Israele, con il dirottamento dell´"Achille Lauro" e l´atteggiamento di aperto favoreggiamento assunto da Craxi nei confronti dei dirottatori. In realtà sono moltissimi gli episodi che segnano questa nuova stagione, tutta negativa, dell´atteggiamento del Psi verso lo Stato d´Israele.
A livello internazionale, certamente un punto di svolta fu la dichiarazione di Arafat nel 1988 che, per la prima volta, riconosceva, almeno implicitamente, l´esistenza dello Stato d´Israele; ma occorsero ancora cinque anni prima che nel 1993 si arrivasse alla dichiarazione di Oslo e conseguentemente alla celebre stretta di mano fra Rabin e Arafat di fronte al presidente Clinton. Come si vede, una serie di eventi a livello internazionale fra di loro concatenati, mentre per quanto riguardava l´Italia e soprattutto l´atteggiamento del Psi esso resterà cristallizzato nella sua negatività fino alla crisi della Prima repubblica, fra 1993 e 1994.
In conclusione, tenendo conto soprattutto che il soggetto di questa riflessione è il Psi, appare opportuno assumere come anno periodizzante il 1978, l´anno cioè in cui Craxi assunse la direzione del Psi, tenendo tuttavia presente che le conseguenze delle scelte filoarabe e filopalestinesi del leader socialista si manifestarono nel tempo e che nel corso del quindicennio 1978-1993 molti eventi, come quelli che abbiamo sopra ricordato, segnarono vere e proprie cesure, nel Medio Oriente e nel più generale quadro internazionale, con le conseguenze, anche in Italia, che ne deriveranno.


Fonte: di VALENTINO BALDACCI

Link

[]
http://www.avvenirelavoratori.eu
Periodico socialista fondato 1897.
[]
www.ilponterivista.com
Rivista mensile di politica economica e cultura
fondata da Piero Calamandrei.
[]
www.biblionedizioni.it
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
www.criticaliberale.it
"NON MOLLARE" - Quindicinale on line di Critica Liberale,da più di quarant´anni la voce del liberalismo progressista in Italia.
Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio