20 Ottobre 2020

"MIDAS ´76 (Da DE MARTINO a CRAXI)"

28-07-2020 - STORIE&STORIE

Francesco De MartinoBettino Craxi












Bettino Craxi
Francesco De Martino

Dopo la seconda scissione socialdemocratica (1) del 4 luglio 1969, guidata da Mario Tanassi (2), i socialisti del PSI sembrarono essersi ricompattati, sull'onda dello spirito di partito, ormai libero dalle contraddizioni che la breve convivenza col PSDI (1966-69) aveva comportato sul piano politico ed ideologico; ed erano in netta ripresa, anche come immagine (3), essendo praticamente tornato il PSI ad essere il rappresentante piú accreditato del socialismo italiano.

Dopo la scissione la geografia politica interna del PSI appariva formalmente semplificata: esso era governato da „un grande centro“ assai poco omogeneo e brulicante delle istanze piú varie, che ruotava principalmente attorno alle figure di Francesco De Martino e di Giacomo Mancini e che aveva, alla sua destra la vecchia corrente nenniana di „autonomia socialista“, ora guidata dal delfino di Nenni, Bettino Craxi (4) e, alla sua sinistra, la inossidabile corrente lombardiana di „sinistra socialista“, ancora ispirata dal vecchio leader, ma sempre piú pilotata dal suo „braccio destro“ Claudio Signorile (5).

A scardinare questa nuova „sistemazione“ degli assetti interni ci penso' il nuovo correntismo, ben presto affiancato dal nuovo „carrierismo“ di taluni.
Con la differenza che le nuove correnti che andavano affiorando non erano divise da differenti visioni strategiche o tattiche, come quelle di una volta, ma piuttosto dall'appartenenza ai vari „gruppi“, poi detti, in senso piú spregiativo, anche „cordate“, che si andavano coagulando nelle sezioni e nelle federazioni attorno ai vari ras locali, finendo poi per collocarsi sotto la bandiera di uno dei grandi leader del partito. Lo stesso linguaggio si andava adeguando alla nuova situazione personalizzandosi (6) sempre piú e si passava allegramente da una „corrente“ all'altra, a seconda delle prospettive di potere.
Tali „correnti“ divennero ben presto „partiti nel partito“, che si riunivano prima delle riunioni degli organi statutariamente preposti, per concordare atteggiamenti comuni da tenere nelle sedi ufficiali.
A risentirne furono soprattutto l'organizzazione del partito in quanto tale e i militanti di base, che sempre piú sentivano di non contare nulla nelle scelte del partito, adottate in sedi diverse da quelle statutarie. La crisi organizzativa, divenuta crisi della democrazia interna e dunque di credibilitá, non poteva non riversarsi anche sul piano elettorale.
Un campanello di allarme fu rappresentato dai risultati delle elezioni politiche del 7-8 maggio 1972, in cui il PSI tocco' il suo minimo storico (7).

Il 39° congresso del PSI (Genova, 9-12/11/1972) registro' il ritorno di De Martino alla segreteria, a capo di una maggioranza interna del 58 %, composta dalla corrente, da lui capeggiata, di „Riscossa“ (che aveva assorbito quella di „Impegno Socialista“ di Giolitti), e da quella, ad essa alleata, di „Autonomia“ (Craxi), disponibile a ridar vita ad un centro-sinistra riformatore (8).
Un forte segnale negativo fu l'aver posto, al vertice del partito un „Ufficio Politico“ composto dai capi-corrente (9), che dunque ufficializzava il sistema delle correnti che si diceva di voler superare.

Il periodo successivo fu caratterizzato da una serie di avvvenimenti, interni e internazionali, in cui il PSI sembro' riprendere il ruolo di protagonista della politica italiana: la formazione di vari governi, prima di centro-sinistra e poi di centro, presieduti da Rumor, Moro e Andreotti, la battaglia per la difesa della legge „“Fortuna (PSI)-Baslini (PLI)“ sul divorzio, vinta dallo schieramento antiabrogazionista (10), il colpo di Stato in Cile contro il governo del socialista Salvador Allente, il ritorno della democrazia in Portogallo e in Grecia, la confluenza nel PSI (marzo 1976) del Movimento Unitario di Iniziativa Socialista (MUIS), coordinato da Paolo Pillitteri (11).

Al 40° congresso del PSI (Roma, 3-7 marzo 1976) non ci furono mozioni contrapposte e fu unanimente approvata la linea dell'alternativa socialista che auspicava una graduale transizione al socialismo, nel rispetto della democrazia e della libertá. Non era molto chiaro pero' quale condotta tenere, fino a quando non si fossero realizzate le condizioni politiche ed elettorali per attuare in concreto tale linea. Non essendoci stata votazione, la composizione del Comitato Centrale fu „concordata“. E' ovvio, fra i capicorrente (12).
Alla segreteria del partito fu riconfermato Francesco De Martino, con vicesegretari Giovanni Mosca („Riscossa“) e Bettino Craxi („Autonomia“).

Al trionfalismo socialista non corrispondeva pero' un'univoca comunicazione all'esterno della linea politica adottata dal congresso. Nei mesi precedenti le elezioni politiche del 20-21 giugno 1976 molti dirigenti, tutti abbastanza sicuri dell'imminente vittoria, di cui non conoscevano solo le proporzioni, si esibivano in una serie di prese di posizione, tali da ingenerare nell'elettorato non poche perplessitá: chi parlava di rapporto preferenziale con la DC, chi di fine del centro-sinistra, chi di alternativa, chi di governo delle sinistre, chi di governo di emergenza, chi perfino di monocolore socialista. Da ultimo il proposito di voler includere il PCI nell'area governativa enunciato poco prima del voto dal segretario del partito, riassunto nello slogan mai piú al governo senza il PCI: cosa che probabilmente provoco' una fuga dell'elettorato piú a sinistra verso il PCI, mentre chi era fautore di una netta distinzione nei confronti dei comunisti si oriento' verso altre formazioni.
Inoltre era mancato un coerente impegno del vertice del partito contro i gruppi e gruppetti che scorazzavano e starnazzavano nelle sezioni e nelle federazioni, all'incessante ricerca del potere e del sottopotere, finendo per pesare negativamente sull'immagine di sé che il PSI proiettava all'esterno.

L'esito, benché prevedibile, non fu previsto e risulto' assai inferiore alle aspettative: il PSI si attesto' al 9,64 % alla Camera con 57/630 seggi e al Senato al 9,8 % e 29/315 seggi.
Non c'era stato pero' nessun crollo del PSI, semmai una riconferma del suo minimo storico di quattro anni prima; ma, di fronte all'avanzata auspicata e percepita, sembro' un cataclisma, specialmente se paragonato al recupero della DC (38,7 %) e alla nuova sostanziosa avanzata del PCI (34,4 %) (13).

Ne seguí lo sbandamento del gruppo dirigente, ora proteso alla ricerca delle cause del mancato successo e ai rimedi per garantire al partito uno spazio e una caratterizzazione politici che ne valorizzassero la storia e la funzione nella societá italiana. Non manco' - fa sempre comodo – la ricerca di un capro espiatorio, a parte le solite riflessioni sulle correnti degenerate in „aree“, gruppi“, „cordate“ che alimentavano il distacco tra gli oligarchi del vertice e la base socialista, e sulla insufficienza dell'organizzazione.
Fu soprattutto giudicato un grave errore l'aver messo al centro della campagna elettorale la „questione comunista“, cioé la volontá di sostenere la partecipazione del PCI al governo del Paese.

La prima istintiva reazione, giá all'indomani delle elezioni, fu la presentazione delle dimissioni dall'incarico da parte del vicesegretario Giovanni Mosca.
Intanto una forte fibrillazione si stava diffondendo nel PSI, soprattutto nelle sue ali estreme, la sinistra e gli autonomisti, ma non risparmiando „il grande centro“ che guidava il partito e neppure Riscossa, la corrente capeggiata da De Martino, in cui si prendeva coscienza della contraddizione di fondo della politica socialista, oscillante tra la prospettiva di superamento del centro-sinistra e la pratica del quadripartito.

Mentre sembrava prendere corpo l'intesa DC-PCI, con l'elezione del democristiano Amintore Fanfani alla presidenza del Senato e del comunista Pietro Ingrao a quella della Camera, e si preparavano gli accordi che daranno vita al 3° governo Andreotti, detto della non sfiducia (14) o di solidarietá nazionale, il pomeriggio del 12 luglio, all'hotel Midas di Roma iniziava la riunione del Comitato Centrale del PSI, con l'introduzione di Nenni (15) e quindi con la relazione del segretario De Martino.

Il giorno dopo, 13 luglio 1976, un documento presentato da Enrico Manca, giá delfino di De Martino, in cui si invitava il partito a dare concreta operativitá al superamento delle attuali correnti organizzate, venne approvato all'unanimitá dal C.C. Un simile documento obiettivamente spezzava ogni solidarietá di gruppo e dava libertá di movimento ai singoli membri del C.C. e in particolare ai leader emergenti. De Martino sembro' sottovalutare il fermento che agitava il PSI, ritenendolo frutto di un'esigenza di rinnovamento generazionale, mentre – dirá anni dopo – si mirava ad una trasformazione del partito che lo avrebbe snaturato.
Successivamente i rappresentanti della sinistra nella Direzione (16) annunciarono di dimettersi dalla stessa per favorire un profondo rinnovamento delle strutture del partito, invitando gli altri componenti a seguire il loro esempio.

A questo punto venne a galla quella che, piú o meno impropriamente, sará detta la rivolta dei quarantenni ed anche la congiura del Midas, che indusse quel vecchio gentiluomo che era De Martino, illustre professore di Diritto Romano, a rassegnare le dimissioni da segretario nazionale (17), subito seguito dalla Direzione in blocco (18).
Nella notte tra il 15 e il 16 luglio, il C.C. elesse, a scrutinio segreto, la nuova Direzione del Partito, cui spettava statutariamente l'elezione del nuovo segretario nazionale. Essa risulto' composta di 31 membri, di cui 18 parlamentari e 13 non parlamentari, cosí ripartiti: 3 autonomisti (19), 7 „manciniani“ (20), 6 „lombardiani“ (21), 13 ex „demartiniani“ (22). De Martino, per sua volontá, non entro' nella nuova Direzione. Il sistema correntizio, poco prima uscito dalla porta, rientrava dalla finestra!
Il Comitato Centrale si chiuse con l'approvazione di un documento politico che invitava il Partito ad una riflessione sistematica, capace di fargli superare la fase critica della sua presenza nella societá.

Si aprí dunque il problema della successione a De Martino nella segreteria, a cui si dedicarono i nuovi capi emergenti, in particolare Enrico Manca, ora a capo di un sottogruppo di demartiniani dissidenti, Claudio Signorile, di fatto nuovo leader della sinistra „lombardiana“, i quarantenni Fabrizio Cicchitto, Gianni De Michelis, Antonio Landolfi, Bettino Craxi.
Inizialmente emersero tre possibili candidature: quelle di Enrico Manca, di Antonio Giolitti e di Bettino Craxi. Quella di Manca non poté decollare, perché sembro' inopportuno sostituire De Martino con chi gli era stato piú vicino; quella di Giolitti, invano sostenuta da Riccardo Lombardi, trovo' ostacoli insormontabili nel suo presunto carattere distaccato e lontano dagli umori della base.
L'impulso a scegliere Craxi partí principalmente da Giacomo Mancini, vecchio rivale di De Martino.
Il 16 luglio 1976 Bettino Craxi fu eletto segretario nazionale con 23 voti a favore e 8 astensioni (23).

Su proposta di Craxi venne poi nominata una segreteria di cui facevano parte, oltre naturalmente il segretario, i cosiddetti colonnelli, gli ex demartiniani Enrico Manca e Salvatore Lauricella, il lombardiano Claudio Signorile e il manciniano Antonio Landolfi (24).

Alla fine della riunione Riccardo Lombardi dichiaro': L'elezione di Craxi é il fatto piú negativo del recente Comitato centrale socialista..., senza tuttavia apparire allarmato di cio', giacché aggiunse: Il nuovo segretario ha poteri estremamente limitati.
A favore della scelta di Craxi, leader di una piccola corrente, gioco' probabilmente la diffusa convinzione che la sua presunta debolezza politica lo avrebbe vincolato alle decisioni dei suoi piú forti alleati.

Quanto fosse errata questa valutazione lo dirá la Storia successiva.

-----
  1. La prima era stata quella dell'11-1-1947. guidata da Giuseppe Saragat, che diede vita al PSLI, in seguito PSDI.
  2. Gli scissionisti fondarono il Partito Socialista Unitario (dal 10-2- 1971 di nuovo PSDI), con segretario Mauro Ferri, in seguito (febbraio 1972) sostituito da Tanassi, giá presidente del Partito.
  3. Non avevano seguito la scissione tanassiana importanti esponenti dell' ex ala sinistra del PSDI, come il prestigioso segretario nazionale della UIL, Italo Viglianesi e i sindacalisti UIL Ruggero Ravenna, Giorgio Benvenuto, Enzo Mattina e Giulio Polotti.
    Inoltre, nel 1972, nel corso della crisi che porterá il PSIUP allo scioglimento, rientraronio nel PSI importanti esponenti di quel partito, fra cui Giuseppe Avolio, Vincenzo Gatto, Alessandro Menchinelli, Giulio Scarrone. Nel novembre 1972 aderí al PSI anche la maggioranza del Movimento Politico dei Lavoratori (MPL), guidata da Livio Labor, Gennaro Acquaviva, Marco Biagi e Luigi Covatta.
  4. Subito dopo la scissione socialdemocratica, Nenni si era dimesso dalla presidenza del C.C. e si era praticamente ritirato da ogni ruolo attivo, fortemente deluso dall'aver visto naufragato il suo sogno unitario di una vita.
  5. Notevole peso vi avevano anche Fabrizio Cicchitto e Gianni De Michelis.
  6. Si parlava ormai con disinvoltura di „demartiniani“, „manciniani“, „lombardiani“, „craxiani“, ecc.
  7. Segretario ne era Giacomo Mancini. Il PSI alla Camera ottenne il 9,61 % e 61 deputati su 630 e al Senato il 10,71 % e 33 seggi su 315 elettivi. IL PSDI, alla Camera, conseguí il 5,14 % e 29 deputati e, al Senato, il 5,36 % e 11 senatori.
    Il PSIUP, che al Senato si era presentato assieme al PCI, alla Camera si attesto' all'1,94 % e non ottenne nessun seggio, il che fu causa del suo successivo scioglimento (13-7-1972).
  8. La minoranza era composta dalle correnti di Mancini („Presenza“), Bertoldi („Unitá del Partito“) e Lombardi („Sinistra“), favorevoli alla politica di alternativa e all'introduzione, nell'azione politica, di un forte impegno morale e riformatore.
  9. De Martino, Craxi, Mancini, Bertoldi e Lombardi.
  10. La campagna elettorale per il referendum sul divorzio segno' il ritorno in grande stile di Pietro Nenni sulla scena politica.
  11. Da non confondere con la formazione, avente la stessa denominazione, guidata da Mario Zagari e Matteo Matteotti, nel 1959 pure confluita nel PSI.
  12. Dei 141 membri del nuovo C.C. 59 (42,7 %) furono assegnati alla corrente di De Martino, 30 (19,8 %) a quella di Mancini, 10 (5,7 %) a quella di Bertoldi, 23 (17,8 %) alla sinistra di Lombardi, 19 (14 %) agli autonomisti di Nenni-Craxi.
  13. Si ebbe anche un calo dei partiti laici minori. Il PSDI consegui il alla Camera il 3,38 % e 15/630 deputati e al Senato il 3,10 % e 6/315 senatori, con una perdita secca di 14 deputati e 5 senatori.
  14. Per via dell'astensione del PCI.
  15. In seguito al XL congresso del PSI (Roma, 3-7/3/1976)) Nenni era stato rieletto presidente del C.C.
  16. Fabrizio Cicchitto, Tristano Codignola, Gianni De Michelis, Livio Labor, Riccardo Lombardi e Claudio Signorile.
  17. Dopo il 40° congresso del PSI, De Martino era stato eletto segretario all'unanimita. Per cui, venuta meno quell'unanimitá, egli ritenne corretto rassegnare le dimissioni.
  18. Poco prima della riunione della Direzione si era dimesso dalla stessa Antonio Giolitti.
  19. Craxi, Formica, Lagorio.
  20. Aniasi, Balzamo, Caldoro, Cassola, Landolfi, Mancini, Neri.
  21. Cicchitto, De Michelis, Giannotta, Lombardi, Signorile, Spano.
  22. Arfé, Avolio, Bertoldi, Capria, Galli, Giolitti, Lauricella, Manca, Pedrazzoli, Querci, Seppia, Tempestini, Vittorelli.
  23. I sei della „sinistra“ , che motivo' il suo voto come „un giudizio d'attesa“, piú Gino Bertoldi e Antonio Giolitti.
  24. Antonio Landolfi é autore, fra l'altro, di una pregevole Storia del PSI e di Giacomo Mancini – biografia politica.



Fonte: di FERDINANDO LEONZIO

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio