17 Novembre 2019
[]

"L’ONU E LE MIGRAZIONI"

21-07-2019 - IL SOCIALISMO NEL MONDO
L’agenzia per i rifugiati dell’ONU (UNHCR) segnala da tempo la penosa emergenza umanitaria – determinata da arretratezza, siccità, povertà, carestia, conflitti di vario genere, esplosione demografica – che sta espellendo milioni di persone dal continente africano e dall’Asia. Non v’è dubbio che, per le sue dimensioni, il fenomeno non è gestibile dai singoli stati o solo dall’Unione Europea o dagli Stati Uniti d’America verso i quali i migranti sono diretti in maggior parte e che, però, si possa negare la necessità di regolamentare, governare, incanalare un tale fenomeno anche secondo le esigenze dei paesi che dovrebbero riceverli.
Non è infatti ragionevole che di fronte ad esso si chiudano gli occhi facendo finta che non esista o pensando che la spinta migratoria non abbia conseguenze sugli assetti interni delle comunità ‘nazionali’ (e noi, in Italia, ne stiamo sperimentando gli effetti politici, sociali, economici) che l’assorbono o, infine, rassegnandosi all’idea che la migrazione sia del tutto incontrollabile, un dato di natura e che l’unica soluzione di un tale problema sia l’accoglienza illimitata come sostiene, per esempio, la Chiesa cattolica o chi, per mera convenienza politica o economica, ci pone di fronte al fatto compiuto delle cosiddette navi-soccorso che si presentano davanti ai nostri porti: se fosse un caso unico nessuno negherebbe loro di entrare in porto e farvi sbarcare i cosiddetti naufraghi. Ma è un caso che si ripete ogni giorno (quante volte, negli ultimi mesi, una nave ‘Sea Watch’, o similare, si è presentata nei porti siciliani, rifiutando di obbedire agli ordini dell’autorità e finanche speronando una motovedetta della GdF, come è accaduto a Lampedusa il 29 giugno scorso?).
Del resto, al di là della necessaria ospitalità e assistenza per chi ha avuto una disavventura in mare, non vi è alcuna norma di diritto internazionale che obblighi uno stato a tenersi chi, una volta soccorso in mare, venga fatto sbarcare in un determinato paese.
Solo uno dei tanti incongrui regolamenti europei, il Regolamento di Dublino, prevede una tale assurdità in forza del presupposto, sbagliato, che si debba dare accoglienza a chiunque voglia sbarcare in un paese rivierasco del Mediterraneo che faccia parte dell’U. E.: fermo restando che la stessa U. E. ha chiuso le frontiere degli Stati non rivieraschi – scaricando alla Turchia, a suon di miliardi, i migranti che seguivano il corridoio balcanico – e che molti degli stati che ne fanno parte hanno chiuso le proprie frontiere specialmente a quei migranti che siano già stati registrati in un altro paese (vedi la Francia, che da anni tiene decine di migranti sugli scogli di Ventimiglia o ce li restituisce sui valichi alpini, o la Germania che ci restituisce tutti i migranti che vi giungono dopo essere stati registrati in Italia a norma di quel regolamento europeo).
Le migrazioni incontrollate mettono a rischio la sicurezza mondiale perché, se è vero che la storia dell’uomo è una storia di migrazioni, bisogna pur far sì che queste non provochino catastrofi di vario genere, prima fra tutte quella dell’eterogenesi dei fini – la gente migra per migliorare la propria condizione ma, se lasciata a se stessa, la peggiora insieme a quella della società che li ospita – e, non ultima, l’altra, quella veramente catastrofica, dello scatenamento di un conflitto aperto, bellico, oltre quello razziale e sociale, qualora si determinasse un pressione migratoria insostenibile. La storia inoltre ci dice anche che le migrazioni sono spesso avvenute con modalità non pacifiche (vedi le invasioni barbariche seguite a lunghi anni di infiltrazioni attraverso i confini, o l’espansione islamica nel Medio Evo; o le varie conquiste coloniali delle potenze europee nell’età moderna) e che le conseguenze di tali eventi non sono state sempre positive. Certamente non possiamo venir meno al dovere di gestire nel modo più pacifico possibile le relazioni tra gli stati ma, per ciò stesso, dobbiamo far sì che le comunità nazionali regolino da sé le modalità dell’accoglienza. Possiamo solo auspicare, ma non imporre, che siano generose. O dobbiamo ammettere l’esistenza di un ‘diritto naturale’ a migrare in qualsiasi luogo, in qualsiasi caverna, senza il consenso del ‘primo occupante’? Vogliamo forse tornare all’uso della ‘clava’?
Insomma – fatta la dovuta distinzione tra richiedenti asilo e migranti economici – non si può negare ai singoli paesi il potere di controllare e limitare i flussi migratori in ragione delle proprie capacità e disponibilità o di governare gl’ingressi nel proprio territorio con l’antico e funzionale sistema dei visti e dei permessi di soggiorno, vincolati a certe condizioni (di lavoro, di residenza, di garanzie varie che, fra l’altro, sono richieste anche ai cittadini).
Se ancora è permesso ragionare storicamente, bisogna ricordare che in Italia fu messa alla gogna politico-mediatica la legge Bossi-Fini che, secondo i suoi critici, aveva due torti principali: 1) l’avere stabilito il criterio dei flussi – quote annuali di immigrazione – secondo norme, abbastanza elastiche, che subordinavano i visti d’ingresso e i permessi di soggiorno ai contratti di lavoro; e 2) l’essere stata propedeutica alla successiva introduzione del reato di immigrazione clandestina.
Una tale fattispecie – prevista pure dalla legislazione di paesi, come l’Australia, venerati per la capacità d’accoglienza e cresciuti solo in virtù dell’immigrazione – forse è di difficile determinazione; si può anche ammettere che sia tale da causare ulteriori ingorghi giudiziari nel grande ingorgo che già paralizza i nostri tribunali e che sia difficile l’applicazione delle sanzioni previste, soprattutto quella dell’espulsione e del rimpatrio forzato stante il fatto che la grandissima parte dei cosiddetti immigrati clandestini sono sprovvisti di documenti d’identità: ma perché si dovrebbero ammettere sul territorio nazionale soggetti che non possano provare la propria identità?
Né si può lasciare ai singoli paesi l’onere di risolvere il problema delle migrazioni dall’Africa o dai paesi poveri dell’Asia verso l’Europa o l’Australia, e dall’America centrale verso gli Stati Uniti.
Un tale problema – proprio perché di dimensioni mondiali – dovrebbe essere affrontato dall’ONU in una visione globale: non si vede però perché i migranti debbano essere ‘addebitati’ soltanto all’Occidente e non anche, per esempio, a paesi come la Cina o la Russia: o nemmeno la Cina e la Russia sono ‘porti sicuri’?
L’UNHCR e altri vari soggetti – anche italiani – hanno denunciato il governo italiano per aver adottato, negli ultimi tempi, una politica restrittiva riguardo alla immigrazione obiettando che la cosiddetta ‘chiusura dei porti’ sarebbe una violazione dei diritti umani e, finalmente, chiedendo il ritiro o la modifica del Decreto Sicurezza bis – che prevede, fra l’altro, la possibilità di proibire a navi straniere di entrare nelle acque territoriali italiane per motivi di sicurezza nazionale – appena varato dal governo.
L’UNHCR giustamente denuncia che i migranti arrivano in Libia dai paesi africani sub-sahariani e dall’Africa orientale, incuranti dei pericoli che vi corrono perché spinti da varie ragioni (guerra e povertà) come rifugiati o come migranti in cerca di un posto migliore dove guadagnarsi da vivere. Pare infatti, che in questo paese, essi subiscano maltrattamenti al limite della tortura nei centri di detenzione, anche, a causa della guerra civile che vi imperversa da anni.
Che cosa fa l’UNHCR per i migranti?
Perché, data la situazione in Libia, fa poco o nulla per informare i migranti delle condizioni che troveranno in quel paese e per fermarli, prima che partano, per evitare che essi rischino la pelle nei malfamati centri di detenzione libici o sui barconi dei trafficanti? Perché si dichiara la Libia non sicura come porto cui affidare i naufraghi e si permette invece che venga eletta come base di partenza verso l’Europa da quelle migliaia di migranti che vi giungono volontariamente muovendo da tutte le parti del mondo (dal Bangladesh, alla Nigeria, dall’Eritrea al Ghana, etc.)?
Perché l’UNHCR – dopo un attacco aereo dell’aviazione del gen. Haftar che ha colpito un obiettivo a meno di 100 metri dal Centro di Tajoura, in cui erano raccolti oltre 500 rifugiati e migranti – si è limitata a lanciare appelli affinché i rifugiati e i migranti presenti nei Centri di raccolta nelle zone di Tripoli siano evacuati verso aree più sicure?
Perché, invece di fare appelli, l’ONU non interviene, anche militarmente, come prevede il suo Statuto (peace-enforcing e peace-keeping), per fare cessare la guerra civile in Libia o nei paesi che costringono alla migrazione di massa, per farvi cessare pulizie etniche, conflitti tribali, colpi di stato, etc.?
Perché non fa nulla per migliorare le condizioni dei migranti nei paesi di provenienza?
Non vi sono, in Libia o nei paesi di provenienza, violazioni dei diritti umani tali da giustificare un intervento di polizia internazionale o situazioni economiche che richiedano un intervento delle Nazioni Unite (tipo Piano Marshall) però assicurandosi che i capitali investiti non finiscano nelle tasche di qualche potentato locale o, anche, di qualche funzionario ONU?
O si deve aspettare che, come in Bosnia e in Kossovo, intervenga la NATO, visto che a Srebrenica i ‘caschi blu’ (olandesi) dell’ONU si voltavano dall’altra parte.
Dobbiamo ammettere che l’ONU è incapace di fare fronte alle sue responsabilità, paralizzata dalle manovre di grandi potenze (vedi la Francia con le sue aspirazioni da ‘mosca cocchiera’) che siedono, con diritto di veto, nel Consiglio di sicurezza?
Forse dobbiamo rassegnarci alla dura realtà della inesistenza di una comunità mondiale degna di questo nome.



NOTA

L’articolo di Giuseppe Buttà dice, molto bene, come la questione dell’immigrazione sia una grande questione politica internazionale e come proprio a livello internazionale dovrebbe essere impostata e gestita. In Italia, ma anche in Europa, la si è sempre letta come un’emergenza non comprendendo che quando i popoli si mettono in movimento non ci sono provvedimenti amministrativi che facciano loro da barriera. La legge Bossi-Fini, poi, si basava su un presupposto sbagliato: che il fenomeno immigratorio avesse solo motivazioni economiche – che pure ci sono, naturalmente – e che, quindi, chi voleva approdare in Italia dovesse dimostrare di esservi stato chiamato per lavorare. Quella legge è rimasta lettera morta poiché lo Stato italiano non ha attivato nessun meccanismo che andasse in questa direzione, se mai il problema fosse stato solo di natura economica. Buttà spiega bene come il problema debba essere impostato quale grande problema che investe il mondo occidentale a rischio di risucchiamento nel sovranismo razzista. (p.b.)




Fonte: di GIUSEPPE BUTTA'

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio