19 Ottobre 2018
[]

"LA MUTAZIONE GENETICA"

23-03-2018 - STORIE & STORIE
Pare che il primo a parlare di „mutazione genetica" del PSI sia stato Berlinguer, con riferimento al PSI craxiano.
A me pare che le radici storiche di tale fenomeno in casa socialista siano da far risalire ad un tempo anteriore e precisamente al luglio 1960.
Il fatto che in quell´anno si fosse insediato un governo monocolore DC, quello Tambroni, sostenuto dall´esterno dal MSI, aveva risvegliato lo spirito antifascista in tutta l´Italia e c´erano anche stati alcuni morti, in seguito a moti popolari di protesta. Travolta dalla indignazione popolare, la stagione di Tambroni ebbe breve durata e il suo governo fu sostituito da un esecutivo presieduto da Fanfani, che fu detto di „restaurazione democratica", cui il PSI diede la sua astensione, differenziandosi dal PCI che invece voto´ contro.
Questo opportuno voto socialista poneva fine ad una contrapposizione frontale, iniziata nel 1947, tra il PSI (allora legato al PCI dal Patto d´unitá d´azione) e la DC centrista e scelbiana, portatrice di una politica conservatrice di stampo clericale.
A quel voto segui´ la costituzione di alcune amministrazioni comunali di centro-sinistra in alcune importanti cittá. (Genova, Bari,Venezia).
La marcia di avvicinamento, guidata nel PSI da Pietro Nenni e nella DC da Aldo Moro, porterá poi alla formazione, nel 1964, del primo centro-sinistra organico: il governo Moro-Nenni.
Caduti quindi gli steccati del passato, le amministrazioni di centro-sinistra prolificarono, insediandosi in una miriade di comuni, piccoli e grandi.
Questo nuovo scenario non comporto´ pero´ per il PSI un rovesciamento di fronte, giacché esso continuo´ a fare maggioranza col PCI (e anche col PSIUP, nato da una sua scissione a sinistra) in molte altre realtá.
In sostanza, a livello locale, il PSI poteva fare maggioranza o col PCI o con la DC, i quali, invece, rimanevano alternativi fra loro. Per cui, nel 90 % delle realtá locali, alleandosi con l´uno o con l´altra, il PSI entrava negli esecutivi.
In breve volger di tempo il PSI divenne cosí il "partito degli assessori". Mentre chi si schierava con il PCI o con la DC poteva sperare, per poter gustare le beatitudini del governo locale, solo nella vittoria del proprio partito, chi stava col PSI era quasi certo di poter soddisfare questa aspirazione, qualunque fosse stato il responso delle urne.
Il profumo inebriante del potere fu rapidamente percepito dalla miriade di aspiranti capi e capetti, ormai in piena crisi di astinenza, che giá da un po´ facevano capolino nel PSI, un po´invidiosi dei precursori cugini socialdemocratici; nel frattempo si facevano piú pressanti le aspirazioni di quanti, per un motivo o per un altro, ronzavano attorno alle amministrazioni locali per succhiarne il nettare.
Dall´amplesso di queste due non molto nobili aspirazioni nacquero i gruppi di potere, che allora preferivano farsi chiamare „correnti", vista la possibilitá di potersi collocare sotto l´usbergo protettore dei vari raggruppamenti allora esistenti nel partito, facenti capo ad autentici galantuomini come Mancini, De Martino, Lombardi, Giolitti.
Ricordo di aver assistito, negli anni precedenti, all´opera di convincimento che a volte occorreva fare per indurre un operaio o un artigiano a entrare nel direttivo sezionale, perché l´interessato esitava di fronte alla possibiitá di dover sottrare tempo ed energie alla sua attivitá lavorativa e quindi rinunciare ad una parte del magro reddito che essa gli procurava!
In quegli anni di rilassamento dei costumi, la cosa, pero´, si capovolse e l´elezione per entrare in un direttivo locale divenne per certi famelici personaggi un fatto di estrema importanza.Entrare nel direttivo poteva significare condizionare le scelte della sezione, favorire l´elezione di un consigliere comunale o provinciale, poter godere della benevolenza di un assessore.
Spuntarono percio´ nel PSI nugoli di piccoli „ras" di paese e di provincia, gestori di pacchetti di tessere e di voti, dando vita ad un fenomeno che „Critica Sociale", in un articolo del 1962, efficacemente defini´ „cacicchismo".
Nel periodo craxiano il fenomeno, giá esistente, si amplifico´. Anche per la forte personalitá del leader, le correnti tradizionali scomparvero, perfino la sinistra ex lombardiana divenne una specie di „opposizione di Sua Maestá" e tutto, a livello nazionale, divenne omogeneo e unitario.
Con la nuova situazione i „gruppi" o „cordate" passarono dalla protezione sperata da qualcuno dei capi storici del partito ad un sistema di tipo „feudale".
In base a questa nuova organizzazione, i vari ras potevano libermente starnazzare nei loro territori, purché dimostrassero fedeltá al Capo di riferimento nelle questioni importanti, come i congressi o le elezioni.
In questa nuova situazione si assistette a fenomeni prima sconosciuti nel partito socialista, come la caccia, fino allo spasimo, alle preferenze, il tesseramento gonfiato e l´emergere dei „signori delle tessere", moderni vassalli, valvassori e valvassini, i „congressi a tavolino", il declino dello spirito di fratellana, che sempre aveva caratterizzato i socialisti, il disprezzo arrogante per ogni idealismo.
Era dunque fatale che questo nuovo clima comportasse una mutazione genetica assai piú profonda che nel passato.
E infatti arrivo´ nel partito una borghesia rampante che non aveva ormai neanche la pazienza di intrupparsi nella DC o in uno dei partitini di contorno e che invece voleva far presto per...realizzare i propri „sogni".
Nello stesso tempo comincio´ lo stillicidio di valorosi compagni che furono costretti a lasciare l´organizzazione in cui erano politicamente cresciuti, pur portando nel cuore il loro ideale.
L´ex parlamentare socialista ed ex vicegretario del partito Tristano Codignola, prestigioso intellettuale socialista, fu espulso nel 1981; contemporaneamente furono espulsi l´ex sindaco di Pavia Elio Veltri e l´ex ministro Franco Bassanini; l´ex segretario nazionale Alberto Jacometti, nobile figura dell´antifascismo socialista, lascio´ il partito nel 1984; Antonio Giolitti, ex partigiano ed ex ministro, lo lascio´ nel 1985; il grande storico del socialismo ed ex direttore dell´Avanti! Gaetano Arfé lo lascio´ nel 1986. Rimasero, invece, i nani e le ballerine, che ormai popolavano le sezioni..
Dunque nella massa degli iscritti e degli elettori avvenne questo cambio di personale e il PSI divenne un partito sí ancora di sinistra, soprattutto grazie al suo vertice, ma con una base in buona parte istintivamente di destra.
Se ne ebbe la conferma dopo lo scioglimento del PSI, quando molti corsero ad arruolarsi sotto le promettenti insegne del nascente berlusconismo e quel nuovo elettorato poté, senza traumi, ricollocarsi in quella che percepiva come la sua sede naturale.
Si videro cosí, uniti dallo stesso sogno politico, personaggi che pretendevano ancora di essere i nipotini di Matteotti combattere assieme a nipotini di Mussolini, per la comune vittoria.
Quello che é difficile capire é come ci sia ancora qualche buon militante, troppo buono, che parla di ricomposizione della diaspora socialista, riferendosi anche a chi é da tempo approdato in sponde assai lontane da ogni possibile socialismo.


Fonte: di FERDINANDO LEONZIO

Link

[]
http://www.avvenirelavoratori.eu
Periodico socialista fondato 1897.
[]
www.ilponterivista.com
Rivista mensile di politica economica e cultura
fondata da Piero Calamandrei.
[]
www.biblionedizioni.it
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
www.criticaliberale.it
"NON MOLLARE" - Quindicinale on line di Critica Liberale,da più di quarant´anni la voce del liberalismo progressista in Italia.
Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio