15 Dicembre 2018
[]

"LE CONFLUENZE SOCIALISTE NEL DOPOGUERRA"

18-11-2018 - STORIE & STORIE

Di confluenza, piú che di fusione, si può parlare a proposito del convegno che ebbe luogo in casa di Oreste Lizzadri (1), a Roma, il 23 e 24 agosto 1943 e al quale parteciparono esponenti del PSI (Bruno Buozzi, Rodolfo Morandi, Pietro Nenni, Sandro Pertini), del Movimento di Unitá Proletaria (Lelio Basso, Lucio Luzzatto, Corrado Bonfantini) e di Unione Proletaria (Giuliano Vassalli, Tullio Vecchietti, Mario Zagari).
In quella occasione fu adottata, per il partito socialista, la nuova denominazione di PSIUP (Partito Socialista Italiano di Unitá Proletaria), che esso conserverà fino al gennaio 1947.
Quando, in occasione della scissione socialdemocratica di Saragat, ritornerà a quella tradizionale di PSI (Partito Socialista Italiano).

xxxxx

Il 21 ottobre 1947 il Partito d´Azione, erede di „Giustizia e Libertà“ di Carlo Rosselli, decise, nella sua maggioranza (Riccardo Lombardi, Francesco De Martino, Vittorio Foa), di confluire nel PSI (2).

Una minoranza (Tristano Codignola, Piero Calamandrei, Aldo Garosci, Paolo Vittorelli), invece, diede vita al Movimento di Azione Socialista Giutizia e Libertà.

Quest´ultima formazione, l´8 febbraio 1948, si fonderà con il piccolo gruppo scissionista della destra del PSI, guidato da Ivan Matteo Lombardo e con quello di Europa Socialista di Ignazio Silone, per dare vita all´Unione dei Socialisti (UdS), che alle elezioni politiche del 18 aprile 1948 si presenterà assieme al PSLI di Saragat, nella lista „Unità Socialista“, che alla Camera otterrà il 7,1 %.
Successivamente, nel 1949, la minoranza dell´UdS (I.M. Lombardo) confluirà nel PSLI , mentre la maggioranza (I. Silone), assieme al MSA di Romita e alla sinistra socialdemocratica, confluirà nel PSU (Partito Socialista Unitario).

xxxxx

Il 20 novembre 1949 confluì nel PSI il Partito Socialista Sardo d´Azione di Emilio Lussu.

xxxxx

Le elezioni amministrative del 1951 rivelarono la tendenza al calo dei partiti dell´area
governativa (3), tale da mettere in forse la possibilità per loro di riconquistare la maggioranza assoluta alle imminenti elezioni politiche del 7 giugno 1953.

Per superare il probabile inghippo, essi pensarono bene di far approvare dal Parlamento una nuova legge elettorale, presto ribattezzata „legge-truffa“ (4), secondo cui alla coalizione che avesse superato, anche di uno solo, il 50 per cento dei voti, sarebbe andato il 65 per cento dei seggi della Camera.
L´approvazione di tale legge suscito´ pero´ aspre polemiche all´interno dei partiti che l´avevano voluta.
Per quanto riguarda la socialdemocrazia, gli esponenti della sua ala sinistra Paolo Vittorelli e Edmondo Cossu organizzarono sul tema, per il 23 novembre 1952, un convegno fortemente critico da cui scaturì poi una scissione, guidata da Tristano Codignola e Piero Calamandrei. Infatti, il I febbraio 1953, nel corso di un convegno tenutosi a Vicenza, fu costituito il Movimento di Autonomia Socialista (MAS) (5).
Questo gruppo, assieme a una parte della sinistra repubblicana (Parri, Conte, Della Seta), che aveva per lo stesso motivo, lasciato il PRI, formo´ poi un soggetto politico denominato Unitá Popolare (UP), che, pur non ottenendo alcun seggio, ebbe un ruolo determinante nell´impedire ai partiti centristi di ottenere la maggioranza assoluta dei voti e perciò di far scattare il meccanismo del premio di maggioranza (6).
Un ruolo fondamentale in tal senso lo ebbe pure l´Unione Socialista Indipendente (USI). Questo partito era nato ad opera di due deputati comunisti dissidenti, Aldo Cucchi e Valdo Magnani (7), che avevano dapprima fondato il Movimento Politico dei Lavoratori (MPL), che auspicava l´unificazione di tutte le forze socialiste in un quadro di superamento del frontismo e del centrismo. Esso era affiancato dal settimanale d´area Risorgimento socialista.
Nel corso poi di un convegno, svoltosi a Milano il 28 e il 29 marzo 1953, il MPL confluì, assieme ad altri gruppi socialisti provenienti dal PSI (Giuseppe Gaeta, Giuseppe Pera), dal PSLI (Carlo Andreoni) e dal PSU (Lucio Libertini) nella neonata USI (8).

xxxxx

Il XX congresso del PCUS (14-25/2/1956), il rapporto segreto di Kruscev e la rivelazione dei crimini dello stalinismo, gli articoli di Nenni su Mondo Operaio e poi la sanguinosa repressione delle rivoluzione ungherese aprirono la strada alla fine del frontismo, all´eliminazione del Patto d´unità d´azione tra PSI e PCI, all´autonomia socialista e, per conseguenza, alla possibile fusione tra PSI e PSDI.
Di quest´ultimo riavvicinamento fu espressione simbolica l´incontro di Pralognan fra Nenni e Saragat (25-8-1956), che fece sperare in un´imminente riunificazione socialista, auspicata anche dall´Internazionale Socialista, che invio´ in Italia un proprio rappresentante, all´uopo incaricato, Pierre Commin.
Ma le trattative per la riunificazione furono fortemente ostacolate dalla sinistra socialista e dalla destra socialdemocratica e dovettero alla fine essere accantonate, tanto da far dire a Nenni che sull´unificazione era stata posta una pietra tombale e che perciò l´unica unità possibile era nel PSI.

xxxxx

L´appello fu dapprima raccolto dall´Unione Socialista Indipendente (9), la cui confluenza fu ratificata, il 24 marzo 1957, dal Comitato Centrale del PSI, in cui furono cooptati 6 rappresentanti dell´USI: Mario Giovana, Lucio Libertini, Valdo Magnani, Giuliano Pischel, Vito Scarongella e Nino Wodizka.

xxxxx

In seguito ai fatti d´Ungheria, tra il 1956 e il 1957, confluirono nel PSI varie personalità provenienti dal PCI, fra cui Loris Fortuna, Antonio Giolitti, Furio Diaz e Luciano Cafagna.
Alcuni altri, invece, capeggiati da Eugenio Reale, si riunirono attorno alla rivista Corrispondenza Socialista e, nel novembre 1958, formarono un movimento denominato AS (Alleanza Socialista), che nel novembre 1959, coi suoi circa 15 mila iscritti, confluì nel PSDI, ottenendo 14 posti nel Comitato Centrale e 4 nella Direzione.
Di tale raggruppamento faceva parte il noto storico Giuseppe Averardi.

xxxxx

Unitá Popolare, nell´ottobre 1957, con l´eccezione del gruppo Parri, si pronuncio´ per la confluenza nel PSI, nel cui Comitato Centrale furono cooptati Piero Caleffi, Tristano Codignola, Edmondo Cossu, Bruno Pincherle, Pier Luigi Sagona e Paolo Vittorelli.

xxxxx

I dissensi che il fallimento dell´unificazione col PSI avevano causato all´interno del PSDI finirono per provocare la scissione (19-1-1959) dell´ala sinistra socialdemocratica, guidata da Mario Zagari e Giuseppe Faravelli
Aderirono alla scissione 5 deputati (Bonfantini, che pero´ non aderirá al MUIS, Lucchi, Schiano, M. Matteotii e Vigorelli) e 22 componenti del Comitato Centrale.
Poco dopo (7-8/2/1959) gli scissionisti costituirono il MUIS (Movimento Unitario di Iniziativa Socialista), che al momento della succeva confluenza nel PSI (18-6-1959) contava 9.984 iscritti.

xxxxx

Nel luglio 1972, un gruppo proveniente dalla socialdemocrazia, capitanato da Paolo Pillitteri, costituì un nuovo MUIS, che il 6 marzo 1976 confluì nel PSI.

xxxxx

Il 15 febbraio 1989 l´ala sinistra del PSDI, da sempre favorevole all´unificazione col PSI, si scisse, dando vita al movimento denominato Unitá e Democrazia Socialista (UDS), guidato da Pier Luigi Romita, che il 13 ottobre dello stesso anno confluí nel PSI, nella cui Direzione ottenne un posto.
Del movimento faceva parte anche l´ex segretario del PSDI Pietro Longo (10).

-----
(1) Il convegno, a cui parteciparono una quarantina di persone, provenienti da varie parti d´italia, fu organizzato da Oreste Lizzadri e da Giuseppe Romita, segretario provvisorio del PSI.
(2) Furono allora cooptati nella Direzione del PSI, con voto consultivo, Alberto Cianca e Riccardo Lombardi.
(3) DC, PSDI, PRI, PLI.
(4) Pare che tale denominazione sia stata usata per primo da Piero Calamandrei.
(5) Il Comitato Centrale era formato da Codignola (segretario), Cossu, Costantini, Finocchiaro, Greppi (ex sindaco di Milano), Zampagnini. Aderivano, inoltre al MSA il giurista Piero Calamandrei, l´ex sindaco di Bologna Emilio Zanardi e lo scrittore Piero Caleffi (Si fa presto a dire fame, Pensaci uomo).
(6) Da non sottovalutare neppure il contributo dato, nello stesso senso, da ADN (Alleanza Democratica Nazionale), una formazione nata da una scissione della sinistra del PLI (Epicarmo Corbino, Giuseppe Nitti, Franco Antonicelli).
(7) Assieme ad autorevoli socialisti come Mario Giovana, Lucio Libertini e Vera Lombardi.
(8) La segreteria nazionale risulto´ costituita da Valdo Magnani (leader), Aldo Cucchi, Riccardo Cocconi (ex PCI), Lucio Libertini, Vera Lombardi e Giuliano Pischel.
(9) Nel 1956 una pattuglia dell´USI, guidata da Aldo Cucchi aveva preferito confluire nel PSDI.
(10) Per le confluenze verificatesi dopo lo scioglimento del PSI (13-11-1994) mi permetto di rinviare al mio recente libro La diaspora del socialismo italiano, recentemente pubblicato dalle edizioni ZeroBook.



Fonte: di FERDINANDO LEONZIO

Link

[]
http://www.avvenirelavoratori.eu
Periodico socialista fondato 1897.
[]
www.ilponterivista.com
Rivista mensile di politica economica e cultura
fondata da Piero Calamandrei.
[]
www.biblionedizioni.it
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
www.criticaliberale.it
"NON MOLLARE" - Quindicinale on line di Critica Liberale,da più di quarant´anni la voce del liberalismo progressista in Italia.
Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio