25 Ottobre 2020

"LA REPUBBLICA ALL’ASCIUTTO"
di Paolo Bagnoli

22-09-2020 - EDITORIALE
Il risultato del referendum sul taglio dei parlamentari ha registrato un consenso ampio a favore e segna l'inizio di una nuova fase nella vita della Repubblica, della stagione in cui l'antiparlamentarismo si insedia quale motivo praticamente principale del canone pubblico. La vittoria dei “si” ha subito permesso ai 5Stelle di rilanciare ponendo sul tavolo la questione del taglio degli emolumenti dei parlamentari; un argomento avanzato con il medesimo tono di sprezzo del Parlamento usato nel sostenere il taglio dei seggi. In sé e per sé esso non è certo un tabù, ma solo il passo ulteriore nella delegittimazione della rappresentanza democratica, fattore giustificativo di una forza che ha nello smantellamento della democrazia parlamentare la propria ragione prima quale unica ragione di sopravvivenza che il voto dell'ultima tornata elettorale ha messo a reale rischio. Hanno vinto il referendum, ma hanno perso le elezioni.
L'attacco al Parlamento costituisce una delle strade principali che aprono le porte alla destra autoritativa, a un modo di essere del sistema insito nel populismo. Oggi i 5Stelle hanno oggettivamente una strada in discesa grazie a un rapporto di governo per cui riescono a imporre con relativa facilità la propria ideologia all'alleato di governo; una facilità che non si registra nella passata esperienza di governo quando erano in coalizione con la Lega di Salvini. Può consolare il fatto che, non bucando più l'elettorato e, quindi, non hanno a disposizione una massa “popolare” a disposizione che può impensierire. Con ciò, a differenza di quanto pensano taluni osservatori, noi riteniamo che il populismo può facilmente trasmigrare da una parte a un'altra. Può avvenire, poiché una cosa sono le idee e una i fatti; questi possono avere dimensione e portata diversa, ma le idee, anche quelle sbagliate, finiscono per veicolare una cultura che sopravvive ai fatti medesimi e non risulta sterilizzata da come essi si evolvono. La vittoria dei “si” rappresenta l'apoteosi dell'antipolitica e ci dovremo, probabilmente, preparare a un ulteriore rosario di carnevalate demagogiche e propagandistiche.
Che il Pd subisca l'iniziativa del grillismo è più che evidente. Il segretario Zingaretti, capace di sostenere tutto e il contrario di tutto, non riesce a imporsi poiché i 5Stelle, che i dati dimostrano essere una forza ingovernabile dai loro stessi dirigenti, viaggiano senza una bussola politico strategica di riferimento se non quella dell'antipolitica. Per settimane la dirigenza dem si è affannata a chiedere che nella periferia vi fossero alleanze in linea con la maggioranza che sorregge il governo. La richiesta non ha avuto effetto alcuno e là dove essa si è, alla fine, realizzata come in Liguria, ha segnato una sconfitta netta. Le Marche non sarebbero passate alla destra dopo ben ventiquattro anni di governo che potremmo definire di continuità, se l'intesa ci fosse stata; in Toscana e in Puglia la contrapposizione Pd-5Stelle è stata netta; il grillismo non è passato, resta la frattura politica che sta a sconfessione di quanto avrebbe voluto il gruppo dirigente democratico.
La maggioranza della stampa ha raccontato di uno Zingaretti vincitore delle elezioni. La descrizione ci appare un po' azzardata visto che le Marche sono state perse. Il Pd, a ben vedere, non può intestarsi niente che suoni come frutto della propria iniziativa politica. E' vero che Eugenio Giani in Toscana, Vincenzo De Luca in Campania e Michele Emiliano sono espressione del Pd, ma quando Zingaretti è apparso in televisione per fare una sua prima dichiarazione, ha taciuto sulla Toscana – su cui giocava la propria sorte e forse anche quella del suo partito - considerata la regione titolata di un passato altamente simbolico e lasciamo stare il “rosso” che non c'è più da quel tempo; non ha fatto nessun riferimento alla vittoria di Giani, mentre Matteo Renzi si è subito speso come colui che rende onore al proprio candidato che sente proprio. Dobbiamo riconoscere che Emiliano è stato bravo perché, grazie al voto disgiunto e pure a una sapiente, se pur azzardata, composizione delle liste, ha vinto scomponendo il campo avversario, mentre De Luca, giocando soprattutto sulla sua figura, non ha avuto partita, oltretutto in Campania Forza Italia si è di fatto evaporata: a tutti loro vanno i complimenti per quanto hanno ottenuto, per aver fatto argine alla destra. Sulla Toscana, occorrerebbe una riflessione molto seria, approfondita e impietosa perché la vittoria di Giani non è certo la riaffermazione del tradizionale storico ruolo che la sinistra ha avuto dal dopoguerra in poi nella regione per il semplice motivo che la sinistra è stata scomposta e dispersa dalle scelte del postcomunismo. E la sinistra, in Toscana, non ha rappresentato solo uno schieramento, ma un lievito politico ad alto valore civile, culturale, istituzionale e sociale. A un certo punto sembrava che Susanna Ceccardi potesse vincere e la paura è stata tanta che è scattato un vecchio orgoglio di mobilitazione che ha portato il Pd, tra l'altro, a ottenere un risultato straordinario e imprevedibile superando il 30%. Il motivo ancestrale: qui la destra non passa! – anche se essa governa la maggioranza dei comuni toscani – ha azionato con forza e in profondità a dimostrazione che il portato della memoria politica può, talora, divenire azione fattuale.
La riflessione in proposito potrebbe essere anche materia da storici. Tuttavia, la bella vittoria di Giani non deve far dimenticare che il risultato conseguito dalla Lega – ben oltre il 22%- dovrebbe suonare come un serio campanello di allarme. Ci riferiamo alla Toscana poiché, sul piano nazionale, la Lega non ha tracimato. Il Veneto fa parte a sé e vanno riconosciuti gli onori del caso a Luca Zaia. La sua lista ha superato di ben due terzi quella del suo partito. Il punto più alto della propria sconfitta Salvini l'ha ricevuto proprio da Zaia. Di fronte a un risultato deludente l'unica proposta che Salvini ha rilanciato è lo scioglimento del Parlamento, un qualcosa che il dato elettorale fa svanire. Subito, infatti, il presidente della Camera, si è affrettato a dire che si arriverà al 2023 in un clima di progressive riforme. Quali potranno essere non è dato sapere, anche se si possono immaginare data la fonte dell'annuncio. E' certa, però, la durata del Parlamento fino alla scadenza naturale visto che c'è in ballo il governo e, sul piano nazionale, i risultati deludenti s dei 5Stelle e quelli non entusiasmanti – se si fa accezione per la Toscana - del Pd. A ciò va aggiunta la volontà degli eletti di non andare a casa. Quanto si intravede è il riprofilarsi di un sistema bipolare, visto il sostanziale fallimento di quello tripolare. Il discorso, anche qui, si farebbe naturalmente ben più complesso e articolato poiché, per cambiare un sistema occorrere capire bene la mentalità storica di quanto si vuol sostituire; è uno dei grandi problemi irrisolti – una seria riflessione storico politica sulla democrazia italiana e i suoi motivi – dalla fine della prima repubblica, ossia da oltre un quarto di secolo, oramai. Il motivo dovrebbe entrare nella discissione sulle riforma di cui tutti si riempiono la bocca, ma, come sappiamo, le chiacchiere se le porta il vento.
Un vecchio detto dice che “dopo un raccolto ne viene un altro”. E' vero, ma dipende da cosa si semina e se si semina vento si raccoglie tempesta. La Repubblica deve rimanere all'asciutto.



Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio