23 Luglio 2018
[]

"LA FUSIONE SOCIALISTA DI PARIGI (1930)"

25-06-2018 - STORIE & STORIE
Il primo partito ad essere sciolto (5-11-1925) dal regime fascista, in seguito al fallito attentato al Duce del suo esponente ed ex deputato Tito Zaniboni, fu il Partito Socialista Unitario (PSU)(1), che raggruppava essenzialmente (2) i riformisti turatiani.
All´indomani del provvedimento fu Pietro Nenni, animato, come sempre, da spirito unitario (3), accentuato dalla necessità di rinvigorire il partito per meglio affrontare l´onda fascista, a proporre di riaccogliere nel partito i compagni del disciolto PSU, ricomponendo così l´unità socialista ed affidando la guida dell´Avanti al prestigioso Claudio Treves, suo ex direttore. La Direzione del Psi respinse (4) la proposta e Nenni si vide costretto a lasciare (17-12-1925) l´esecutivo del partito e la direzione del giornale socialista (5).
I riformisti, dal canto loro, col congresso di Roma del 29 novembre 1926 costituirono un nuovo partito con la denominazione di Partito Socialista dei Lavoratori Italiani (PSLI), con segretario Emilio Zannerini, un fedele militante, amico di Sandro Pertini (6).
Il PSI, che era stato lacerato da tre scissioni, la comunista (1921), la riformista (1922) e la terzinternazionalista (1923), si ritrovò, ancora una volta diviso tra massimalisti puri, maggioritari, e fusionisti, favorevoli alla riunificazione col PSU/PSLI e dunque alla tesi di Nenni. Per dirimere la nuova importante questione la Direzione ritenne indispensabile un congresso, che fu convocato per il 14 novembre 1926. In esso si predisponevano a fronteggiarsi quattro mozioni: Difesa Socialista (Vella Vernocchi) (7), Azione Socialista (Bacci, Mazzali), quella del Comitato per l´unità socialista nel PSI (Nenni, Romita) e quella dei terzinternazionalisti rimasti nel PSI (Lazzari, Clerici). Il congresso però non ebbe mai luogo, in seguito ai provvedimenti liberticidi del governo fascista che il 5 novembre 1926 emanò una serie di provvedimenti liberticidi, fra cui la soppressione dei giornali e dei partiti ostili (8), dando così inizio ad una vera e propria dittatura. La Direzione del PSI fece appena in tempo a delegare i suoi poteri alla Direzione clandestina di Parigi, già designata a suo tempo, con segretario il massimalista Ugo Coccia (1895-1932) (9), ex vicesegretario del PSI nel 1925.
I due partiti socialisti dunque cercarono di ricostituirsi all´estero, stabilendo le sedi centrali a Parigi. Il più piccolo, ma più omogeneo, PSLI nel suo primo congresso in esilio (Parigi, 18-19 dicembre 1927) assunse la denominazione di Partito Socialista Unitario dei Lavoratori Italiani (PSULI), con organo Rinascita Socialista, diretto da G.E. Modigliani, apostolo ed eroe del pacifismo. Guida naturale ne era Filippo Turati, fuggito in Francia (10) per sottrarsi ad una probabile rappresaglia delle squadracce fasciste che sotto le sue finestre così cantavano: E con la barba di Turati/ noi faremo spazzolini/ per lustrare gli stivali/ di Benito Mussolini. Al PSULI, che contava circa 500 iscritti, aderivano eminenti figure del socialismo italiano come Oddino Morgari, Bruno Buozzi, Giuseppe Faravelli, Giuseppe Saragat.
Alla fine del 1927 il PSI contava circa 1500 iscritti, divisi in tre federazioni in Francia e una ciascuna in Svizzera, Belgio, Argentina, USA, più trenta gruppi sparsi nel mondo e alcuni altri clandestini in Italia. In esso convivevano tre componenti: un gruppo terzino, favorevole all´unificazione coi comunisti, riunito attorno al giornale Il nostro Avanti, che la Direzione, forte della vecchia deliberazione del 1923 che vietava le frazioni, espellerà; un gruppo fusionista, capeggiato da Pietro Nenni, favorevole all´unificazione socialista coi compagni del PSULI (tale gruppo sarebbe probabilmente prevalso numericamente se alcune sue frange non fossero state espulse dalla Direzione); in mezzo stava la Direzione, in maggioranza massimalista, la quale stava arroccata agli ultimi deliberati della direzione italiana, secondo cui solo un congresso italiano (e dunque non un convegno di emigrati) poteva decidere una così importante modifica di linea quale sarebbe stata una fusione con altre organizzazioni, comuniste o riformiste che fossero.
Il convegno di Marsiglia (11) del 15 gennaio 1928 tuttavia superò d´impeto la pretesa della Direzione di limitare la discussione ai soli temi organizzativi, in quanto tutti i presenti massimalisti, fusionisti o terzini avevano voglia di entrare nel merito delle questioni "calde", tanto che vi furono presentate alcune mozioni, fra cui quella del Comitato di Difesa (massimalista), che prevalse di misura, quella fusionista di Filippo Amodeo e quelle locali votate in alcune federazioni. Ma sulla fusione o meno col PSULI il problema rimase aperto. La nuova Direzione elesse (19-2-1928), come segretaria del partito la massimalista Angelica Balabanoff.
La maggioranza massimalista di Marsiglia tuttavia fu ben presto incrinata dal dissenso di chi non si rassegnava al soffocamento del dibattito politico, come Franco Clerici e Ugo Coccia, il quale si dimise dalla direzione dell´Avanti! (12). Di fronte alla diffusa voglia fra gli iscritti di un serio dibattito interno, la Direzione convocò un nuovo convegno che però si sarebbe dovuto occupare solo di problemi organizzativi. Ma il dibattito era ormai inarrestabile e si allargò anche fuori dei confini della Francia, in particolare nella Federazione Svizzera, che pubblicava L´Avvenire del lavoratore, decisamente schierato per la tesi fusioniste. Vi partecipò anche l´organo del PSULI, Rinascita Socialista, in particolare con gli interventi dell´astro nascente Giuseppe Saragat. Una riflessione nello stesso tempo semplice ed acuta univa Nenni (PSI) e Saragat (PSULI), che avevano saputo cogliere la lezione della storia ed erano coscienti che il socialismo italiano benchè sconfitto, non sarebbe stato cancellato, se fosse uscito dalla mummificazione in cui il massimalismo ad oltranza sembrava volesse confinarlo, in nome della salvaguardia della purezza ideologica, garantita a colpi di espulsione contro terzini e fusionisti. Che senso ha essi sostanzialmente sostenevano perseguire un disegno rivoluzionario, che non si era potuto concretizzare neanche nel biennio rosso (1919-20), proprio quando il regime fascista era rafforzato, i socialisti dispersi, arrestati, confinati, esiliati? Ancor meno senso aveva, in quelle condizioni, con una dittatura forte e trionfante, perseguire una politica di riforme, possibile solo in un regime di consolidata democrazia. Occorreva perciò lottare, anche mediante un´azione rivoluzionaria, per il ripristino della democrazia in Italia, onde poter efficacemente e realisticamente perseguire una politica di riforme che avviasse democraticamente il Paese verso il socialismo (13).
La Direzione, sempre dominata dai massimalisti, che avevano ricostituito il Comitato di Difesa del PSI, cominciò ad adottare provvedimenti di espulsione nei confronti di fusionisti organizzati nel Comitato per l´unità socialista, incurante del fatto che, nei congressi di sezione, gli iscritti si erano pronunciati per l´unificazione, con 746 voti a favore, 239 contrari e 21 andati ai "terzini".
Poco prima del convegno di Grènoble (16-3-1930) un tentativo di conciliazione, mediante un incontro Nenni-Balabanoff, ebbe esito negativo, essendo stata respinta la richiesta di Nenni di riammettere 58 fusionisti di recente espulsi. Di conseguenza i convegnisti si divisero in due parti, che si riunirono separatamente, pur dichiarandosi entrambi i legittimi eredi della tradizione del PSI e mettendo così in atto l´ennesima scissione (14). I massimalisti "di sinistra" elessero una nuova Direzione, con segretaria Angelica Balabanoff; lo stesso fecero quelli "di destra" (i fusionisti), con segretario Pietro Nenni, che divenne anche direttore de L´Avvenire del Lavoratore di Zurigo, che dal 23 dello stesso mese si intitolerà Avanti! Ciò aprì una vertenza giudiziaria fra i due tronconi del PSI, che si concluse con la vittoria dei massimalisti della Balabanoff: la magistratura stabilì, infatti, che il giornale di Nenni poteva continuare a intitolarsi Avanti! fin quando fosse rimasto in Svizzera, ma avrebbe dovuto modificare la sua intitolazione in Nuovo Avanti (senza punto esclamativo) se si fosse trasferito a Parigi (15). Va probabilmente fatta risalire a questo episodio la contrapposizione politica nei confronti di Nenni della rivoluzionaria Balabanoff, che dopo aver avversato, "da sinistra", Nenni per la sua politica unitaria verso i riformisti del PSULI, nel 1947 lo avverserà "da destra" per la sua politica unitaria nei confronti del PCI (16).
Il PSI massimalista, minoritario, imbalsamato nella sua rigida intransigenza rivoluzionaria sarà eroso da una lenta emorragia sia a sinistra, verso i comunisti, che a destra, verso il nuovo partito unificato. Manterrà però una ferma coerenza antifascista, che lo porterà a partecipare, con una propria rappresentanza armata, alla guerra di Spagna, in difesa della Repubblica. Nell´altro PSI, quello fusionista, maggioritario, confluiranno, accanto a Nenni, giovani di valore come Clerici e Coccia ed esso godrà delle simpatie dell´IOS e della stampa socialista europea. Alla campagna per l´unificazione parteciparono i maggiori leader socialisti in esilio, a cominciare da Turati, ma soprattutto ne furono protagonisti Nenni e Saragat.
Il congresso di unificazione ebbe luogo a Parigi, nella Casa dei socialisti francesi. Vi parteciparono 47 delegati, in rappresentanza di 1017 iscritti, per i massimalisti fusionisti capeggiati da Nenni ed altri 50 per i riformisti unitari (17). Nella sala campeggiavano i ritratti di Jean Jaurés e di Giacomo Matteotti, i due grandi leader del socialismo francese e di quello italiano, assassinati dalla destra reazionaria. Alla presidenza Filippo Turati. Le principali relazioni furono tenute da Nenni e da Saragat e i documenti conclusivi furono approvati all´unanimità. Il nome scelto per il nuovo partito fu quello di Partito Socialista Italiano- Sezione dell´Internazionale Operaia Socialista (PSI/IOS) (18). La Carta dell´Unità stabilì che il PSI/IOS, democratico nei fini e nei mezzi, si sarebbe fondato sulla dottrina marxista e che avrebbe adottato il metodo della lotta di classe, per liberare l´umanità da ogni servitù politica ed economica. Segretario fu eletto Ugo Coccia, segretario amministrativo il famoso Oddino Morgari e tesoriere Ernesto Piemonte (19). Alla direzione dell´Avanti! di Zurigo (20) furono chiamati Pietro Nenni e Pallante Rugginenti.
Il congresso, stretto attorno al patriarca del socialismo italiano Filippo Turati, si sciolse al canto dell´Inno dei Lavoratori, dell´Internazionale e di Bandiera Rossa.

BIBLIOGRAFIA CONSIGLIATA

Luciano Guerci - Il Partito Socialista Italiano dal 1919 al 1946. Editrice Cappelli, 1964
AA.VV. - L´emigrazione socialista nella lotta contro il fascismo (1926-1939). Sansoni Editore, 1982
Ferdinando Leonzio - Segretari e leader del socialismo italiano. ZeroBook, 2017
Gaetano Arfè - Il Psi nei suoi congressi vol. IV: i congressi dell´esilio. Edizioni Avanti


(1) Il PSU era stato costituito il 4- 10-1922, in seguito all´esito del XIX congresso di Roma del PSI, la cui maggioranza massimalista aveva decretato l´espulsione dei riformisti. Segretario ne era eletto Giacomo Matteotti, assassinato dai fascisti nel 1924. Suo organo era La Giustizia, con direttore Claudio Treves. Il PSU aderiva all´Internazionale Operaia Socialista (IOS), la quale era sorta dalla fusione (Amburgo, maggio 1923) tra la centrista Unione Internazionale Socialista di Vienna e la riformista Seconda Internazionale.
(2) All´atto della sua formazione (4-10-1922) vi erano confluiti anche gruppi centristi, guidati da Adelchi Baratono (1875-1947), filosofo ed ex professore di Filosofia di Sandro Pertini e deputato nella XXVI legislatura.
(3) Il 15-5-1923, unico della Direzione massimalista del PSI (scaturita dalla vittoria congressuale del "Comitato di Difesa" che aveva impedito la confluenza di fatto del PSI nel partito comunista) si era astenuto sul provvedimento di espulsione del gruppo terzinternazionalista di Serrati ruotante attorno alla rivista di frazione Pagine Rosse. Altri "terzini", però, capitanati dal prestigioso Costantino Lazzari, rimarranno nel PSI.
(4) Con l´eccezione di Giuseppe Romita.
(5) Qualche tempo dopo fonderà, assieme a Carlo Rosselli, la rivista antifascista Quarto Stato, che durerà fino all´ottobre dello stesso anno 1926. Vi collaborarono Lelio Basso, Rodolfo Morandi e Giuseppe Saragat.
(6) Zannerini (1892-1969) sarà membro attivo della Resistenza, deputato e senatore socialista.
(7) La corrente era a sua volta divisa al suo interno sulla proposta di Vella di aderire all´Ufficio Internazionale dei Partiti Socialisti Rivoluzionari, con sede a Parigi, costituito nel 1926 e con leader la massimalista Angelica Balabanoff. Il PSI in esilio vi aderirà.
(8) Furono anche revocati i passaporti, fu dato l´ordine di sparare contro gli emigranti clandestini, istituiti il confino di polizia per gli elementi politicamente sospetti e il Tribunale Speciale per gli avversari politici.
(9) Della nuova Direzione facevano parte Giorgio Salvi, Alfredo Masini, Gino Tempia, Siro Burgassi, Giovanni Bordini (Francia), Carlo Pedroni (Ginevra), Domenico Armuzzi e Dante Lombardo (Zurigo). Ad essi successivamente si aggiunsero Angelica Balabanoff (massimalista) e Pietro Nenni (fusionista), ambedue poi designati rappresentanti del PSI nella Concentrazione di Azione Antifascista (1927-1934). In Francia si ricostituì anche la CGdL, con segretario Bruno Buozzi. Nenni era emigrato in Francia nel 1926, in seguito alla devastazione della sua casa da parte dei fascisti.
(10) Il drammatico espatrio clandestino era stato organizzato da Ferruccio Parri, Carlo Rosselli e Sandro Pertini.
(11) Non vi parteciparono né Nenni (convinto dell´inutilità di partecipare ad una riunione in cui non si doveva discutere, in attesa di poterlo fare in Italia), né la Balabanoff (impegnata a Stoccolma in una riunione della dell´Internazionale Socialista Rivoluzionaria).
(12) Il 12 agosto 1928 la direzione del giornale venne assunta direttamente dalla segretaria Angelica Balabanoff.
(13) Noi non colpiremo mai la libertà e la democrazia per edificare il socialismo, ma edificheremo il socialismo per difendere la libertà e la democrazia (Giuseppe Saragat).
(14) Nello stesso tempo l´ultima pattuglia di terzini annunciò alle due assemblee la sua adesione al PCdI.
(15) La storica testata Avanti! rimarrà ai massimalisti fino al 1° maggio 1940 (data dell´ultimo numero), cioè fino al loro dissolvimento.
(16) Nel 1947 l´anziana rivoluzionaria aderirà alla scissione socialdemocratica di Saragat. Alcuni hanno considerato oscillante la posizione assunta da Nenni nel corso della sua lunga militanza socialista: fautore nel 1930 dell´unità col riformista PSULI, sostenitore del Fronte Popolare coi comunisti nel secondo dopoguerra, sostenitore, negli anni ´60 dell´unificazione coi socialdemocratici del PSDI. In realtà l´azione politica di Nenni fu guidata da una profonda coerenza di fondo che lo spinse a cercare, in tutte le direzioni, la massima unità organizzativa possibile del movimento operaio. Questa sua profonda aspirazione era stata causata dall´aver assistito "in diretta" a quella che lui stesso chiamò l´orgia delle scissioni, che aveva finito con lo spianare la strada del potere alla dittatura fascista.
(17) Ad un anno dall´unificazione gli iscritti al partito unificato raddoppieranno.
(18) Al congresso avevano presenziato il belga Emille Vandervelde (1866-1938) e l´austriaco Fritz Adler (1879-1960), rispettivamente presidente e segretario dell´IOS, a cui il nuovo partito convintamente aderì. Il nome di PSI/IOS fu adottato per distinguerlo dal PSI massimalista, che giuridicamente deteneva la titolarità della vecchia sigla PSI.
(19) Della Direzione furono chiamati a far parte, per acclamazione, Battaini, Bianchi, Clerici, Coccia, Gabici, Gambini, Gianni, Modigliani, Nenni, Rugginenti e Saragat. Fu previsto anche un Esecutivo formato da Coccia, Modigliani, Nenni, Rugginenti e Saragat.
(20) Quando si trasferirà a Parigi, nel gennaio 1934, diventerà "Nuovo Avanti", il cui ultimo numero uscirà l´8 giugno 1940.



Fonte: di FERDINANDO LEONZIO

Link

[]
http://www.avvenirelavoratori.eu
Periodico socialista fondato 1897.
[]
www.ilponterivista.com
Rivista mensile di politica economica e cultura
fondata da Piero Calamandrei.
[]
www.biblionedizioni.it
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
www.criticaliberale.it
"NON MOLLARE" - Quindicinale on line di Critica Liberale,da più di quarant´anni la voce del liberalismo progressista in Italia.
Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio