13 Dicembre 2019
[]

"IL POPULISMO" di Paolo Bagnoli

29-05-2019 - EDITORIALE
Può sembrare un paradosso, ma il populismo, a ben vedere, è una sconfitta della democrazia a opera del popolo. Infatti, quale soggetto rappresentante una volontà unica e univoca, il popolo non esiste poiché in esso vi sono tanti diversi interessi specifici, corpi intermedi, realtà sociali di vario tipo. Ritenere che il rapporto diretto tra il capo e la massa possa governare la democrazia e, addirittura, allargarne gli ambiti costituisce un'ideologia pericolosa poiché così si va solo verso assetti totalitari. Nelle democrazie il leader è colui che ha la responsabilità di guidare un gruppo dirigente per volontà di una base sociale che conferisce il consenso per rappresentarla. I populisti si motivano quale voce dei cittadini esclusi dai processi decisionali, dalle scelte che li riguardano – il caso della campagna contro l'Europa in quanto entità che esercita forti poteri amministrativi, non eletti, ne ha fatto il bersaglio preferito – si propongono come coloro che, rivendicandone la voce, li consegnano a un capo, novello demiurgo liberatore e risolutore di ogni problema.
L'Italia vive una fase acuta di populismo , ma il suo apparire sulla scena data oramai un quarto di secolo; da quando Silvio Berlusconi scese in campo. Insediatosi a capo del governo sulle macerie fumanti dei partiti della prima repubblica. Berlusconi inaugurò una deriva politica caratterizzata da un'accentuata mancanza di senso dello Stato e della ricerca di quanto viene definito come “bene comune”, avendo creato Forza Italia non per fare politica democratica, bensì per difendere i propri interessi aziendali. Con ciò Berlusconi inaugurò anche un modello culturale secondo il quale il presidente del consiglio che usciva vincitore dalle urne era l'unico legittimato a rappresentare il Paese tutto e, per tale motivo, affrancato dalla prassi propria della democrazia rappresentativa sulla base di un rapporto privilegiato ed esclusivo con il popolo. Essendo egli quello legittimato dal popolo, agli avversari non veniva riconosciuta legittimità alcuna se non quella dei nemici sconfitti e, quindi, delegittimati perché non voluti dal popolo. Tale processualità sposta la fisiologia propria della politica democratica dalle sedi istituzionali alla capacità del leader di conquistare il governo mettendo in equazione la categoria della politica con quella del governo. La lotta politica viene ridotta a mero governismo, occupazione del potere per il potere; il sottogoverno segue quale benefit della vittoria. Ora, poiché formalmente i meccanismi tradizionali del processo democratico nelle realtà populiste non vengono intaccati, ne consegue che solo la maggioranza parlamentare possa affermare di essere tutto il popolo con il quale, necessariamente, si identifica. E' in questo meccanismo che affondano le definizioni del governo gialloverde quale “governo del popolo”; della manovra economica quale “manovra del popolo”; addirittura della figura del presidente del consiglio quale “avvocato degli italiani”. Il fenomeno non è solo italiano. Negli Stati Uniti, Donald Trump parla sempre a nome del popolo nonostante abbia ricevuto ben tre milioni di voti popolari in meno della sua contendente democratica. Lo specifico italiano consiste nel fatto che vi possa essere un governo senza un'alleanza politica che lo presupponga. Basta stipulare un “contratto”; ossia, un elenco di proposte e di interessi particolari da rispettare, messi lì senza nessun amalgama politico, senza che vi sia la convergenza su un'idea comune di Paese che dovrebbe costituirne la sintesi.
Per il governismo populista esercitare il governo significa possedere il bastone del comando. E' naturale, quindi, che non vi sia rispetto per le minoranze né per le istituzioni poiché, quale soggetto vincitore, esso si sente legittimato ad atteggiamenti chiaramente illegali, a non curarsi dello “stato di diritto” – che è quello stato governato dalle leggi e non dagli uomini – a un sempre costante venir meno di quanto richiede la coesione sociale che costituisce il dato portante di ogni assetto democratico. Si tratta di una politica malata poiché quella sana implica un progetto culturale, sociale e istituzionale: una vera e propria antitesi alla demagogia che del populismo costituisce la linfa vitale. Esso, infatti, ha sempre bisogno di un nemico contro cui scagliarsi per conquistarsi un pubblico. Le posizioni razziste della Lega le hanno giovato per aver additato nei migranti il nemico alla stregua di un pericolo mortale per le esigenze del popolo; un qualcosa di orecchiante della teoria leninista del “nemico principale”. Quando la pericolosità dovuta all'invasione dall'Africa si è attenuata, si è andati alla ricerca di nuovi nemici, individuati nuovi bersagli per tenere la scena in sintonia con il popolo bisognoso di protezione e, quindi, farlo sentire al sicuro. Il Movimento 5Stelle, poi, sulla teoria di nemici praticamente totali, ha costruito la sua fortuna. E così via in un continuo agire da imprenditori della paura e speculatori della sofferenza sociale, senza con ciò negare che non vi siano né paure né sofferenze sociali. Naturalmente si è giocato sulla rabbia; basti pensare a quanto si è inveito contro la “casta” la quale, oramai, è stata quasi tutta sostituita, ovunque è stato possibile, dalla Rai in giù. La guerra alla “casta” ha forse rappresentato la più formidabile forza di sfondamento che ha permesso alla Lega e ai 5Stelle di mietere consensi. Quali risultati abbia portato la guerra alla”casta”, tuttavia, non interessa a nessuno; l'importante era affermare che “con noi si cambia” –già, il “governo del cambiamento” – e occupare tutto il possibile, talora violando le norme come nel caso della Rai. In fatto di professionalità l'unica cosa nella quale i populisti sono veramente di alto livello è la pratica del populismo medesimo. Ancora. L'Italia, è l'unico Paese europeo guidato da due forze populiste assistendo allo spettacolo dell'uno che raffigura il nemico nell'altro; insomma, siamo alla sublimazione del fenomeno!
Tale situazione ha un effetto decoattivo profondo inducendo una mentalità diffusa lontana da ogni pratica di costume civile e di senso morale che produce un sempre più progressivo allontanamento dei cittadini dalla politica e dalle istituzioni. Insomma, è il popolo che sconfigge la democrazia. Un altro fattore comune che si accompagna al populismo che ha preso la scena dopo la fine dei partiti politici intesi quali soggetti insostituibili del sistema democratico – al proposito va osservato come in Italia il termine partito non si usi nemmeno più; solo una forza lo adopra, il partito democratico che, ironia della sorte, è impossibilitato a essere tale fin dalla nascita - è l'imbarbarimento culturale, cui si accompagna molto spesso un'inaudibile volgarità di linguaggio; un imbarbarimento che da Berlusconi arriva sino a Matteo Salvini e a Luigi Di Maio; un'ondata tanto forte che dilaga nella società italiana favorita anche da quanto l'uso dei social permette in un bombardamento mediatico continuo.
Per quanto concerne l'Italia la stagione populista di oggi non è solo il dato nazionale di un più generale fenomeno europeo; è anche il frutto dei fallimenti della seconda Repubblica di cui sono responsabili tutte le forze avvicendatesi in questo mezzo secolo alla guida del Paese. Ogni schieramento arrivato al governo si è mai posto la questione di fondo: ricostruire la democrazia italiana. A pensarci bene il periodo renziano ha impresso alla deriva populista una spinta vigorosa che ha fatto praticamente da apripista alla clamorosa affermazione dei grillini. Soggetto basantesi sul “popolo delle primarie” il partito democratico ha ufficializzato la deresponsabilizzazione della politica e del “mandato” che appartiene ai partiti quali soggetti della democrazia, scegliendo il proprio segretario oltre il corpo degli iscritti. I partecipanti alle primarie, infatti, sono coloro i quali hanno voglia di parteciparvi. In tal modo il segretario non risponde a nessuno e il partito che guida è solo uno strumento dei suoi voleri e anche, come nel caso di Matteo Renzi, delle sue allucinazioni, di rappresentare il “partito della nazione” a vocazione maggioritaria; una qualcosa di simile la ritroviamo oggi nell'altro Matteo alla testa della Lega, non a caso compiaciuto di essere chiamato “il capitano”.
Da qualunque lato si voglia affrontare la realtà del populismo si arriva sempre al medesimo punto: alla crisi dei partiti. La loro frantumazione pone alla ribalta la questione di coloro che sono i rappresentanti della volontà popolare nonché in quale maniera si possa intervenire per arginare la caduta verso il basso delle modalità selezionatrici della classe politica. Il populismo, in definitiva, pone la questione del popolo che non c'è sulla ribalta della politica sempre più occupata da un numero sempre più contenuto di persone. E' stato, giustamente, fatto notare come il Movimento 5Stelle,che ha raccolto circa dieci milioni di voti, non abbia più di 112mila iscritti e solo la metà di questi risulta attiva nelle consultazioni interne. Come si può ritenere ancora che la democrazia sia un sistema presupposto da una competizione nella quale ci si contende il voto popolare? Non è perciò un caso che si cominci a teorizzare la “democrazia illiberale”; un'idea che non sarà sconfitta dalla mera indignazione, ma solo da un vasto consapevole movimento, questo sì di popolo, ma cosciente di essere attore protagonista della vita pubblica.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio