18 Febbraio 2018
[]

"IL PECCATO DEL NON VOTO"

20-01-2018 - STORIE & STORIE
Se il non voto è ora un vero e proprio peccato di omissione, se nessuno deve chiamarsi fuori o limitarsi a guardare, se il Male alberga nei populisti pentastellati perchè non possiedono il dono - divino - della governabilità come esige la Politica, che della morale, cioè dei valori universali: uguaglianza, libertà, giustizia sociale, laicità, non sa che farsene, allora c´è da aspettarsi una crescita dei peccatori che si chiamano fuori e se non un boom, una tenuta del M5S alle prossime elezioni del 4 marzo.
Sarà ben difficile che il 4 marzo gli elettori, come auspica il vescovo di Como Oscar Cantoni che ha elevato il non voto a un vero e proprio peccato di omissione, si orienteranno "verso quei candidati che presentano programmi che facilitino il Bene possibile, che tutelino la dignità e il rispetto della vita delle persone", così come sarà probabile - lo si evince dai sondaggi - che gli elettori obbediranno all´appello accorato del Presidente della Repubblica il democristiano Sergio Mattarella: nessuno deve chiamarsi fuori o limitarsi a guardare.
Le previsioni dei sondaggi, infatti, dicono che a chiamarsi fuori sono già in 16 milioni e altri li seguiranno e che tra i giovani dalla classe ´99 in su, la metà tra i 18 e i 25 anni, nemmeno si limiterà a guardare, tanto sono disinteressati, per mancanza di punti di riferimento: non c´è un politico credibile e affidabile, magari anche avanti negli anni, come Jeremy Corbyn o Bernie Sanders, capace di suscitare entusiasmo e di dar loro una speranza per il futuro.
Poi ci sono tra i 7 e gli 8 milioni di indecisi e sono persone deluse, rassegnate, sfiduciate, stanche del disgustoso circo Barnum di politici di mestiere che diversamente dagli azionisti di un tempo non dicono mai quel pensano e non fanno mai quel che dicono: dunque, l´asticella dei peccatori che si chiameranno fuori dalla contesa politica, oscilla tra il 30 e il 33%, tra il 5 e l´8% in meno rispetto alle elezioni politiche del 2013.
Figurarsi poi se gli elettori possano minimamente ascoltare e seguire la direttiva di Eugenio Scalfari, illustrata sulla rete amica LA/7, della governabilità sganciata dalla morale, secondo la quale il Male è personificato da Luigi Di Maio e il Bene dal resuscitato Silvio Berlusconi, disponibile in nome della governabilità alla Große Koalition con il Pd di Matteo Renzi: e noi faremo come Merkel e Schulz in Germania!
E´ questo il contesto culturale e politico entro cui si svolgono le prossime elezioni, repellente e degradato, tanto che c´è chi si erige a difensore della razza italica che sparisce (il leghista Attilio Fontana) chi dice che bisogna reintrodurre la pena di morte per chi compie atti di terrorismo (il leghista e vice-presidente del Senato, Roberto Calderoli), chi sentenzia: il bullismo è opera di Satana, è una traccia del peccato originale (Papa Francesco) chi risponde al fenomeno sociale delle baby gang con l´impiego delle forze dell´ordine (Marco Minniti).
E quale visione del mondo e delle persone in carne ed ossa che lo abitano ha l´attuale classe politica? Quale programma, quale progetto di società ha? Meglio rivolgersi a Chi l´ha visto?
Nonostante che a pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca, un programma, un progetto di società l´establishment culturale, politico e finanziario, anche se non lo dice espressamente, ce l´ha: è, aiutato dai suoi mezzi d´informazione in discesa libera nelle vendite scese in un anno, novembre 2016-novembre 2017, di un ulteriore 5% e fino al 20%, come certificato dall´Ads, il rafforzamento dello status quo ostile a qualsiasi progresso e cambiamento delle condizioni di vita delle persone e soprattutto del loro modo pensare.
A questo disegno di restaurazione di un Medioevo oscurantista e antiscientifico, di caccia alle streghe e agli indemoniati, ci si deve ribellare con la ricerca continua, ininterrotta di provare e riprovare a costruire un progetto culturale e politico di alternativa credibile, affidabile, praticabile come insegna Corbyn: from the many, not the few.


Fonte: di CARLO PATRIGNANI

Link

[]
http://www.avvenirelavoratori.eu
Periodico socialista fondato 1897.
[]
www.ilponterivista.com
Rivista mensile di politica economica e cultura
fondata da Piero Calamandrei.
[]
www.biblionedizioni.it
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
www.criticaliberale.it
"NON MOLLARE" - Quindicinale on line di Critica Liberale,da più di quarant´anni la voce del liberalismo progressista in Italia.
Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata