11 Agosto 2020

"IL PARTITO SARDO D'AZIONE SOCIALISTA"

24-02-2020 - STORIE & STORIE





















Emilio Lussu



Emilio Lussu (1890-1975) è una delle figure piú luminose della storia italiana contemporanea. Allo scoppio della Prima Guerra mondiale, si schiero' con gli interventisti democratici, contro l'arrogante militarismo degli imperi centrali; ma, di fronte all'immane carneficina, seppe prenderne le distanze e descriverne la crudeltá e l'irrazionalitá con le immortali pagine del suo libro Un anno sull'Altipiano. Nonostante le sue amare riflessioni sulla guerra, come capitano della gloriosa Brigata Sassari, composta prevalentemente di contadini e pastori sardi, seppe compiere azioni di tale ardimento da fargli ottenere due medaglie d'argento e due di bronzo al Valor militare.
Nel dopoguerra divenne il capo amato dell'autonomismo sardo inquadrato in un'ottica federalista socialista, a cui dette uno sbocco organizzativo con la fondazione del Partito Sardo d'Azione (PSd'Az)(1).
Schieratosi decisamente contro il fascismo, contro cui il “capitano” Lussu organizzo' “squadre di resistenza”, fu piú volte aggredito e nel 1926 la sua casa fu presa d'assalto dagli squadristi (31-10-1926). Ne nacque una sparatoria durante la quale cadde un fascista. Arrestato e processato egli fu assolto in Assise, dopo un anno di detenzione preventiva, per aver agito per legittima difesa.
Le vicende di questo turbolento periodo furono poi da Lussu raccontate in quello che puo' senz'altro considerarsi un capolavoro della letteratura italiana contemporanea: Marcia su Roma e dintorni.
Confinato, nonostante l'assoluzione, a Lipari per cinque anni, nel 1929 Lussu riuscí a evadere, assieme a Carlo Rosselli e a Fausto Nitti. Rifugiatosi a Parigi, fondo', assieme a Carlo Rosselli ed altri, qualche mese dopo, il movimento liberalsocialista e antifascista Giustizia e Libertá (GL), con leader Carlo Rosselli. Dopo l'efferato assassinio di Rosselli per mano fascista (1937), Lussu assunse la guida del movimento, imprimendogli una forte impronta socialista.

Al suo ritorno in Italia (agosto 1943) aderí al Partito d'Azione (Pd'Az) (2), con cui si era fusa GL, e partecipo' alla Resistenza a Roma, dopo la liberazione della quale realizzo' l'affiliazione del Partito Sardo d'Azione, intanto ricostituito, nel Partito d'Azione (3), benché fra i sardisti, durante il fascismo, si fossero formate correnti moderate ed altre indipendentiste.
Ma Lussu era ormai decisamente divenuto un socialista, anche se con caratteristiche sue proprie: egli era un socialista libertario, democratico, repubblicano, autonomista-federalista, ma anche unitario, ben conscio del ruolo originale del socialismo italiano, ma anche favorevole alla collaborazione coi comunisti, contro il conservatorismo e la reazione. Un socialista, inoltre, che non volle mai scindere etica e politica; un sardo che sognava una Sardegna federata a un'Italia repubblicana e socialista.

Queste sue idee le espose ai suoi conterranei, quando a fine giugno 1944, rientro' in Sardegna, suscitando pero' sorprese ed anche delusioni, giacché la base sardista, durante il fascismo, era divenuta in prevalenza indipendentista e interclassista. L'inconciliabilitá fra le posizioni di Lussu socialista e quelle del gruppo dirigente sardista, a sua volta diviso fra conservatori, nazionalisti sardi e liberaldemocratici borghesi, si fece sempre piú evidente.

Negli anni 1945 e 1946 nel Partito d'Azione, a livello nazionale, si aprí il confronto tra la corrente filosocialista, di cui Lussu era l'esponente piú determinato, e quella liberaldemocratica, capitanata da Ferruccio Parri e da Ugo La Malfa. Quest'ultima, dopo il congresso del 4-8 febbraio 1946, decise di scendersi e poi di dar vita alla Concentrazione Democratica Repubblicana (CDR) (4).
Nel Pd'Az, ormai largamente filosocialista, dopo una segreteria provvisoria di Fernando Schiavetti, fu eletto segretario Riccardo Lombardi.

Emilio Lussu preferí, invece, dedicarsi alla componente sardista del partito, cioè al PSd'Az, che egli avrebbe voluto condurre nell'alveo del socialismo, cosí come aveva fatto col Pd'Az a livello nazionale.
Alle elezioni per l'Assemblea costituente (2-6-1946) il PSd'Az riuscí ad eleggere due deputati: Emilio Lussu e Pietro Mastino, che si unirono poi ai sette eletti nelle liste del Pd'Az (5).

La scissione della corrente liberaldemocratica e i deludenti risultati delle elezioni accelerarono il dibattito interno al Pd'Az sull'opportunitá di mantenere n vita il partito.
Esso si concluse con la decisione del 20 ottobre 1947 del suo Comitato Centrale (con 64 voti favorevoli e 29 contrari) di confluire nel PSI (6). La minoranza, guidata da Tristano Codignola e Piero Calamandrei, decise, invece, di dar vita ad una nuova formazione, denominata Movimento di Azione Socialista Giustizia e Libertá.

In seguito a questi avvenimenti la maggioranza del Partito Sardo d'Azione decise di rompere il patto di affiliazione col Pd'Az e di riprendere la propria autonomia (7).
Lussu avrebbe tuttavia voluto portare il partito sardo da lui fondato nell'alveo del socialismo italiano, ma nel congresso di Cagliari del 3-4 luglio 1948 si fronteggiarono due diverse visioni politiche ed economiche: la sua Mozione Socialista Autonomista (8), che intendeva il partito come partito di classe e di sinistra, in inconciliabile contrapposizione con le altre correnti moderate e interclassiste, si ritrovo' in minoranza; per cui il prestigioso leader abbandono' clamorosamente il congresso e, assieme ai delegati della sua mozione, si trasferí nei locali del Cinema Olimpia per fondare (4-7-1948) un nuovo partito autonomista, ma anche dichiaratamente socialista: il Partito Sardo d'Azione Socialista (PSd'AzS) (9).
In tal modo la sinistra sardista, riorganizzatasi nel PSd'AzS, faceva sua la tradizione di lotte e di rivendicazioni in difesa dei lavoratori sardi; una lotta risalente al 1919, agli esordi del sardismo, quando le dure sofferenze della guerra avevano svegliato le masse popolari sarde, rendendole coscienti dei loro diritti e l'autonomia, sia pure in modo ancora troppo spontaneista, era vista come la giusta risposta allo sfruttamento della borghesia sia isolana che continentale. Le grandi lotte sociali combattute soprattutto dal bracciantato sardo e la tenace opposizione al fascismo avevano poi favorito una matura presa di coscienza del proletariato in senso socialista e di conseguenza la rottura con la destra sardista, ormai acquisita al campo moderato.

Il nuovo partito inizio' subito le trattative per una sua confluenza nel PSI, mentre consolidava le sue strutture nel territorio.
Alle elezioni per il primo Consiglio Regionale, indette per l'8 maggio 1949, il PSd'AzS presento' intanto proprie liste ed ottenne in tutta l'isola 38.081 voti, pari a un rispettabile 6,6%, e tre consiglieri (10) su sessanta, tutti eletti nella circoscrizione di Cagliari (11), mentre il PSd'Az (destra sardista) ottenne 60.525 voti (10,4 %) e sette consiglieri (12).
Dopo le elezioni tra il PSd'AzS e il PSI ripresero le trattative, che arrivarono a conclusione nel novembre dello stesso anno. Il Partito Sardo d'Azione Socialista compiva dunque una scelta di campo socialista, in quanto il PSI gli appariva come il partito attorno al quale poteva realizzarsi un vera unitá socialista (13).

La confluenza del piccolo PSd'AzS, come giá quella precedente (1947) del Partito d'Azione (nazionale), ebbe anche un significato che andava oltre la Sardegna: essa ridava al PSI, nell'ultimo periodo fortemente indebolito dalle scissioni di Giuseppe Saragat, di Ivan Matteo Lombardo, di Giuseppe Romita, da ritiri e fuoruscite di singoli e dalla dura sconfitta alle politiche del 1948, non solo un rafforzamento organizzativo e l'acquisizione di personale politico di altissimo livello e prestigio, ma anche un nuovo orgoglio per l'attrazione che sapeva ancora esercitare e una ripresa di coscienza del suo ruolo insostituibile nella societá italiana.

All'atto della confluenza, il PSd'AzS contava contava circa 9.000 iscritti, distribuiti in 219 sezioni e nuclei, di cui 147 in provincia di Cagliari, 46 in quella di Nuoro e 16 in quella di Sassari, per lo piú braccianti, minatori e portuali.
Il congresso di confluenza, che ebbe luogo a Cagliari il 19 novembre 1949, fu aperto da Giuseppe Asquer, vicepresidente del Consiglio Regionale, che dopo i saluti di rito agli invitati, diede la parola al segretario del partito Antonio Francesco Branca, che svolse la sua relazione introduttiva. Seguirono numerosi interventi, il saluto, calorosamente accolto, di Achille Corona, a nome della Direzione del PSI (14) e le conclusioni del leader storico del movimento, Emilio Lussu. Alla fine il Congresso, svoltosi in un clima entusiastico ed unitario, approvo' la seguente mozione (15):

L'11° congresso del Partito Sardo d'Azione Socialista (16), riunitosi nel teatro Eden il 19 novembre del 1949, udita la relazione del segretario del partito, delibera di approvare integralmente il documento per l'unificazione socialista, giá deliberata e approvata dalla Direzione del Partito Sardo d'Azione Socialista e dal PSI, e dá mandato alla Direzione eletta dal 10° congresso per la soluzione di tutti i problemi politici e organizzativi fissati nella Carta di unificazione e nelle norme di attuazione di essa.

Il giorno dopo venne pubblicato un manifesto firmato da Pietro Nenni, per la Direzione del PSI e da Emilio Lussu per quella del PSd'AzS, diretto a:

Lavoratori, lavoratrici, popolo sardo:
Oggi a Cagliari, convenuti da ogni parte dell'isola, i lavoratori del PSI e del PSd'AzS consacrano la loro unione, ed assieme, unica sola famiglia del PSI, s'impegnano a proseguire in comune l'opera di redenzione del popolo sardo. […].
Il PSd'AzS viene al PSI con l'ereditá dell'azione proletaria e popolare del movimento dei combattenti del 1919 e del primo PSd'Az, di cui la resistenza al fascismo é stata la piú alta espressione di classe. Esso viene al PSI con la sua trentennale fede socialista e considera l'autonomia dell'isola non solo come una conquista contro la burocrazia inerte dello Stato centralizzato e contro lo sfruttamento di tipo coloniale finora subito, ma quale affermazione di libertá che va inserita nelle libertá fondamentali e permanenti della classe lavoratrice in Italia.
Il PSI, facendo sue le rivendicazioni popolari del PSd'AzS, allarga fraternamente la propria casa e la propria famiglia […]
L'avvenimento che vede unite le bandiere del PSd'AzS e quelle del PSI vuole essere la certezza che, per l'isola, Autonomia e Socialismo costituiscono ormai un binomio inscindibile. […]
Nel rispetto e nella difesa della Costituzione repubblicana, conquista popolare contro il fascismo e la reazione, noi vogliamo far sí che la repubblica fondata sul lavoro diventi la Repubblica del lavoro. […].

La confluenza venne anche consacrata da una grande manifestazione popolare nel corso della quale parlarono Emilio Lussu, che sottolineo' come la sua adesione al PSI fosse la naturale conclusione di 30 anni di battaglie combattute per l'autonomia della Sardegna, per la repubblica e per il socialismo; e Pietro Nenni, che disse, fra l'altro, da grande oratore qual'era: Noi che fummo dei sovversivi sotto la monarchia e dei ribelli sotto il fascismo, siamo e vogliamo soltanto essere i piú appassionati fra i repubblicani sotto la repubblica. Ma la repubblica non sarebbe niente senza giustizia sociale, almeno nelle forme contemplate nella Costituzione, onde la nostra parola d'ordine: la Costituzione, tutta la Costituzione, niente altro che la Costituzione.
A 200 sardisti che avevano seguito dagli inizi lo stesso percorso politico di Lussu fu data la tessera del PSI con la data del 1919, a riconoscimento della loro battaglia trentennale per il proletariato sardo; e agli iscritti del PSI in Sardegna, accanto al simbolo nazionale, nella tessera fu messo quello del PSd'AzS, per sottolineare la fraterna unitá raggiunta fra tutti i socialisti sardi, che erano anche italiani, federalisti e internazionalisti
In conclusione: la sinistra sardo-socialista faceva suo il programma del PSI e si inseriva nell'azione del proletariato nazionale e internazionale; il PSI, a sua volta, faceva sue le rivendicazioni autonomistiche del PSd'AzS (17) e si radicava nel territorio.

Si saldava cosí la lotta contro il duplice sfruttamento: quello capitalista e quello colonialista.





-----
  1. Inizialmente Lussu (9-8-1920) aveva fondato la Federazione sarda dell'Associazione Nazionale Combattenti e Reduci, nelle cui liste fu eletto deputato nel maggio 1921. Il PSd'Az. fu da lui fondato, assieme a Camillo Bellieni, Davide Cova ed altri reduci, il 17-7-1921.
  2. Il Pd'Az era stato fondato il 4-6-1942.
  3. Ciò venne deliberato dal VI congresso del PSd'Az del 29-30/7/1944. Tuttavia la corrente filosocialista di Lussu era ormai minoritaria nel partito.
  4. La CDR alle elezioni per la Costituente ottenne lo 0,42 % e due seggi (Parri e La Malfa) e nel settembre 1946 confluì nel PRI.
  5. Con l'adesione del valdostano Giulio Bordon i 9 riuscirono a formare un gruppo parlamentare „Autonomista“.
  6. Due ex azionisti, Alberto Cianca e Riccardi Lombardi, furono cooptati nella Direzione del PSI con voto consultivo. Il PSI, nel gennaio precedente, aveva subito la scissione socialdemocratica, guidata da Giuseppe Saragat, che aveva dato vita al Partito Socialista dei Lavoratori Italiani (PSLI).
  7. Il Direttorio del PSd'Az rifiuto' poi la proposta, sostenuta da Lussu, di entrare nel Fronte Democratico Popolare e, nelle elezioni politiche del 18-4-1948, subí una forte sconfitta elettorale (10,3 % su base regionale con cui ottenne solo un deputato e un senatore, rispettivamente Giovanni Melis e Luigi Oggiano). Lussu, come ex aventiniano, divenne senatore di diritto nella 1° legislatura repubblicana (III disposizione transitoria e finale della Costituzione Italiana).
  8. La mozione era firmata anche da Giuseppe Asquer, Anton Francesco Branca, Dino Giacobbe, Armando Zucca. Essa criticava le insufficienze organizzative del partito e l'imborghesimento dei suoi dirigenti e auspicava un rilancio del partito in nome dell'autonomia e del socialismo.
  9. Organo del nuovo partito fu il settimanale Riscossa Sardista, a cura di Antonello Mattone. Nato nel giugno 1948 come organo della corrente socialista del Partito Sardo d'Azione, esso divenne organo del PSd'AzS e duro' fino al giugno 1949.
  10. Giuseppe Asquer, Emilio Lussu, Armando Zucca.
  11. In quella circoscrizione, tradizionale bacino elettorale di Lussu, il PSd'AS ottenne 31.733 voti, superando sia il PSd'Az (20.109) che il PSI (20355).
  12. Il PSI ottenne,in tutta la Sardegna, meno voti del PSd'AS: 34.858 (6,0 %) e tre seggi.
  13. In quel periodo (1949-50) l'area socialista era particolarmente affollata per la presenta di vari raggruppamenti socialisti minori (che poi confluiranno nel PSU di Romita) e del PSLI di Saragat, a sua volta agitato da lotte di corrente.
  14. La Direzione del PSI era stata appositamente convocata a Cagliari per i giorni 19 e 20 novembre 1949.
  15. Nello stesso giorno si svolse il congresso della Federazione provinciale cagliaritana del PSI , in cui tenne un discorso Pietro Nenni.
  16. I sardo-socialisti adottarono la numerazione del loro congresso in continuità con quelli del PSd'Az. Poiché il congresso della scissione era stato il 9° e quello della costituzione del Pad'AzS il 10°, questo della confluenza veniva considerato l'11°. Al congresso erano presenti i rappresentanti di 198 sezioni per un totale di 8.374 tesserati.
  17. L'ingresso dei sardo-socialisti nel PSI ne arricchì l'azione e la cultura socialista sui temi dell'autonomia e del federalismo e contribuì al rafforzamento politico-organizzativo del partito nel quadro dell'azione in proposito intrapresa da Rodolfo Morandi (1903-1955).


Fonte: di FERDINANDO LEONZIO

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio