30 Ottobre 2020

"IL PARTITO CHE NON C'E' "

26-07-2020 - CRONACHE SOCIALISTE
«Tutt'a un tratto, dal fondo della sala dove si era rifugiato, Piero Calamandrei si levò in piedi per far sentire la sua voce. In sala cadde il silenzio. Dopo l'uscita di Parri dal partito, Calamandrei ne era diventato la coscienza morale, il portavoce più autorevole ed efficace della sua laicità democratica. In quel momento ci parve più alto del solito, come illuminato dalle luci dei riflettori, quasi si trattasse del personaggio principale di una grande tragedia greca sullo sfondo dell'anfiteatro.
“Viva il partito d'azione!” gridò con voce vibrante, con il tono che dovevano avere i profeti di Israele quando denunciavano la scarsa fede nel signore del loro popolo. E uscì, portando con sé l'anima di tutto il partito che viveva ancora dentro di noi. Ma con quel grido aveva impresso su ciascuno di noi una sorta di marchio indelebile che ci avrebbe seguiti per il resto della nostra vita politica: il rimpianto che accompagna chi sa che la propria missione è rimasta incompiuta».
Con queste parole, che suscitano ancora emozione, Paolo Vittorelli descrisse la fine di una grande illusione. «Uscii affranto da quella triste, lugubre sala. Il nostro comune sogno giovanile era finito. E il risveglio, come tutti i risvegli, era mesto ed amaro. Come tutti i sogni, anche quello si stava rapidamente dileguando, lasciando dietro di sé solo la labile traccia di uno sfuggente disegno ideale, senza contorni precisi. Tutto stava improvvisamente scomparendo nelle nebbie della notte. Eppure, in quel sogno c'era stato e c'era tuttora qualcosa di reale».
Era il 30 giugno del 1947. Il comitato centrale sanciva di fatto quella scelta di confluenza nel Psi che, dopo quasi quattro mesi di trattative, il 20 ottobre dello stesso anno, il consiglio nazionale ratificò ponendo fine, come ricorda Giovanni De Luna, all'esistenza giuridica del partito.
Finiva una storia, ne cominciava un'altra. Ma il fiume dell'azionismo, per dirla ancora con De Luna, non ha mai smesso di scorrere irrorando di continua acqua fresca il lungo corso paludoso della politica italiana. Un salutare fenomeno carsico, i cui valori, morali e sociali, di giustizia e di libertà, sono stati per più di settant'anni costante e imprescindibile punto di riferimento per la difesa della democrazia e la salvaguardia dei diritti individuali e collettivi.
Tanti i tentativi di riportare in vita quell'esperienza, sotto varie forme. Ma forse è stato un bene che la chimera non sia risorta dalle sue ceneri perché si sarebbe bruciata di nuovo nel fuoco dei contrasti e delle incomprensioni. O sarebbe stata travolta e uccisa per sempre dal discredito della politica che ha ridotto la scena italiana ad una tragicommedia. È adesso, di fronte allo scenario drammatico della pandemia, in una crisi economica della quale ancora non vedono bene i nefasti effetti, nell'inquietudine generale che potrebbe avere effetti imprevedibili, nel rantolare della democrazia rappresentativa, che ci sarebbe bisogno di quell'impegno organizzativo, anche se parziale, che è stato sia il paladino della lotta contro il fascismo sia la levatrice della Repubblica.
Siamo in guerra. Una guerra diversa, dal cui esito dipendono le sorti stesse dell'umanità. Si combatte in tutto il mondo, contro il virus e contro gli autocrati. Due nemici, che si muovono come se fossero alleati. Il primo attacco i corpi, il secondo le coscienze. Non è scontato che vada a finire bene. L'Europa è la sola entità che può tenere alta la bandiera della salute e della libertà. E nel vecchio continente è l'Italia che dovrebbe dare un contributo decisivo a questa lotta senza precedenti. Qui non si tratta di discutere sull'utilità di fondi come il Mes ma di avere intelligenza e audacia pensando ad un mondo nuovo. Possibile che concetti del genere vengano rilanciati solo dall'Osservatore Romano?
L'impegno dei singoli, di coloro che si considerano eredi dell'azionismo, non basta più. Servirebbe quel “partito che non c'è”, come l'isola di Peter Pan. Seconda stella a destra, e poi dritti fino al mattino, cantava Edoardo Bennato. Un sogno, nel quale però, come ammetteva lo stesso Vittorelli anche nel momento di maggiore tristezza, c'era e c'è qualcosa di reale.
La sinistra è orfana, da tanti, troppi anni. Il Pd, coacervo di diversi interessi e malato di governismo, non appare riformabile, nonostante la buona volontà iniziale esibita da Nicola Zingaretti, che aveva annunciato di voler cambiare tutto. Bisognerebbe chiudere le correnti e aprire le sezioni.
I cinquestelle, i principali responsabili dell'antipolitica e del populismo che ora gonfiano le vele della nuova destra, non è chiaro se fanno più ridere o piangere. Il resto non conta. Bazzecole, da Liberi e Uguali al gruppo raccolto intorno ad Emma Bonino. Di Matteo Renzi è meglio tacere. Carlo Calenda cita il socialismo liberale senza conoscere la potenza rivoluzionaria evocata dal connubio di queste due parole. Vogliamo parlare di limiti alla proprietà privata?
Le Sardine hanno provato a smuovere le acque ma sono rimasti volenterosi pesciolini, con il rischio di finire nel gorgo di strumentali padrinaggi. Il passaggio da movimento a partito rappresenta sempre un trauma pericoloso. Paolo Bagnoli ha più volte rimarcato i dubbi e le resistenze che hanno accompagnato la nascita del PdA, che non ha segnato solo il cambio di un nome e nel quale non c'è stata la semplice confluenza di Giustizia e Libertà. Si potrebbe affermare che le iniziali contraddizioni non si sono mai risolte e anzi sono state determinanti nella dissoluzione finale.
L'interrogativo è se davvero si può assumere la forma partito senza indossare la maschera demoniaca del potere. Simone Weil ha dato una risposta categorica: no, perché “i partiti sono organismi costituiti in maniera tale da uccidere nelle anime il senso della verità e della giustizia”. Qualcosa del genere la pensava anche Adriano Olivetti, secondo il quale la vera democrazia non deve essere basata sui partiti che sono una gabbia della libertà e impediscono “un vero equilibrio creativo poiché l'intelligenza non è al servizio del cuore e il cuore non è al servizio dell'intelligenza”.
La trasformazione dei grandi partiti di massa in lobbies tra loro in concorrenza, diverse all'apparenza ma uguali nella forsennata corsa alle poltrone, con idee e progetti divenuti prodotti pubblicitari, sembra confermare queste desolate analisi. Persino la legge elettorale, che ogni volta si vuole cambiare pensando unicamente al proprio vantaggio, viene considerata strumento di sopraffazione e non verifica del consenso. E quindi maggioritario e proporzionale pari sono, a seconda delle convenienze del momento.
In un tale quadro, “il partito che non c'è” in realtà non può esserci. Deve rimanere nell'empireo delle utopie. Un sogno, ma fecondo. Un impegno a non rassegnarsi. Sarebbe fuorviante pensare ad un nuovo simbolo da inserire nella scheda elettorale, il mercato è talmente inquinato che anche una fonte sorgiva diverrebbe torbida. La battaglia va combattuta sul terreno delle idee e delle proposte. E in questa ottica, un'associazione di donne e uomini animati da buona volontà, potrebbe avere la forza di illuminare il dibattito pubblico e gettare semi capaci di germinare una nuova dimensione etica, politica, economica.
Serve una rete agile ed efficiente, un vascello pirata capace di assaltare i grandi galeoni bombardandoli con critiche e progetti. In grado, se del caso, di indicare, al momento del voto, singoli candidati o liste che si ritengano compatibili con “il partito che non c'è”. O di avere il coraggio, se non ci fossero le condizioni per una scelta coerente, di dire, apertis verbis, che la scheda bianca non rappresenta una rinuncia ma una forma di protesta collettiva.
Facciamo riecheggiare il grido di Piero Calamandrei.



Fonte: di MARCO CIANCA
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale, la voce del liberalismo progressista in Italia.



Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio