22 Gennaio 2019
[]

"I SOCIALISTI DI CENTRO, un´etnia in via d´estinzione"

27-12-2018 - IL SOCIALISMO NEL MONDO
E' di tutta evidenza, in politica, che un centro esiste solo quando, ai suoi lati, sono presenti una sinistra e una destra.
Ad esempio nel Parlamento italiano del secondo dopoguerra si costituirono governi che furono detti di centro, formati dalla Democrazia Cristiana e dai suoi alleati, in quanto coesistevano una sinistra (comunisti e socialisti) e una destra (missini e monarchici).
Se restringiamo il discorso al solo movimento socialista, dobbiamo rilevare che esso, fin dal suo sorgere, e dovunque nel mondo, si é sempre collocato nella sinistra del quadro politico generale.
Ma é anche vero che al suo interno sono quasi sempre convissute correnti di pensiero, spesso anche organizzativamente strutturate, che pur rimanendo unite dalla comune aspirazione a costruire una societá senza sfruttati e sfruttatori, hanno proposto strategie diverse, anche alternative, che hanno consentito di individuare, al suo interno, una sinistra, un centro e una destra, variamente denominate (moderata, riformista, gradualista, radicale, rivoluzionaria).
Classificazione questa che pero' deve essere necessariamente storicizzata, in quanto cio' che in una certa realtá storica era stato considerato come sinistra socialista, in una diversa situazione poteva diventare destra socialista e viceversa. Nel 1947/49, ad esempio. Nenni guidava la “Sinistra socialista”, di fronte al “centro” di Lombardi e Jacometti e alla “destra“ di Romita, mentre negli anni '70 e '80 la corrente nenniana era considerata di destra, rispetto al centro di De Martino-Mancini e alla sinistra di Lombardi.
Possiamo dunque concludere che sinistra, centro e destra socialisti non sono sempre uguali a se stessi, ma assumono coloriture e posizioni diverse, a seconda delle diverse situazioni storiche e politiche. In linea di massima, agli albori del movimento operaio, la sinistra si propone la conquista del potere per via rivoluzionaria, il centro e la destra per via democratica elettorale, con la differenza che il centro vuole modificare le strutture e gli ingranaggi del sistema capitalistico per avviare la costruzione del socialismo, mentre la destra opta per una graduale evoluzione verso una continua espansione della democrazia il cui sbocco porterá al socialismo.
Tornando al tema che ci siamo qui preposto, non resta dunque che individuare alcune situazioni storiche emblematiche in cui trovo' il suo spazio ideologico ed opero' un socialismo „di centro“, alternativo sia alla sinistra che alla destra socialista di quel momento storico.
L'esempio piú classico lo troviamo nel piú famoso di tutti i partiti socialisti: la socialdemocrazia tedesca, la SPD (Partito Socialdemocratico Tedesco) nel periodo antecedente la prima guerra mondiale.
Le posizioni assunte da Eduard Bernstein a partire dal 1896 favorirono il formarsi nell'SDP di una „destra“ revisionista. Secondo le tesi esposte organicamente nel suo libro I presupposti del socialismo, Bernstein considerava superate certe tesi di Marx, in particolare quelle sulla crisi del capitalismo, che invece era allora in piena espansione, per cui egli individuava nello sviluppo democratico, da perseguire in alleanza con la parte liberale della borghesia, e nella forza dei sindacati e delle cooperative, la possibilitá di un graduale e pacifico passaggio al socialismo, evitando la fase rivoluzionaria.
Gli si contrappose una „sinistra“ che aveva la sua piú brillante esponente in Rosa Luxemburg, la famosa autrice de L'accumulazione del capitale, la quale ribatteva che la crisi finale del capitalismo non c'era ancora stata perché esso aveva ancora possibibilitá di espansione, fino alla creazione di un mercato mondiale. Quando si sarebbero contrapposte esigenza di espansione capitalistica e saturazione del mercato mondiale sarebbero esplose le contraddizioni del capitalismo, che esso avrebbe cercato di risolvere col militarismo e la guerra. Quello sarebbe stato il momento della rottura rivoluzionaria e della scelta: Socialismo o barbarie. Inoltre i sindacati, per gli obiettivi ristretti che perseguivano, e le cooperativa, per la loro limitata influenza territoriale, non erano in grado di modificare il sistema. Infine la borghesia, quando si fosse spaventata delle rivendicazioni operaie non avrebbe esitato ad allearsi con la reazione per instaurare regimi autoritari. Cosa avrebbe dovuto allora fare, senza piú il quadro democratico, il proletariato? Abbandonare la prospettiva socialista?
In questo dibattito di altissimo livello ideologico si inserí Karl Kautsky, il maggior teorico della Seconda Internazionale, in particolare con la sua opera La rivoluzione sociale. Egli faceva rilevare alla „destra“ revisionista che con le classi né capitaliste né proletarie (intellettuali, piccoli borghesi, coltivatori diretti) erano possibili solo alleanze tattite per ottenere delle riforme, ma non certo per puntare a un sistema socialista e comunque cio' che veramente contava non era tanto il miglioramento delle condizioni di vita, ma il potere. E mentre Berstein era per una soluzione riformista, facilitata dalla democrazia politica, Kautsky faceva notare che lo sviluppo e il dominio del grande capitale erano in espansione. Inoltre non bisognava dimenticare che i sindacati privilegiavano interessi professionali rispetto a quelli di classe, per cui il partito non poteva abbandonare la prospettiva rivoluzionaria.
Alla „sinistra“ Kautsky rispondeva che le lotte all'interno delle istituzioni democratiche equivalevano ad una „guerra di logoramento“ e che esse erano adatte alla societá occidentale in cui i lavoratori godevano del diritto di voto e delle libertá di opinione, espressione e associazione: tale strategia non era „revisionista“, in quanto mirava a sconfiggere l'avversario, mentre i „revisionisti“ veri tendevano a trovare un accordo con la borghesia. La strategia della „guerra di annientamento“ poteva essere valida solo nelle societá, come quella russa, in cui il proletariato era oppresso.
Tale posizione fu definita „centrismo kautskyano“, differente sia dalla „destra“ che dalla “sinistra“ socialista.

Di fronte alla prima guerra mondiale si vennero a delineare, nel movimento socialista internazionale, tre diversi atteggiamenti:
1 - A determinare il crollo dell'internazionalismo proletario e dell'Internazionale Socialista, allora al culmine dello sviluppo, fu la scelta dei suoi maggiori partiti, quello tedesco (SPD), quello francese (SFIO) e quello britannico (Labour Parthy), i quali, allo scoppio delle ostilitá, si schierarono con i loro rispettivi governi, votando i crediti di guerra e dando con cio' vita a quella che fu detta “l'union sacrée“, in sostanza una collaborazione con la propria borghesia, finalizzata alla difesa nazionale. Tutti costoro e i loro imitatori dei vari Paesi in guerra, saranno definiti dal leader del POSDR (Partito Operaio SocialDemocratico Russo) Lenin „socialtraditori (socialisti a parole, traditori di fatto)“.
Causa di questa colossale sconfitta politica del socialismo mondiale furono la sostanziale impreparazione dell'Internazionale di fronte al pericolo di guerra e la deficiente analisi dell'imperialismo (1), causa profonda della furia militarista.
Questo gruppo di partiti, per il momento maggioritario, rappresento' certamente la „destra“ del movimento operaio internazionale.
2 – Non tutti i partiti socialisti aderirono pero'alla guerra. Fecero eccezione minoranze o gruppi dissidenti dei partiti delle varie „unioni sacre“ in difesa delle rispettive patrie, ma anche partiti interamente o in grande maggioranza schierati contro la guerra, come il citato POSDR, ma soprattutto i partiti socialisti italiani (2) e svizzero (3).
E furono proprio questi due ultimi partiti a promuovere due importanti incontri internazionali fra tutte le forze socialiste contrarie alla guerra in due localitá svizzere: a Zimmerwald (5-8/9/1915) (4) e a Kienthal (24-30/4/1916) (5).
La posizione assunta ufficialmente dalle due conferenze puo' considerarsi una posizione di „centro“ rispetto a quella dei collaborazionisti („destra“) e a quella dei rivoluzionari della cosidetta „sinistra zimmerwaldiana“. I sostenitori di questa posizione „centrista“ saranno in seguito definiti da Lenin „socialpacifisti (socialisti a parole e pacifisti piccolo-borghesi nei fatti)“. A suo avviso essi volevano la pace perché avevano paura dello scoppio di una rivoluzione proletaria.
3 – La „sinistra zimmerwaldiana“ sostanzialmente capitanata da Lenin poteva contare su 6 delegati sui 38 di Zimmerwald e su 19 dei 44 di Kienthal. Essa propugnava la trasformazione della guerra imperialista in rivoluzione socialista. Da questo gruppo socialista di sinistra rivoluzionaria nascerá poi la Terza Internazionale, detta anche Internazionale Comunista o Comintern.

Dopo la guerra vennero a costituirsi tre organizzazioni internazionali nell'ambito del movimento operaio socialista, coincidenti in linea di massima con le divisioni verificatesi durante la guerra:
1 – I socialisti di „sinistra“ come, ancora per poco, erano considerati i comunisti, sotto la spinta di Lenin e dei bolscevichi fondarono a Mosca, il 4 marzo 1919, la monolitica Terza Internazionale. Essa sará sciolta il 15 maggio 1943, nel corso della seconda guerra mondiale.
2 – Nel congresso di Ginevra del luglio 1920 i socialisti di „destra“ (o socialdemocratici) ricostituirono la Seconda Internazionale, dopo le conferenze preparatorie di Berna (febbraio 1919), di Amsterdam e Lucerna (agosto 1919), di fatto sotto la direzione del Partito Laburista britannico.
3 – I socialisti di „centro“ invece preferirono, nel febbraio 1921, collegarsi fra loro per mezzo dell'Unione Internazionale Socialista (o Internazionale di Vienna), detta anche Internazionale due e mezzo. Essa si collocava in una posizione centrale rispetto alle altre due precedenti, con le quali propugnava la riunificazione, in quanto considerava l'unitá del movimento operaio un bene supremo da tutelare. Fallito ogni tentivo in tal senso, col congresso di Amburgo del 1923, Seconda Internazionale e Unione Internazionale Socialista si unificarono, dando vita all'Internazionale Operaia Socialis (IOS), che si scioglierá di fatto nel 1940, col dilagare del nazismo in Europa.

Volendo guardare al solo panorama socialista italiano, possiamo citare una situazione in cui si vennero a creare tre partiti socialisti:
1 – Nel secondo dopoguerra il PSI (Partito Socialista Italiano) occupava la sinistra dello schieramento socialista ed era alleato del PCI tramite il Patto d'unitá d'azione. Ne erano guida principalmente Pietro Nenni e Rodolfo Morandi. Vi militavano uomini come Sandro Pertini, Francesco De Martino, Emilio Lussu, Lelio Basso, Riccardo Lombardi.
2 – La scissione di Palazzo Barberini dell' 11 gennaio 1947 diede vita al PSLI (Partito Socialista dei Lavoratori Italiani), che nella geografia politica del tempo si collocava a destra del PSI. Ne era guida principale Giuseppe Saragat, ma vi militavano importanti personalitá del socialismo italiano, come Giuseppe Modigliani, Ludovico D'Aragona, Alessandro Schiavi, Aldo Aniasi, Leo Solari, Angelica Balabanoff, Alberto Simonini, Luigi Preti.
3 – A quella di Saragat seguirono altre scissioni, la piú importante delle quali fu l'uscita dal PSI della corrente di Giuseppe Romita del 21 maggio 1949. Il Movimento Socialista Autonomo che ne derivo' si fuse in seguito con l'Unione dei Socialisti, guidata da Ignazio Silone, e con le correnti di centro-sinistra e di sinistra del PSLI, dando vita al PSU (Partito Socialista Unitario), un partito socialista „centrista“ rispetto al PSI e al PSLI, che si proponeva l'unificazione del frastagliato mondo socialista italiano. Esponenti di spicco ne erano, oltre Romita e Silone, Ugo Guido Mondolfo, Tristano Codignola, Italo Viglianesi, Corrado Bonfantini, Giuseppe Faravelli, Aldo Garosci, Giuliano Vassalli, Paolo Vittorelli, Mario Zagari.
Nel 1951 PSLI e PSU si fonderanno nel PS-SIIS (Partito Socialista-Sezione Italiana dell'Internazionale Socialista), divenuto poi (1952) PSDI (Partito Socialista Democratico Italiano).

Nel 1964, in seguito ad una scissione a sinistra nel PSI, in occasione del varo del primo governo di centro-sinistra detto Moro-Nenni, fu costituito un partito socialista alla sinistra del PSI e cioé il PSIUP (Partito Socialista Italiano di Unitá Proletaria), diretto da Tullio Vecchietti e Dario Valori. In esso militavano Lelio Basso, Lucio Libertini, Salvatore Corallo, Vincenzo Gatto, Lucio Luzzatto, Giuseppe Avolio, Alcide Malagugini, Fernando Schiavetti.
Il PSI, in quella circostanza ridivenne un partito socialista di „centro“, con alla sua destra il PSDI e alla sua sinistra il PSIUP.
Il PSIUP si scioglierá il 13 luglio 1972, lasciando nel campo socialista gli altri due partiti: a destra il PSDI e a sinistra il PSI (6).

Oggi nel mondo il quadro sembrerebbe piú semplificato, con un socialismo di „destra“, coincidente piú o meno con le varie varie socialdemocrazie e con i partiti laburisti, che operano per allargare sempre piú la democrazia in funzione degli interessi dei lavoratori, ma anche del ceto medio produttivo e un socialismo di „sinistra“ che propugna la lotta democratica per „riforme di struttura“ che possano avviare la società in direzione di una sempre maggiore giustizia sociale.
Le differenze si sono fatte minime e le classificazioni difficili.
Il socialismo di „centro“, che pure ha avuto i suoi momenti di gloria, sembra in via di estinzione.

----

(1) In seguito i piú importanti saggi marxisti sull'imperialismo saranno quelli di Rudolf Hilferding (Il capitale finanziario), di Rosa Luxemburg (L'accumulazione del capitale) e di Lenin (L'imperialismo, fase suprema del capitalismo).
(2) Il leader dei socialisti italiani Costantino Lazzari (1857-1927), fu autore, di fronte alla guerra, della celebre formula adottata dal PSI Né aderire, né sabotare. Questa posizione dai rivoluzionari fu considerata “centrista”.
(3) Un ruolo fondamentale, nell'organizzazione dei due convegni contro la guerra tenuti in Svizzera, ebbe Robert Grimm (1881-1958), che faceva parte del “centro marxista” del partito socialista svizzero.
(4) A Zimmerwald parteciparono 38 delegati di 11 Paesi. Gli italiani erano: Costantino Lazzari, Giuseppe Emanuele Modigliani, Oddino Morgari, Giacinto Menotti Serrati, Angelica Balabanoff, poliglotta che fece anche da interprete.
(5) Dei 44 delegati presenti a Kienthal 19 facevano parte della cosiddetta „sinistra di Zimmerwald“, che era su posizioni rivoluzionarie. I delegati italiani erano: Angelica Balabanoff, Eugenio Dugoni, Costantino Lazzari, Giuseppe Emanuele Modigliani, Oddino Morgari, Camillo Prampolini, Giacinto Menotti Serrati.
(6) La maggioranza del disciolto PSIUP (67 %) confluí nel PCI, una minoranza (9 %) rientro' nel PSI e un'altra minoranza (23,8 %) fondo' il Nuovo PSIUP.


Fonte: di FERDINANDO LEONZIO

Link

[]
http://www.avvenirelavoratori.eu
Periodico socialista fondato 1897.
[]
www.ilponterivista.com
Rivista mensile di politica economica e cultura
fondata da Piero Calamandrei.
[]
www.biblionedizioni.it
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
www.criticaliberale.it
"NON MOLLARE" - Quindicinale on line di Critica Liberale,da più di quarant´anni la voce del liberalismo progressista in Italia.
Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio