25 Ottobre 2020

"ELEZIONI USA"

22-09-2020 - IL SOCIALISMO NEL MONDO
Joe Biden “è stato un buon vicepresidente solo perché ha capito come leccare il culo di Barack Obama”, dice Donald Trump del suo sfidante democratico alla Casa Bianca. “Slow Joe”, Joe il lento, “sleeping Joe”, Joe l'addormentato, è un debole, un ostaggio di quel matto di Bernie Sanders, un cavallo di Troia della sinistra e abolirà le periferie. Se vince Biden, la Cina diventerà padrona del nostro Paese, perché il suo programma è made in Cina mentre il mio è made in USA. E abbatterà il muro costruito lungo il confine messicano. Il vostro voto, dice Trump, deciderà se proteggere gli americani rispettosi della legge o dare le redini agli anarchici violenti, agitatori e criminali che minacciano i nostri cittadini. Sproloqui quelli di Trump, che si sono alienati una parte della popolazione, ma fanno presa su chi si è sempre sentito escluso dal linguaggio asettico della politica: uno stile che ispira devozione nei suoi fans, che fanno la coda per ore quando arriva in città per uno dei suoi raduni, dando invariabilmente performance che mandano in visibilio le folle e conquistano le prime pagine dei giornali. Sconfiggere la sua aggressività e la sua retorica non è un compito facile. Nei suoi discorsi Biden si appella ai buoni sentimenti, sottolinea i pericoli che corre la democrazia in caso di riconferma dell'attuale Presidente, lo accusa di aver fallito nel capire la serietà del coronavirus, ignorando il parere degli scienziati e promuovendo cure prive di efficacia e promette di “recuperare l'anima dell'America”. Ma fra lo sfidante, che promette di recuperare l'anima dell'America, e un Presidente, che promette posti di lavoro, non saranno pochi coloro che preferiranno la seconda alternativa. Soltanto tre anni di differenza separano i due avversari – 74 Trump, 77 Biden – ma Biden appare più fragile: la camminata incerta, le esitazioni durante i discorsi, la confusione verbale, fanno nascere perplessità circa la sua adeguatezza. Per questo la scelta di Kamala Harris, la carismatica senatrice californiana, come compagna di corsa è azzeccata. Kamala – 55 anni, di origine indo-americana e giamaicana, prima donna nera a candidarsi per la carica di vicepresidente, già procuratrice distrettuale di San Francisco - gli ha portato tutto ciò che gli serve: vitalità, giovinezza, calma, freddezza e può fare appello alle donne, ma anche alle comunità di colore. I sondaggi danno Biden vincente, ma quanto sono affidabili? Quanti sostenitori di Trump nascondono la loro scelta? I democratici lo sanno bene e temono il ripetersi della sconfitta di quattro anni fa. Nel 2016 Hillary Clinton ha avuto tre milioni di voti più di Trump, ma è stato lui a vincere la presidenza. Gli Stati Uniti usano un collegio elettorale dove a ogni Stato, più il distretto di Columbia, è assegnato un certo numero di voti a seconda della sua popolazione – nella situazione attuale basato sul censimento del 2010. In totale ci sono 538 elettori, tutte persone reali deputate a votare in accordo con come hanno votato i cittadini nel loro Stato. La California ne ha 55 – il massimo. Il Texas 38, Florida e New York 29 a testa e Illinois e Pensylvania 29 ciascuno. Chi vince, prende tutto. Se Biden prende un solo voto più di Trump in California si aggiudica tutti i 55 voti elettorali.
Law and order, la pandemia, l'economia e la polarizzante figura di Trump sono le aree chiave della battaglia delle elezioni di novembre. Durante i primi anni del suo mandato, l'economia ha avuto un balzo in avanti. Trump ha incrementato la produzione di greggio e di gas e gli Stati Uniti sono diventati i maggiori produttori di petrolio e gas naturale al mondo. Ha tagliato le tasse e iniziato un programma di liberalizzazioni - il deficit USA è però passato in quattro anni da 20 a 26 trilioni di dollari. Ha poi smantellato il sistema sanitario realizzato da Obama e il sistema postale al punto che votare per posta non sarà facile. La sua gestione della pandemia è costata al popolo americano 190.000 morti, 6,5 milioni di contagiati, più di 16 milioni di disoccupati. Lui minimizza, affermando che l'ha fatto “per non provocare panico nella popolazione”. Dati questi che giocano a suo sfavore. E poi ci sono i disordini. A innescare le ondate di proteste è stata l'uccisione di George Floyd, nero, per mano di poliziotti bianchi il 25 maggio a Minneapolis durante un fermo di polizia. Atti analoghi si sono verificati a Rochester nello Stato di New York, dove Daniel Prude, arrestato mentre corre nudo per strada, è morto soffocato dopo che i poliziotti gli hanno infilato un sacchetto in testa e l'hanno inchiodato al suolo. A Lacey, nello Stato di Washington, dove la polizia colpisce a morte Michael Reinhold “sospettando che sia armato” – Reinhold, attivista antifascista, si era reso responsabile a Portland nell'Oregon della morte di Aaron Danielson, un dimostrante membro di un gruppo di estrema destra supporter di Trump, durante gli scontri fra antirazzisti e sostenitori di Trump. A Kenosha, Wisconsin, dove durante un tentativo di arresto la polizia spara sette colpi nella schiena a Jacob Blake, nero, mentre cerca di entrare in macchina rendendolo paralizzato. Seguono manifestazioni di proteste, durante le quali Kyle Rittenhouse, 17 anni sostenitore di Trump, spara con un fucile a ripetizione e uccide due dimostranti. Trump ne difende l'operato, perché “ha agito per legittima difesa”. Ogni volta che si verifica un fatto del genere, scoppiano disordini, incendi, saccheggi. Ogni volta Biden condanna facinorosi e sciacalli, ma accusa anche Trump di fomentare la violenza nelle strade. Ogni volta Trump accusa Biden di “volersi ingraziare i terroristi interni”: sa che i disordini danneggiano i democratici e invia l'esercito nelle città dove i votanti non sono repubblicani. Questo gli ha garantito il plauso nelle periferie e nelle zone rurali. La risposta di Joe Biden non si è fatta attendere: l'ha accusato di fomentare la violenza nelle strade per attaccare i democratici come deboli per quanto riguarda il crimine. Ingigantendo la sensazione di caos provocato dai disordini, Trump allontana l'attenzione dalla sua disastrosa gestione del corona virus. E in nome di “law and order” loda l'operato della polizia anziché condannarne la brutalità. Risultato: 355.000 aderenti al Fraternal Order of Police, il più importante sindacato di polizia, ha dichiarato che sosterrà la sua rielezione “fieri di un candidato che invoca legge e ordine”. Dicono gli esperti: la storia ci insegna che ciò che conta non è tanto la condizione attuale, quanto la speranza che la situazione migliori presto. Nonostante i sondaggi diano Biden in testa, se Trump riuscirà a vendere speranza, il corso delle elezioni cambierà. L'11 settembre è uscito “Rage”, l'ultima opera di Bob Woodward, premio Pulitzer per l'inchiesta sullo scandalo Watergate che ha costretto l'allora presidente Richard Nixon alle dimissioni. “Rage” rivela fatti e misfatti di Donald Trump – la costruzione di una nuova arma letale, la sua consapevolezza dei pericoli del Covid 19 fin dal suo apparire, ecc. ecc. Potrà incidere sulle decisioni dell'elettorato? E' presto per dirlo. Trump ha dichiarato chiaro e tondo che in caso di sconfitta, non lascerà la Casa Bianca e i suoi fans potrebbero scatenare disordini. Se Biden perde, è possibile che siano i democratici a scendere in piazza, se ci sono state difficoltà nel voto per posta o intimidazioni ai seggi elettorali. Se i “global investors” avranno dubbi circa la tenuta della stabilità politica statunitense perché non sarà possibile proclamare un vincitore, il dollaro diventerà vulnerabile e avranno inizio periodi tumultuosi per il mercato azionario. Quel che è certo è che qualunque sarà l'esito, gli Stati Uniti dovranno affrontare momenti quanto mai difficili.


Fonte: di GIULIETTA ROVERA

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio