07 Luglio 2020

"BREXIT"

23-02-2020 - IL SOCIALISMO NEL MONDO
C’è un rimedio per rendere l’Europa continentale “libera e felice”, diceva Winston Churchill nel 1946: ricreare “una famiglia europea”, “una specie di Stati Uniti d’Europa”. Dieci anni dopo, nel 1957, con il Trattato di Roma nasce la Comunità Economica Europea, con l’obiettivo eliminare i dazi doganali, introdurre politiche comunitarie per quanto riguarda l’agricoltura e sviluppare relazioni più strette fra i sei Stati membri: Francia, Germania Ovest, Paesi Bassi, Belgio, Italia e Lussemburgo. Nel 1961 la Gran Bretagna inizia i negoziati per aderire alla CEE. Ma per due volte - nel 1963 e nel 1967 - Charles de Gaulle pone il veto. Il suo successore, Georges Pompidou, acconsente invece all’accesso, che si formalizza il primo gennaio 1973. Quel giorno i britannici, ascoltando la Nona di Beethoven, si abbandonano a un entusiasmo incontenibile: “adesione” significa ampliare mente e cultura. Significa gemellaggio di città, scambio di studenti, concorsi all’Eurofestival e Coppa europea. L’euforia è però di breve durata. L’anno seguente, il laburista Harold Wilson vince le elezioni di ottobre. Ma l’opposizione è forte abbastanza da obbligarlo a promettere un referendum, che vedrà il 67% della popolazione favorevole a rimanere. La campagna referendaria del 1975 fu un’inquietante anticipazione di quanto accadrà nel 2016. Gli argomenti pro e contro l’UE sono infatti analoghi a quelli che si verificheranno fra Boris Johnson e Kenneth Clarke: sovranità contro sudditanza, politica contro economia. In vista dell’introduzione dell’euro, intanto, il sistema monetario europeo cerca di stabilizzare inflazione e tassi di cambio delle nazioni aderenti al Mercato Comune. La Gran Bretagna opta per rimanerne fuori, ma l’adesione all’UE è ormai un fatto compiuto, anche se fonte di infiniti ripensamenti. Dagli anni settanta in poi, quasi tutti i leader arriveranno al potere col dimostrarsi anti CEE e se ne andranno difendendola, inclusi Wilson, Major, Blair, Cameron e May. Solo la Thatcher ne fu una sostenitrice dall’inizio a quando fu costretta a dimettersi. Quando la Thatcher entrò in carica nel 1979 con l’economia in caduta libera, i sondaggi davano al 65% coloro che volevano lasciare l’Europa. Il Regno Unito era all’epoca uno dei più grossi contribuenti del budget della CEE: questione che la Thatcher affrontò con risoluta determinazione e non mollò fino a quando riuscì a ottenere una riduzione del 70%. Poi affrontò i problemi relativi all’Atto unico europeo, la struttura di quello che sarebbe diventato il Mercato comune, promettendo di eliminare “tutti gli ostacoli al libero movimento di capitali, beni, servizi e persone”. L’Atto unico europeo diede sussidi alle politiche sociali e aprì la strada a un “parlamento” eletto e a una valuta comune, sulla quale però la Thatcher esitò. Vedeva nell’atto, la creazione di un mercato europeo in grado di competere con quello americano. Rivolgendosi agli inglesi, li incoraggiò a “sfruttare il potere d’acquisto del popolo più ricco del mondo”: i 300 milioni di europei. Non poteva essere più lontana da quanto sosterrà Boris Johnson. La Thatcher sa che un’isola deve poter godere di un libero mercato con la vicina terraferma. Sa che il mercato ha bisogno di normative, sa che le normative devono essere equilibrate, che non si deve deviare in politica interna, sociale o estera. E che se si tende all’unificazione politica, i britannici si sarebbero ribellati. Se l’Atto unico europeo era un argomento chiuso, la CEE non lo era. Bruxelles fa pressione per avere più potere. Lo scetticismo dilaga. La Thatcher litiga con i suoi più fedeli consiglieri su come o se la Gran Bretagna debba modificare i tassi di scambio in Europa. I Tory si spaccano in due. La Thatcher si sente intrappolata. Sebbene ciò che provocò la sua caduta nel 1990 sia il tentativo impopolare di introdurre la cosiddetta poll tax, un’imposta patrimoniale calcolata in base alla popolazione e non al reddito, furono le divisioni sull’Europa che la distrussero. Intanto, la nuvola nera dell’eurofobia diventava sempre più minacciosa.
Il 1 gennaio 1993 entra in vigore il Trattato di Maastricht, inaugurando l’Unione Europea e il mercato unico con libero movimento di beni, servizi, persone e moneta. Il che alimenta la divisione fra i Tory, perché temono il concretizzarsi di un Unione Europea centralizzata e federale. Major, succeduto alla Thatcher, si dissocia dall’euro e dalla politica sociale e nel luglio 1993 riesce a far passare con soli tre voti di maggioranza una versione edulcorata del trattato di Maastricht alla Camera dei Comuni. I politici ribelli nei ranghi dei conservatori – o “bastardi”, come li definisce Major – non si rassegnano e continuano a far sentire la loro voce alimentando un euroscetticismo crescente.
Blair va al governo nel 1997 con il Paese spaccato a metà sull’Europa. Si era sempre dichiarato contrario all’UE, una volta a Downing Street però cambia bandiera: vorrebbe diventare il leader d’Europa, ma il sogno evapora presto. Il 1 gennaio 2002 entra in circolazione l’euro. Il 1 maggio 2004 fanno il loro ingresso nell’UE dieci nuovi Paesi, fra cui Polonia, Lettonia e Ungheria – trasformando così, a detta degli euroscettici, un “club ristretto” in “un ‘accozzaglia”. Con l’apertura di nuove frontiere, comincia a soffiare sull’Europa il velenoso sentimento anti-immigrazione, e l’Europa ne diventa il capro espiatorio. La Gran Bretagna non impone restrizioni all’accesso del mercato del lavoro – e lavoratori iniziano a affluire dalle nazioni dell’Est: nel Regno Unito gli immigrati passano da una media di 35.000 all’anno a 127.000. Dopo vari tentativi per creare una “costituzione”, nel 2007 l’UE approva il Trattato di Lisbona, che precisa i poteri dell’UE e dà all’UE “personalità giuridica”. Cresce intanto il risentimento anti-immigrati, che favorisce l’ascesa di Nigel Farage, leader dell’Ukip (UK Independence Party), un partito impegnato a lasciare l’UE, che poco alla volta prosciuga linfa vitale dai locali partiti tory. Alle elezioni del 2015, solo il sistema maggioritario è di aiuto a David Cameron. Ma è costretto a promettere un referendum sull’Europa. Dopo aver a lungo esitato, Boris Johnson, l’allora sindaco di Londra, annuncia che appoggerà la campagna politica per la Brexit. Il 23 giugno 2016, i britannici vanno alle urne. Contro ogni previsioni, la nazione vota con un’affluenza del 72% per lasciare l’UE sia pure con uno stretto margine - 52% contro 48% . Il 31 gennaio 2020, il Regno Unito esce ufficialmente dall’UE.
La maggioranza dei britannici esulta: finalmente, hanno “riconquistato la piena sovranità” sul loro Paese. Finalmente con Boris Johnson, un leader che “trasuda energia, ottimismo e buon umore”, il partito conservatore, come il Paese del resto, inizia una “nuova era della sua storia”. La minoranza, viceversa, è affranta. Coloro che temono il disintegrarsi del Regno Unito non sono pochi. Fino a quando infatti Scozia, Galles e Irlanda non rivendicheranno il diritto alla propria sovranità, alla propria autonomia?



Fonte: di GIULIETTA ROVERA

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account