11 Luglio 2020

"Anno bisesto, anno funesto.
Quando le libertà costituzionali sono soppresse per decreto del Presidente del Consiglio"

27-03-2020 - IL GRASSETTO
Anno bisesto, anno funesto. Mai credenza popolare fu così suggestiva come in questo 2020. E non solamente per il virus venuto dalla Cina a complicare una scena internazionale, già particolarmente travagliata, a partire dalla crisi USA-Iran. Ma anche perché il virus stesso disvela lo sgretolamento delle garanzie costituzionali di libertà e di tutte le istituzioni democratiche, nonché l'inadeguatezza della classe politica più in generale.
Il caso italiano è particolarmente evidente. Diciamo così: la classe politica attuale si trova, oramai, al momento sbagliato, nel posto sbagliato. Mi spiego ancora più brutalmente: nella migliore delle ipotesi, siamo di fronte a dilettanti allo sbaraglio, con pose da statisti alla Casalino & C. I quali, se in tempo di prosperità economica e di quiete sociale potrebbero essere tollerati e commettere errori veniali, di cui sarebbero certamente assolti dall'opinione pubblica, in tempi di crisi economica e finanziaria, nonchè di emergenza pandemica, che miete ogni giorno vittime a centinaia, dovrebbero essere denunciati dalla stessa opinione pubblica come cattivi reggitori dello Stato, giacché commettono - è bene dirlo - danni davvero fatali.
Tra i danni fatali commessi in questi mesi (ma pure dovremmo dire anni - perlomeno a partire dalla modifica del Titolo V della Costituzione dalla cosiddetta Sinistra, "antifascista", "bellacioista", "piaciona", e con mille altri eccetera), vi è la soppressione di quasi tutte le libertà fondamentali della persona umana con un tratto di penna e il sostanziale svuotamento delle prerogative del Parlamento, mentre la massima magistratura dello Stato, ovvero il Presidente della Repubblica, rimane in silenzio, chiuso nel suo rispettoso (rispettoso) quanto incomprensibile silenzio.
Ora noi sappiamo che il consenso del Presidente del Consiglio è altissimo e che Mattarella gode di larghissima stima per la sua evidente (metterei questo avverbio al corsivo, ovvero così: evidente) statura MORALE. E sappiamo altresì che, a causa di queste ragioni da vox populi, dovremmo essere seppelliti da un cumulo assordante di buuuuuuuh se volessimo sollevare talune nostre perplessità di fronte ai meriti dei consensi dell'uno e delle considerazioni di favore per l'altro.
Faccio tuttavia osservare che tra le libertà fondamentali della persona umana è il diritto di espressione. E in ragione di quest'ultima libertà costituzionale, che ancora sopravvive, e prima che anch'essa sia soppressa dall'avvocato del popolo - parliamo ovviamente in forma ipotetica -, vorremmo pertanto denunciare all'opinione pubblica alcune cosarelle di poco conto - anche per il sommo Zagrebelsky. E cioè la decretazione d'urgenza come mezzo per stravolgere i principi fondamentali della Costituzione, provocare la chiusura de facto del Parlamento italiano e salvare, ancora una volta e dopo mille giravolte trasformistiche, la poltrona tanto immeritata del Presidente del Consiglio.
Tra le molteplici sfumature di colore dei vari decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, si comprendono numerose compressioni delle libertà fondamentali della persona umana e delle principali garanzie costituzionali previste dal nostro ordinamento. Mi riferisco in particolare all'articolo 4, che riconosce il diritto al lavoro, all'articolo 7, che riconosce alla Chiesa autonomia, indipendenza e sovranità nel suo ordine interno, all'articolo 8, che garantisce alle confessioni diverse dalla cattolica piena libertà di fronte alla legge, nonché il diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, all'articolo 16, intorno alla libertà di movimento, all'articolo 17, intorno alla libertà di riunione privata, in luogo pubblico o aperto al pubblico, nonché all'articolo 19, sulla libertà di svolgere e propagandare il proprio credo religioso.
A questo punto ognuno vedrà come tali diritti fondamentali della persona umana non possano essere compressi con un tratto di penna da un solo uomo al comando, foss'anche il Presidente del Consiglio. E questo non solamente per evitare derive autoritarie, ma perché, nel nostro ordinamento, la centralità dell'azione legislativa non è in capo al Presidente del Consiglio, ma al Parlamento, cui il Governo sottrae oggi ogni voce in capitolo.
Questa deriva irrispettosa e autoritaria del Presidente del Consiglio non ci stupisce. Fino all'altro ieri era il referente di un movimento politico che irride al Parlamento, che ritiene gli eletti del popolo italiano una manica di delinquenti e che ha proposto per questo lo sfoltimento consistente del loro numero. E' vero che si è opposto strenuamente alla volontà di Salvini di ottenere dal popolo italiano i pieni poteri. Ma questa sua opposizione deriva dal fatto che questi pieni poteri egli li rivendica oggi per sé stesso, con la complicità della cosiddetta "Sinistra", che ritiene la Costituzione come la Carta più Bella del Mondo. E forse per questo motivo lascia che ad essa si rechi offesa dall'uomo solo al comando e che, di fatto, non senta il bisogno di difendere le prerogative democratiche del Parlamento. Tanti saluti allora ai giuramenti sulla Costituzione più Bella del Mondo, che questa cosiddetta Sinistra utilizza a intermittenza per ragioni di tornaconto personale. Ma i conti con la storia, prima o dopo, si pagano. E noi crediamo che questo momento sia già venuto a dichiarare questi ipocriti: spergiuri.
Qualcuno potrà sollevare l'argomento dell'emergenza sanitaria in atto. E qui nessuno di noi negherà il carattere emergenziale di questa pandemia. Ciò che noi contestiamo è che, allo stato di allerta nazionale, non sia seguito un ampio coinvolgimento del Parlamento sulle scelte da intraprendere. E ciò è avvenuto per raggiungere un solo obiettivo, e cioè il rafforzamento sostanziale non già dell'Esecutivo, ma del Capo dell'Esecutivo punto e basta. Ciò che appare paradossale è che il Parlamento stesso, preso da timori alla Don Abbondio, anziché dal coraggio di San Carlo Borromeo, si sia reso complice di questo piano, quando ha invocato la quarantena delle istituzioni, che poi significa una cosa sola, ovvero il tradimento colpevole del proprio mandato. Contro simili vergogne verrebbe da chiedere ai signori del Parlamento: lasciate adesso i vostri scranni a persone più degne di voi!
Da quanto ci siamo detti fino ad ora, ci pare chiaro che il mancato rispetto nei confronti del Parlamento e la conseguente compressione dei diritti di libertà siano azioni gravi contro il popolo italiano da parte di chi si era proclamato avvocato del Popolo, senza averne avuto il mandato. Ci troviamo di fronte, pertanto, contro un vero e proprio attentato agli organi costituzionali stessi. E questo perché si è voluto derogare alla vita democratica del paese per esercitare sul paese stesso dei poteri che la Costituzione non conferisce al Presidente del Consiglio, ma piuttosto al Parlamento. Lo strumento del Decreto del Presidente del Consiglio non può, infatti, prevedere la sospensione dei diritti fondamentali della persona umana e un controllo così poliziesco sulla vita civile del paese come neppure Scelba aveva attuato.
Ciò che andiamo dicendo non sono considerazioni farneticanti, bensì l'essenza della vita democratica delle istituzioni bene ordinate. Nessuno, infatti, può essere superiore alla legge. E la legge suprema è per noi democratici per-dav-ve-ro la Costituzione. E in Costituzione non vi è posto per avvocaticchi del popolo o uomini soli al comando.
Se così stanno le cose, e credo che le cose stiano purtroppo in questo modo, il Presidente del Consiglio deve essere richiamato ai suoi doveri istituzionali. E siccome la Massima Magistratura dello Stato tace, le altre cariche dello Stato tacciono e il Parlamento vuol tornare a casa, finché la peste sia cessata, la nostra piccola rivista è costretta a farsi avanti. Ci dica, signor avvocato, una volta per sempre, quale disegno ella stia costruendo per sé stesso. E se intenda o meno sottomettersi come tutti i cittadini alla Costituzione.
In ogni caso la informiamo che lo strumento del Decreto del Presidente del Consiglio non può spazzar via le garanzie costituzionali di libertà. Non siamo ancora di fronte alla monarchia assoluta di antico regime. E ci teniamo altresì a informarla, signor avvocato, che i suoi atti presidenziali sono atti meramente amministrativi. E nella gerarchia delle fonti questo ragionamento può significare solamente una cosa: che gli atti amministrativi sono provvedimenti secondari, che non possono superare, contrastare o derogare le leggi del Parlamento e la Costituzione della Repubblica. Spiace che la Massima Magistratura dello Stato non abbia avuto qualcosa da eccepire a riguardo.
Prevedere limiti costituzionali per mero strumento amministrativo a firma del Presidente del Consiglio può voler dire solamente una cosa, ovvero che il Presidente del Consiglio stesso miri a consolidare un potere personale autoritario in contrasto con le prerogative del Parlamento e in dispregio della Costituzione della Repubblica. E questo non dobbiamo consentirlo, neanche in nome della crisi sanitaria attuale. Se consentissimo a ciò, dovremmo consentire alla fine della nostra civiltà democratica in favore di un regime dispotico o alla cosiddetta democratura dell'uomo solo al comando.
Con i suoi reiterati provvedimenti di polizia, di cui peraltro dubitiamo assai circa l'efficacia, ella, signor avvocato, ha offeso il Parlamento, che è l'espressione diretta della volontà del popolo italiano. Solamente il Parlamento può infatti consentire, mediante legge ordinaria o convertendo in legge ordinaria un Decreto Legge, la sospensione di taluni diritti di libertà costituzionali, per un tempo peraltro limitato e motivato da gravi ragioni oggettive. L'art. 77 della Costituzione è chiaro: “[…] Il Governo non può, senza delegazione delle Camere, emanare decreti che abbiano valore di legge ordinaria. Quando, in casi straordinari di necessità e d'urgenza, il Governo adotta, sotto la sua responsabilità, provvedimenti provvisori con forza di legge, deve il giorno stesso presentarli per la conversione alle Camere che, anche se sciolte, sono appositamente convocate e si riuniscono entro cinque giorni. I decreti perdono efficacia sin dall'inizio, se non sono convertiti in legge entro sessanta giorni dalla loro pubblicazione. Le Camere possono tuttavia regolare con legge i rapporti giuridici sorti sulla base dei decreti non convertiti […]”.
Mi pare chiaro da quanto abbiamo finora esposto che in Italia siamo oramai giunti allo sfascio totale delle nostre istituzioni democratiche, in funzione di un disegno autoritario del Presidente del Consiglio, nel silezio assordante della Massima Magistratura dello Stato e dei membri del Parlamento. Di fronte a questo atto di forza del Presidente del Consiglio, il popolo italiano si trova peraltro senza difesa alcuna, anche perché nessun giudice potrà dar loro ragione, stante la chiusura sine die di tutti i tribunali della Repubblica. Eppure, caro Giuseppi, benché ella intenda derogare a tutti i principi di libertà conquistati col sangue dei nostri migliori rappresentanti alla Costituente, noi non siamo per nulla intimoriti dalla sua tracotanza e denunciamo le sue furbizie. Né siamo scoraggiati dai silenzi delle alte magistrature dello Stato e dalle viltà del Parlamento. Ciò che dovevamo dire lo abbiamo detto per rispetto di noi stessi e della nostra civiltà democratica, presa d'assalto da un manipolo di giovani analfabeti da avanspettacolo e da giuristi opportunisti alla moda. La strada della libertà da questi orrori giuridici ci sembra adesso lunga e insidiosa. Ma guai a noi se non la percorressimo a testa alta.


Fonte: di STEFANO GAGLIANO

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account