26 Settembre 2020

"50 ANNI FA LO STATUTO DEI LAVORATORI:
UNA CONQUISTA DI CIVILTA' GRAZIE AI SOCIALISTI"

26-05-2020 - RIFLETTORE
Era il 20 maggio del 1970 quando la Camera, con il voto favorevole del Psi, della Dc, del Pri, del Psu e del Pli approvò la legge 300: ossia lo Statuto dei lavoratori. I voti contrari furono solo dieci: Pci, Psiup e Msi si astennero. Si trattò di una conquista del mondo del lavoro ottenuta grazie all'azione dei socialisti: di Giacomo Brodolini, ministro del lavoro che, purtroppo, era morto a Zurigo l'11 luglio 1969 per un tumore. Brodolini non vide l'arrivo in porto della legge da lui voluta; ce la condusse il suo successore, Carlo Donat Cattin, in maniera egregia . Insieme a Brodolini, l'altro vero protagonista fu Gino Giugni che materialmente la stese.
Brodolini, nella storia del socialismo italiano, occupa un posto di rilievo. All'impegno politico era arrivato sotto le armi. Marchigiano di Recanati, ufficiale di complemento, dopo le campagne di Grecia e d'Albania, venne mandato in Sardegna, ove rimase fino all'8 settembre. Qui entrò nel Partito d'Azione di cui divenne, poi, segretario della Federazione di Ancona; vicinissimo a Ferdinando Schiavetti, giellista dal 1937 quando confluì nel movimento di Carlo Rosselli, in Francia, con il suo movimento,l' “Alleanza repubblicano-socialista”, seguace di Emilio Lussu. Alla fine del PdA, Brodolini confluì nel Psi cominciando ad occuparsi delle tematiche sindacali. Segretario della federazione socialista di Ancona, membro del Comitato Centrale del Partito dal 1948, fu chiamato nel 1950 da Rodolfo Morandi, al lavoro nella CGIL quale segretario della Federazione degli edili; in seguito divenne vice-segretario dell'organizzazione sindacale con Di Vittorio segretario generale e Fernando Santi aggiunto. Fu Brodolini che, nel 1956, stese il documento – che ebbe la piena approvazione di Di Vittorio –con il quale la Cgil condannava l'intervento sovietico in Ungheria. Per tale documento Di Vittorio subì una severa reprimenda da parte di Togliatti che lo costrinse ad aderire alla posizione ufficiale del partito. Di Vittorio, tuttavia, pubblicamente non sconfessò il suo operato di leader sindacale per l'esigenza di mantenere unito il movimento dei lavoratori. Deputato dal 1953 e senatore nel 1968, vice-segretario del PSI dal 1963 al 1966, Brodolini divenne Ministro del lavoro nel primo governo Rumor (1968-1969) distinguendosi per un'ampia attività legislativa in campo sindacale e previdenziale, il superamento delle gabbie salariali,la ristrutturazione del sistema previdenziale e la promozione dello Statuto dei lavoratori. Per l'impegno politico profuso, soprattutto nella fase ultima della sua vita, il presidente Giuseppe Saragat lo insignì della Medaglia d'Oro al valor civile.
Brodolini, va detto, smentisce, a diceria sugli azionisti che “non sapevano cosa volevano, ma lo volevano subito”; degli azionisti quale politici astratti, mentre invece erano concreti riformatori. Basti pensare che la nazionalizzazione dell'energia elettrica vide protagonisti due azionisti: Riccardo Lombardi e Ugo La Malfa e quella della scuola, Tristano Codignola; Brodolini, con lo Statuto dei lavoratori, testimoniò cosa significasse l'incivilimento socialista.
In occasione del mezzo secolo dallo Statuto si è ripetuto che, con esso, la Costituzione venne portata in fabbrica. E' vero. Per la prima volta, nella storia d'Italia, l'operaio non era solo un prestatore di opera, ma un cittadino e come tale andava considerato e trattato. Un convegno a Recanati nel 2009, promosso da uno dei suoi più stretti collaboratori, Enzo Bartocci, ne ha ricostruito la vita e la vicenda politica.
E accanto a Brodolini, Gino Giugni, che si era avvicinato ai problemi del lavoro fin dagli anni dell'università – a vent'anni, nel 1947, aveva aderito al partito di Saragat per rientrare poi nel PSI di cui è stato parlamentare – senatore dal 1983 al 1994 e deputato per i Progressisti fino al 1996 - e, nell'ultima fase del PSI, pure suo presidente; ministro nel governo di Carlo Azeglio Ciampi. Laureatosi con Giuliano Vassalli con una tesi sullo sciopero, Giugni fu docente di diritto del lavoro presso le Università di Bari, di Roma e la Luiss; nel 1969 venne incaricato di presiedere la commissione incaricata di elaborare lo Statuto dei lavoratori.
Gino Giugni non era un socialista “ideologico”; era un socialista che voleva fare dell'Italia una democrazia compiuta. Modernizzare le relazioni industriali fu il suo grande impegno essendo a tratti più vicino alla CISL che alla CGIL ritenuta troppo appiattita sul Pci. Capì anche bene, con anticipo, che con il cambio della produzione che si stava realizzando, forse lo stesso Statuto andava rivisto; il tanto contestato art.18 è stato poi cancellato dal governo Renzi. Considerò sempre lo Statuto come una legislatura di sostegno alla ricordata entrata della Costituzione in fabbrica. Nel 1983 venne colpito dalle Brigate Rosse per il contributo dato all'elaborazione del protocollo Scotti sulla scala mobile. Socialista, non ebbe mai rapporti facili con Bettino Craxi. Al governo nel gabinetto Ciampi fu Giugni che disegnò l'accordo tra i sindacati e la Confindustria nel segno della concertazione; un accordo per cui gli aumenti salariali non avrebbero potuto superare il tasso d'inflazione programmato.
Brodolini e Giugni: due storie che ci dicono anch'esse cosa sia stato il socialismo italiano; due storie che dovrebbero insegnare a chi oggi continua ancora a guardare al socialismo.
Lo Statuto dei lavoratori rappresenta una vera svolta nella storia del diritto del lavoro in Italia. Ha scritto Marco Revelli:”Erano passati esattamente cinque mesi dal 21 dicembre 1969, giorno della firma di quel contratto dei metalmeccanici che era stato al centro dell' ‘autunno caldo' facendo di quell'anno (45 contratti nazionali in scadenza) il punto più alto e intenso di conflitto sociale nella storia italiana con i suoi 220 milioni di ore di sciopero, le centinaia di migliaia di tute blu mobilitate nelle fabbriche e nei cortei, i picchettaggi di massa, i blocchi stradali, gli scontri di piazza (a Milano, il 19 novembre, era morto l'agente Annarumma). Lo Statuto era la risposta a quell'onda, nel tentativo di mediare il conflitto costituzionalizzando i rapporti d'impresa facendo ‘entrare la Costituzione in fabbrica', e con essa il Sindacato. In sostanza, estendendo la qualità di cittadino anche al lavoratore.”
Il titolo I della legge riguardava Della dignità e libertà dei lavoratori. Vi si legge nell'art.1:”I lavoratori, senza distinzioni di opinioni politiche, sindacali e di fede religiosa, hanno diritto, nei luoghi dove prestano la loro opera, di manifestare liberamente il proprio pensiero.” I Titoli II e III riguardavano la libertà e l'attività sindacale. L'articolo 18, in meno di 1700 parole, costituiva un pò l'architrave di tutto il provvedimento prevedendo di reintegrare il lavoratore licenziato per rappresaglia.
Era iniziata la lunga marcia dei diritti del lavoro, e non solo; il Pci, come già detto si astenne e Il Manifesto-Pdup condannò la legge come un'ennesima truffa a danno dei lavoratori e praticamente, in Parlamento, se ne disinteressò. Nella ricorrenza, una protagonista di allora, Luciana Castellina ha scritto che oggi “è difficile capire come l'intera nuova sinistra abbia potuto esprimere un simil giudizio negativo sullo Statuto dei lavoratori.” Non lo è poi tanto: ce lo dice ancora oggi quanto fa diverso il socialismo dal comunismo; il senso compiuto della democrazia che si evolve nella libertà e l'organicismo politico che, in nome di un arruffato senso rivoluzionario, non porta a nulla e finisce per essere contro il processo di incivilimento che è proprio, nella libertà e nella democrazia, del socialismo.
Oggi il mondo del lavoro è cambiato e sappiamo quanto e più di allora i diritti sono negati a chi vive con il salario,per coloro he hanno la fortuna,si può dire, di averlo. I principi però non vengono incisi dal tempo e a essi bisogna guardare per cambiare le cose,innescare una giusta lotta per la dignità dell'uomo,del cittadino lavoratore,per coloro che rischiano di non avere né lavoro e pure la cittadinanza,quella che indica nello spirito e nella lettera la Costituzione della Repubblica italiana.



Fonte: di PAOLO BAGNOLI

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio