19 Maggio 2024

"25 APRILE 2023"
di Paolo Bagnoli

26-04-2023 - EDITORIALE
Ci siamo purificati, cittadini, col sangue dei figli migliori. Ed il sigillo di sangue abbiamo posto sul fascismo perché ogni ponte fosse rotto ed impossibile ogni ritorno verso il passato.

Sono parole di Ferruccio Parri nel Radiomessaggio indirizzato al popolo italiano in occasione della formazione del governo da lui presieduto. Leader della Resistenza armata, Parri la personifica e tutta la sua vita ci dice come egli sia uno degli italiani più alti del nostro Novecento; per capire cosa significhi amore della Patria, della libertà, della democrazia nonché i valori etici e morali della vita basta riandare alla sua vita spesa per gli ideali della giustizia e della libertà. Il suo governo – il governo della Resistenza – durò dal 21 giugno al 24 novembre 1945; mesi intensi e drammatici e la sua messa in crisi fu dovuta a un'ampia trama di Palazzo promossa dal partitismo di destra e di sinistra, motivato da ragioni diverse, ma convergente nel voler prendere la scena. Il governo da lui presieduto cadde, ma ciò non intaccò la sua spessa caratura morale. Rimase sempre Maurizio: punto di riferimento costante del partigianato e dell'Italia antifascista, di tutta l'Italia antifascista; non solo di una parte, non solo di quella del Partito in cui militava, il Partito d'Azione, che ebbe vita breve e gloriosa.

25 aprile ed è subito Parri. Anche quest'anno in cui la ricorrenza, da come succede dal 1994, anno dell'ascesa di Silvio Berlusconi al governo, è oggetto di polemica politica. La disputa sul suo significato è cominciata con la stagione berlusconiana e ogni anno è andata in onda, regolarmente, sempre suonando il solito spartito, in una baraonda di falsità, di ipocrisie, di riproposizione di questioni che puzzano di stantio, sia storico che politico. Tutti gli anni; quest'anno, essendo al governo l'ultima fioritura dell'albero piantato dal fascismo repubblicano, lo scenario della polemica è stato ancora più forte in un insieme di idiozie politiciste che si mixano. Riassumerle tutte è praticamente impossibile, ma se ancora si continua a sostenere che la Resistenza fu sostanzialmente “rossa” e che c'è bisogno di una “pacificazione” oppure che non c'è bisogno di dichiararsi antifascisti perché il termine “antifascista” nella Costituzione non appare, bisognerà pur domandarsi perché ciò avvenga e quali insidie si celino dietro tutto ciò. Certo che lo si può fare anche senza formalmente negare le radici della Repubblica, basta modificare la Costituzione nella sua fondante istituzionalità ed ecco che il gioco è fatto; poi, magari, si chiamerà necessario ammodernamento, ma a quel punto si risistema artatamente la storia d'Italia e si apre una pagina nuova con la Resistenza e l'antifascismo archiviati definitivamente inneggiando sicuramente alla pacificazione e all'assurdità della storia condivisa che non si capisce cosa vogliano dire. O meglio, si capisce bene: rendere l'onore del valore ideale a chi scelse Salò giustificandone la decisione in quanto “ragazzi” volendo indicare con la parola come la giovinezza di chi si arruolò nelle Brigare Nere, nella Guardia Nazionale Repubblicana, nelle SS italiane, nella X Mas, operò nelle bande Koch e Carità o rispose ai bandi del maresciallo Rodolfo Graziani, debba essere considerata come un dato che giustifica l'aver scelto la parte sbagliata. Ai morti di tutte le parti l'onore di tutti, ma le scelte politiche e i comportamenti che ne seguono non ammettono scusanti; e poi, come si fa, a parlare di pacificazione e riconciliazione – ciò vale anche per quanto disse Luciano Violante nel 1996 al momento di insediarsi alla presidenza della Camere – e poi parlare di guerra civile. In effetti ci fu. La Resistenza è stata anche una guerra civile; se non andiamo errati, Leo Valiani lo disse prima di Claudio Pavone senza nulla togliere, naturalmente, al suo pregevolissimo libro. E poi ancora “ragazzi”? Ma quelli che andarono in montagna o che si arruolarono nei Gruppi di Combattimento, cosa mai erano? Pensionati? Fuggiti da case di riposo? Ma via, almeno un po' di decoro! Sì, la resistenza fu anche una guerra civile con il carico di odio e di crudeltà proprio di tali scontri e con le scie lunghe e dolorose che esse lasciano oltre la fine formale del conflitto.

Di come sono andate le cose si sa e la storia non è cambiabile. In un discorso dai toni alti, forti e chiari tenuto a Cuneo, Sergio Mattarella ha richiamato in maniera ferma i fondamenti della Repubblica e il suo senso storico-politico che è un tutt'uno con quello dell'antifascismo. Un passaggio, in particolare, ci è parso rivolto alla destra e alla presidente del consiglio. Giorgia Meloni, infatti, ha concluso una lunga articolessa pubblicata il giorno della ricorrenza sul “Corriere della Sera” - scritta con il passo di una calibrata corsa sul posto, ben attenta a non sbilanciarsi - facendo capire che, sia quelli che avevano combattuto da una parte e quelli che lo avevano fatto sull'altra, dovevano tutti essere considerati “patrioti”. Mattarella è andato dritto al cuore del problema dicendo: “La Resistenza fu anzitutto una rivolta morale di patrioti contro il fascismo per il riscatto nazionale, un moto di popolo.”

Il fatto che si usi la storia politicamente non è certo una novità. Il 25 aprile ha vinto la libertà, ha vinto l'antifascismo e, in questo caso, l'essere contro il comunismo non c'entra proprio niente. La data che celebra la libertà riconquistata non è contaminabile con nulla o nient'altro che non sia la lotta contro il fascismo e il nazismo. I crimini del comunismo li conosciamo e benché il comunismo bolscevico sia caduto da un pezzo, Vladimir Putin ne rappresenta, tragicamente e drammaticamente, la coda astenica. Se il mondo, tuttavia, è riuscito a liberarsi da Hitler e Mussolini e dei vari fascismi che imperversavano un po' in tutta l'Europa lo dobbiamo anche agli ottocentomila morti caduti nella difesa di Leningrado assediata dalle truppe tedesche dal settembre 1941 al gennaio 1944. Dichiarare che celebrare la vittoria sul fascismo ha un senso “nazionale” solo se si fa dichiarazione di anticomunismo è un'operazione che non solo annacqua il senso “nazionale” e pluralistico che ebbe la Resistenza, ma significa privarla della sua specificità storica, politica, civile e morale; significa negare ciò che giustifica la Repubblica, ciò che rappresenta ed esprime la Costituzione, lo spirito e il senso della democrazia repubblicana. Fu un'Italia unita quella che prese le armi contro il nazifascismo; non ideologicamente, ma per spirito nazionale che accomunava uomini e donne di fede politica diversa: azionisti, socialisti, comunisti, democristiani, repubblicani, anarchici, liberali, monarchici, militari, si batterono in nome dell'Italia da liberare. Preti, suore, protestanti, ebrei li ritroviamo nella lotta comune contro il nazifascismo e quanti dettero la vita per quest'ideale che era superiore a ogni altro credo personale, fosse esso politico, filosofico o religioso; ma che storia condivisa: non ci può essere condivisione per l'inconfutabile realtà dei fatti, tra chi è dalla parte della libertà e chi no.

Il poco edificante spettacolo cui stiamo assistendo con una destra che non sarà mai antifascista così come va inteso il termine e che non riesce nemmeno a pronunciare la parola fascismo per nascondere quanto vi si senta culturalmente ancora legata e un campo opposto che si ricorda dell'antifascismo quando il calendario lo impone, ci dà ragione di una crisi generale dell'antifascismo medesimo, non formalmente abbandonato nel corso di tutti questi lunghi anni di crisi, del suo parlarne quasi solo in termini di retorica, nel considerarlo esclusivamente un passaggio della storia e non, come dovrebbe essere per l'Italia, di un dato politico permanente: è da lì, infatti, che dopo la fine della prima repubblica, da quei valori, che poi sono quelli costituzionali e dalla sua cultura corale, che si doveva ripartire per ricostruire il sistema democratico italiano, rifuggendo da ogni tentazione governista oppure da continui tentativi di cercar di saltare la propria ombra: un tentativo che non è mai riuscito a nessuno. Nel momento storico in cui ci sarebbe stato più bisogno, anzi necessità, di una reale ed efficace pedagogia repubblicana, si è preferito lasciar andare, rendersi schiavi della comunicazione rinunciando ai pensieri compiuti, consegnarsi al leaderismo alimentato dai social, al vuoto della consapevolezza culturale e pure alla bulimia dell'ignoranza fattuale – per esempio, per leggere le cose grandi dalla lente di quelle piccole un autorevole, così almeno riteniamo si creda lui, parlamentare del Pd affabulando sulla necessità di pacificare ha citato Ciampi che fu combattente nella guerra di liberazione come un partigiano della Brigata Maiella!!! - insomma, alla costruzione di quel vuoto politico che ha portato i pronipoti di Salò al governo del Paese e ridotto l'antifascismo alla sola data del 25 aprile. Il presidente Ciampi seppe precisare il senso fattuale della patria repubblicana partendo dal Risorgimento, dipanando il filo lungo dell'unitarietà nazionale nell'idea di libertà e con ciò, non solo rispose alla tesi assurda della morte della patria, ma esplicitò il nocciolo di una battaglia che da opposizione e Resistenza si era fatta di liberazione e questa riguardava tutti. La libertà era divenuta patrimonio di tutti gli italiani. Carlo Azeglio Ciampi veniva dalle file dell'antifascismo democratico, dal Partito d'Azione la cui sezione fondò appena rimise piede nella sua Livorno distrutta dalla guerra, divenendone segretario e come primo atto organizzò una celebrazione di Carlo e Nello Rosselli.

L'Italia antifascista, comunque, è scesa in piazza e, alla fine il 25 aprile è stato onorato. Ancor più onorato visto che quest'anno non ci sono state contestazioni allo striscione della Brigata Ebraica. Noi siamo andati a Sant'Anna di Stazzema ove il 12 agosto 1944 – il giorno dopo l'insurrezione di Firenze – tre reparti di SS insieme a militi della RSI – i famosi “ragazzi” - rastrellarono tutta la popolazione, uccidendo centinaia di civili, di cui solo 320 poterono essere riconosciuti con raffiche di mitra, bombe a mano, rivoltelle. L'obbiettivo era quello di soggiogare la popolazione al terrore, distruggere il paese e sterminare i civili per rompere ogni collegamento fra gli abitanti e le formazioni partigiane della zona. Nella motivazione della Medaglia d'Oro conferita al Comune di Stazzema per la strage di Sant'Anna e per quelle di quella parte della Versilia si parla di 560 vittime. Siamo saliti fino al Monumento Ossario di Sant'Anna memori delle parole di Piero Calamandrei che ricordava come la Costituzione sia stata scritta là dove si è caduti per mano nazifascista.

Da pacificare non c'è proprio niente; da riflettere c'è ancora molto; partire dalle citate parole di Ferruccio Parri può essere un buon avvio.




Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie